Luglio 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

16/05/2022
Russia - Vertice della CSTO a Mosca


Mosca, 16 maggio 2022 - L'ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato di per sé non minaccia la Russia, ma l'emergere dell'infrastruttura militare dell'alleanza in questi paesi provocherà una risposta.
Lo ha affermato lunedì il presidente russo Vladimir Putin al vertice dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva a Mosca, che si è tenuto di persona per la prima volta in due anni e mezzo.
Il leader bielorusso Alexander Lukashenko ha proposto di formulare come «reagire politicamente» alla prossima ondata di espansione della Nato. Allo stesso tempo, nella dichiarazione finale, i partecipanti alla riunione hanno sottolineato la loro disponibilità a stabilire una «cooperazione pratica» con la Nato.
TASS ha raccolto le principali dichiarazioni dei leader al vertice dell'anniversario.

A proposito di Ucraina

Putin ha raccontato ai suoi colleghi della CSTO il corso dell'operazione militare in Ucraina nella parte a porte chiuse dell'incontro. In pubblico si è limitato a ricordare il «neo-nazismo dilagante» in questo Paese, a cui il «cosiddetto Occidente collettivo» chiude un occhio, e ha sottolineato che nei laboratori americani in territorio ucraino, «in effetti, sono stati creati componenti di armi biologiche».
L' Occidente, secondo Lukashenko, cerca di prolungare il più possibile il conflitto in Ucraina: «Per questo, l'Ucraina continua ad essere rifornita di armi. Gli obiettivi sono chiari: indebolire il più possibile la Russia, affogandola, come si suol dire, in questa guerra. Stiamo vedendo anche questo».
I più pericolosi, secondo il leader bielorusso, sono i «tentativi di smembramento» dell'Ucraina - secondo lui, l'Occidente ha già «creato migliaia di unità» per entrare nel territorio di questo paese sotto le spoglie di forze di pace.
Allo stesso tempo, non è stato trovato un posto per l'Ucraina nella dichiarazione congiunta finale dei leader.

Sull'espansione della Nato

Di per sé, l'espansione della Nato a spese di Finlandia e Svezia, che hanno ufficialmente annunciato l'intenzione di fare domanda per l'adesione all'alleanza, non minaccia la Russia: «non ha problemi con questi stati», - ha affermato Putin. Tuttavia, ha avvertito che l'espansione delle infrastrutture militari sul territorio di questi paesi provocherà una risposta: «Quello che sarà, lo vedremo in base alle minacce che verranno create per noi».
Particolare attenzione è stata inoltre prestata al fatto che la Nato va oltre la regione euro-atlantica e «sta cercando di impegnarsi sempre più attivamente nelle questioni internazionali e di controllare la situazione internazionale in termini di sicurezza, di influenzarla, e non nel migliore dei modi, in altre regioni del mondo», - ha affermato il leader russo.
Secondo Lukashenko, i ministri degli Esteri dei Paesi CSTO dovrebbero formulare una risposta politica a una nuova ondata di espansione dell'Alleanza del Nord Atlantico: «Dobbiamo essere uniti in questo. Non è solo la Russia che deve esprimere preoccupazione e combattere da sola in questo momento contro il tentativo di espansione della Nato».
Nella dichiarazione congiunta, l'espansione dell'alleanza non è registrata come un problema che desta preoccupazione nella CSTO. «Rendendoci conto della nostra responsabilità di garantire una pace duratura nella regione eurasiatica, sottolineiamo l'importanza di ridurre le tensioni nel continente e riaffermiamo la nostra disponibilità a stabilire una cooperazione pratica con l'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico», - si afferma nel documento.

Sul lavoro della CSTO

I leader hanno preso atto del successo delle forze di pace della CSTO durante i disordini di gennaio in Kazakistan e hanno deciso di premiare i partecipanti a questa operazione, che, come notato nella dichiarazione finale, ha dimostrato le capacità dell'organizzazione e ha mostrato il suo status elevato. Il presidente del Kazakistan, Kassym-Jomart Tokayev, ha definito lo sviluppo del potenziale di mantenimento della pace del blocco una priorità assoluta e ha suggerito di «stabilire il compito di coinvolgere la CSTO nelle attività di mantenimento della pace delle Nazioni Unite».
Il primo ministro armeno Nikol Pashinyan ha ricordato che la reazione dei membri dell'organizzazione al conflitto nel Nagorno-Karabakh «non ha reso molto felice Yerevan». Ha sottolineato il ruolo speciale di Mosca e di Putin in persona «in materia di fermare la guerra» e la necessità di migliorare ulteriormente i meccanismi di risposta alle crisi nella CSTO.
I leader si sono anche espressi a favore del rafforzamento della cooperazione politica per contrastare le pressioni esterne. «Dobbiamo parlare più spesso a nome della CSTO nelle sedi internazionali in modo che la voce e la posizione dell'organizzazione siano visibili e udibili», - ha esortato Lukashenko, osservando che se i membri della CSTO «agissero immediatamente come un fronte unito, non ci sarebbero queste «sanzioni infernali» <.. .> contro la Federazione Russa e la Bielorussia.
Putin e Pashinyan si sono espressi anche a favore di un fronte unito sulle piattaforme internazionali. Il leader russo ha anche proposto di concedere lo status di osservatore nell’ambito della CSTO alla Comunità degli Stati Indipendenti, che, oltre ai membri del blocco, comprende Azerbaigian, Moldova e Uzbekistan.

Sulla situazione in Afghanistan

Tokayev ha esortato «a prestare ancora più attenzione per garantire la sicurezza dei confini meridionali dell'Asia centrale», poiché persiste l'instabilità in Afghanistan e i gruppi armati sono ancora attivi. Questo punto di vista è stato sostenuto dai rappresentanti dei Paesi vicini: il presidente del Kirghizistan Sadyr Japarov ha osservato che le forze distruttive in alcune province afghane continuano a cercare di destabilizzare la situazione, e il suo omologo tagiko Emomali Rahmon ha esortato a prepararsi «a vari scenari di sviluppo della situazione».
Come sottolineato nella dichiarazione congiunta dei leader dei Paesi CSTO, la situazione in Afghanistan (e sugli altri confini esterni del blocco) «desta preoccupazione». «A questo proposito, esprimiamo la nostra disponibilità a garantire la sicurezza dei confini della zona di responsabilità dell'Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva», - hanno assicurato i capi di Stato.

(Fonte: TASS)


<<Torna Indietro

Vertice della CSTO a Mosca. © Sergey Bobylev/TASS.
Agosto '17