Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

15/05/2022
Russia - Distrutti 2 lanciatori del sistema S-300


Mosca, 15 maggio 2022 - Le Forze Armate russe hanno distrutto due lanciatori del sistema di difesa aerea S-300 e un posto radar nell'area di Shpilevka nella regione di Sumy. Lo ha affermato domenica il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov.
Egli ha aggiunto che le truppe missilistiche e l'artiglieria delle Forze di terra russe hanno colpito circa 140 strutture delle Forze Armate ucraine. «Le Forze Missilistiche e l'artiglieria hanno colpito sei posti di comando, 123 aree di concentrazione di manodopera ed equipaggiamento militare, 13 batterie di artiglieria delle Forze Armate ucraine in postazioni di tiro. A seguito degli attacchi, sono stati uccisi fino a 150 nazionalisti e 26 unità di equipaggiamento militare sono state disabilitate», - ha detto.
Il maggiore generale ha aggiunto che l'Aviazione operativa-tattica e dell'esercito della Federazione Russa ha sconfitto 32 aree di concentrazione di manodopera e attrezzature delle Forze Armate ucraine. «L'Aviazione operativa-tattica e dell'esercito ha sconfitto 32 aree di concentrazione di manodopera ed equipaggiamento militare delle Forze Armate ucraine», - ha affermato Konashenkov.
Konashenkov ha aggiunto che durante la notte, missili ad alta precisione lanciati dall'aria delle Forze Aerospaziali russe hanno colpito due posti di comando e quattro depositi di armi missilistiche e di artiglieria e munizioni delle Forze Armate ucraine. «Durante la notte, missili ad alta precisione delle Forze Aerospaziali russe hanno colpito due posti di comando, 11 roccaforti di compagnie e quattro depositi di armi missilistiche e di artiglieria e munizioni delle Forze Armate ucraine nelle aree degli insediamenti di Zaporozhye, Paraskoviyivka, Konstantinovka e Novomikhailovka della Repubblica popolare di Donetsk», - ha affermato.
Inoltre, i sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto 15 droni ucraini durante la notte, intercettato un missile tattico «Tochka-U» e 11 proiettili MLRS «Smerch». «I sistemi di difesa aerea russi hanno abbattuto 15 velivoli senza pilota ucraini durante la notte nelle aree degli insediamenti di Novotroitskoye, Vladimirovka, Petrovskoye, Luganskoye della Repubblica popolare di Donetsk, Epifanovka, Kudryashovka, Verkhnyaya Duvanka della Repubblica popolare di Lugansk, Chkalovskoe, Velikie Prokhody, Vysshee Salt della regione di Kharkov e sull’isola dei Serpenti», - ha detto.
Secondo Konashenkov, dall'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina, le Forze Armate russe hanno distrutto 879 veicoli aerei senza pilota, 3.098 carri armati e veicoli corazzati delle Forze Armate ucraine, nonché 381 installazioni di lanciarazzi multipli. «In totale, dall'inizio dell'operazione militare speciale, sono stati distrutti: 165 aerei, 125 elicotteri, 879 veicoli aerei senza pilota, 306 sistemi missilistici antiaerei, 3.098 carri armati e altri veicoli corazzati da combattimento, 381 installazioni di lanciarazzi multipli, 1.525 cannoni e mortai di artiglieria da campo, nonché 2.934 unità di veicoli militari speciali», - ha affermato.
«Tochka-U» è una versione modernizzata del sistema missilistico tattico sovietico ad alta precisione «Tochka» sviluppato dal Kolomna Design Bureau of Mechanical Engineering. È progettato per colpire piccoli bersagli nelle profondità delle difese nemiche. Consiste in un missile monostadio, controllato lungo l'intera traiettoria di volo, con una testata inseparabile, la cui gittata va da 15 a 120 km.
I primi campioni del complesso «Tochka-U» iniziarono ad entrare nelle truppe nel 1989 e, con il crollo dell'Urss, la produzione e la fornitura di questi complessi per armamenti, anche sul territorio delle ex repubbliche sovietiche, cessarono. In Russia, i missili «Tochka-U» non sono stati utilizzati dalla fine del 2019, quando l'ultima unità delle forze missilistiche e dell'artiglieria è stata trasferita ai sistemi missilistici tattici operativi «Iskander-M».

(Fonte: Tass)


<<Torna Indietro
Agosto '17