Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

08/05/2022
Russia - Liturgia patriarcale a Kubinka


Kubinka, 8 maggio 2022 – Nella terza domenica dopo Pasqua, delle sante donne mirofore, dei santi Giuseppe d'Arimatea e Nicodemo, alla vigilia del 77° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica, Sua Santità il Patriarca di Mosca e tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa, situato nel distretto di Odintsovo, nella regione di Mosca.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la città di Mosca; il vescovo Savvaty di Bronnitsy, presidente del Dipartimento sinodale per la cooperazione con le Forze Armate e le Forze dell'Ordine; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la città di Mosca; l'archimandrita Aleksej (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l'arciprete Aleksandr Soldatenkov, decano della Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, principale tempio delle Forze Armate della Federazione Russa; l'archimandrita Aleksej (Ganzhin), rettore della Cattedrale stavropigiale navale di San Nicola di Kronshtadt, vicepresidente del Dipartimento sinodale per la cooperazione con le Forze Armate e le Forze dell'Ordine; l’arciprete Dimitry Solonin, vicedirettore dell'Università militare per il lavoro con i militari religiosi, capo del settore delle istituzioni educative del Ministero della Difesa di Federazione Russa del Dipartimento sinodale per la cooperazione con le Forze Armate e le Forze dell'Ordine; l'arciprete Leonid Kalinin, presidente del Consiglio di esperti per l’arte ecclesiastica, l’architettura e il restauro della Chiesa ortodossa russa; il sacerdote Dionisij Kazantsev, segretario di Sua Santità il Patriarca per la regione di Mosca; l'igumeno Feofan (Zamesov), presidente del Dipartimento per la cooperazione con le Forze Armate, le Forze dell'Ordine e i Cosacchi della diocesi di Sergiev Posad; il sacerdote Vasilij Losev, capo del Servizio giuridico della metropolia di Mosca, segretario del consiglio diocesano della diocesi di Odintsovo; il clero militare della Chiesa ortodossa russa; il clero di Mosca e della regione di Mosca.

I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro ortodosso delle truppe di ingegneri delle Forze Armate della Federazione Russa «Per la Fede e per la Patria» (direttore artistico – igumeno Varnava (Stolbikov), maestro del coro - M.S. Mologin).

Durante il servizio divino hanno pregato i militari del Ministero della Difesa della Federazione Russa e i parrocchiani della chiesa.

Tra i santuari del tempio, tra cui l'icona principale delle Forze Armate della Federazione Russa - l'immagine del Salvatore non fatto da mani umane e le icone dei tipi e dei rami delle truppe, erano allineati gli equipaggi cerimoniali della guardia d'onore del 154° Reggimento Preobrazhensky.

Con il supporto tecnico del canale televisivo «Zvezda», il servizio divino è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Il Salvatore» e «Unione», nonché sul sito web del canale televisivo «Zvezda» e sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarhiya.ru.

Durante la litania della «supplica intensa» è stata elevata la seguente preghiera: «Dio protegga la Russia, il suo Presidente, il comandante in capo supremo Vladimir Vladimirovich, le sue autorità, l'esercito e il popolo, ci conceda di vivere una vita tranquilla in tutta pietà e purezza. Preghiamo anche per la misericordia, la vita, la pace, la salute e la salvezza dei valorosi capi e soldati della nostra Patria, che la custodiscono e la difendono».

Alla litania funebre sono state elevate preghiere: «Per il riposo delle anime dei sempre memorabili capi e soldati, che per la fede e la Patria hanno perso la vita in molte guerre, e soprattutto prematuramente durante gli anni della Grande Guerra Patriottica, che morirono di fame, freddo, ferite e malattie, che soffrirono in cattività nemica terribili sofferenze, torture e martirio».

Durante la Liturgia il Primate della Chiesa ortodossa russa ha ordinato al rango di presbitero il diacono Maksim Kuznetsov, chierico della Chiesa dell'icona della Madre di Dio «Gioia di tutti coloro che soffrono» al cimitero di Kalitnikovskoye di Mosca.

Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dal sacerdote Dimitrij Selivanovsky, chierico della Chiesa dei Santi Martiri Boris e Gleb a Degunino, Mosca.







Al termine della Divina Liturgia dalla soléa della cattedrale, Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.

«Cari capi militari, personale militare, tutti coloro che sono nella chiesa oggi e tutti coloro che mi ascoltano e mi vedono ora! Rivolgo a tutti voi un grande saluto pasquale: Cristo è risorto!
Con un sentimento speciale svolgo sempre il servizio divino in questo tempio: il tempio principale delle Forze Armate della nostra Patria. È straordinario che l'esercito, la marina, tutti i rami militari della nostra Patria abbiano questo tempio come luogo principale dell'incontro spirituale del nostro esercito, dove il personale militare può pregare e rivolgersi a Dio con la richiesta di salvare la propria vita, la propria salute, specie quando prestano giuramento e in servizio mettono seriamente a rischio la salute e la vita. E dopotutto, ogni soldato sa che in qualsiasi momento può essere dato un ordine che richiederà la disponibilità ad affrontare la morte. Sembra spaventoso, ma da qui cresce il più grande rispetto tra la gente per le persone in uniforme, per coloro che hanno giurato di difendere la Patria. Forse, in tempo di pace, un'impresa militare non è tanto sentita, ma quanto è apprezzata ogni volta che si presenta un pericolo per la nostra Patria, sia essa una guerra dichiarata da nemici, o, come si dice ora, una guerra ibrida, strisciante, nascosta, ma reale, che toglie la vita sia al personale militare che ai civili!
In effetti, il servizio di una persona che ha giurato fedeltà alla Patria fino alla morte è molto speciale. Ecco perché i soldati, come nessun altro, hanno bisogno di supporto spirituale. In tempo di pace questo non è molto sentito, perché la vita nelle Forze Armate scorre come è prescritta, non ci sono rischi reali, ma c'è rispetto, onore, una posizione speciale nella società. Ma tutto questo viene dato a un soldato che si è arruolato nelle Forze Armate come anticipo. Sia le persone, la società e lo Stato capiscono che un militare che ha giurato di difendere la Patria merita molto e molto deve essere fatto per garantire che la vita di un soldato sia prospera. E non c'è nulla da invidiare se qualcuno in divisa, soprattutto con grandi stelle, vive bene, perché in qualsiasi momento, indipendentemente dalla dimensione delle stelle in divisa, un soldato sarà obbligato a sacrificare la sua vita e la sua salute, e nessun’altra specialità richiede a una persona un tale sacrificio: solo il servizio militare. Per questo la Chiesa prega soprattutto in tempo di pace, per non parlare del tempo di guerra, per le autorità che hanno la principale responsabilità di quanto sta accadendo nel Paese, e per l'esercito, su cui dipende la libertà, l'indipendenza e il benessere della nostra Patria dipende.
È successo così che il nostro Paese non ha quasi mai condotto guerre aggressive. Ci sono stati due casi che possono darci un esempio e dire: «Ma che dire della Prima guerra mondiale? E prima, la guerra balcanica? Dopotutto, siamo andati nei Balcani e l'esercito di Samsonov si è trasferito nella Prussia orientale, il che significa che siete voi gli aggressori. Affatto! Il nostro esercito è andato nei Balcani non per espandere il territorio del nostro Paese, non per arricchire il Paese di ricchi bottini, non per soggiogare altri popoli, ma per salvare il popolo bulgaro da cinquecento anni di schiavitù. E non c’è un altro paese che ha sacrificato migliaia e migliaia dei suoi figli per aiutare un altro paese nel modo in cui abbiamo aiutato i bulgari!
E la Prima guerra mondiale? I serbi divennero l'obiettivo principale e l'obiettivo delle forze occidentali. E questa famosa provocazione a Sarajevo - tutto mirava a far sì che la Serbia, un paese ortodosso vicino alla Russia nello spirito, ma che viveva circondato da Paesi occidentali, cessasse di esistere. L'Occidente non voleva che tra i suoi popoli ci fosse questo popolo ortodosso coraggioso che ama la Russia e provocò la Prima guerra mondiale. E la Russia è entrata in questa guerra non per acquisire terre per sé, non per arricchirsi, non per avere potere sugli altri, ma per salvare il fraterno popolo serbo.
Quindi, le due guerre di cui possiamo essere accusati di essere andati per primi sono la difesa dei bulgari e la difesa dei serbi. Questi obiettivi non erano legati a interessi mercantili, materiali, politici o geopolitici - la Russia non si è risparmiata, la Russia si stava sacrificando per aiutare gli altri. Ecco perché chiamiamo il nostro esercito amante di Cristo, perché quale potere, oltre alla forza spirituale interna, può spiegare la grande impresa dei nostri soldati in quelle due guerre!
E cosa è successo durante la Grande Guerra Patriottica? Un terribile nemico ha attaccato un paese che non aveva attraversato il periodo migliore della sua storia: gli anni '20 e '30. Ognuno di noi che ha studiato la storia sa quanto siano stati difficili, complessi e persino terribili questi anni per la gente. Ma poi venne la guerra e tutti gli insulti furono dimenticati, tutti i repressi erano pronti ad andare a difendere la Patria. E quante persone, che solo prima le autorità consideravano nemiche del popolo, sono diventate ardenti difensori della Patria! Da dove viene tutto questo? Questo viene dalle nostre radici spirituali, questo deriva dalla nostra identità nazionale, che dipende davvero dai valori spirituali del nostro popolo. E anche in un periodo empio, questi valori non potevano essere smantellati e distrutti, perché sono diventati parte della vita, parte dell'anima del nostro popolo.
E oggi, in questo tempio militare, rendiamo omaggio a tutti coloro che ora difendono la nostra Patria ai vari confini. Crediamo che anche oggi il nostro esercito abbia bisogno della forza spirituale, del sostegno e, soprattutto, delle preghiere di tutto il nostro popolo non meno di quei tempi che ho ricordato. E l'esercito deve ricordare che lo amiamo, ricordiamo e preghiamo per coloro che oggi difendono la nostra Patria.
Vorrei fare appello ai militari qui presenti e, tramite loro, a tutto il nostro esercito. Ricordate, fratelli, che su come svolgete il vostro dovere militare, su quanto siete capaci di difendere la Patria e anche, non temo queste parole, di deporre la vostra anima per i vostri amici, secondo il comandamento di Dio, dipenderà la libertà, l’indipendenza, l’autonomia. Indipendenza anche dalle forze più potenti, che oggi praticamente governano il mondo, ma non governano il nostro Paese, e da qui tutti i problemi. E che il Signore illumini tutti noi - l'esercito, il popolo, i giovani, gli anziani, la nostra intellighenzia, i lavoratori e quanti lavorano nelle campagne - e ci aiuti a comprendere quale momento storico importante stiamo attraversando oggi, come abbiamo bisogno delle nostre preghiere e di aiutare il nostro esercito, la marina, tutte le nostre forze armate. Come dovremmo essere tutti insieme oggi: non minacciare nessuno, non attaccare nessuno, ma essere assolutamente pronti a respingere qualsiasi aggressione contro il nostro popolo e il nostro paese. Lasciate che l'impresa e l'esempio dei nostri grandi comandanti: i santi Alexander Nevsky e Dmitry Donskoy, i meravigliosi capi militari Suvorov, Kutuzov, Nakhimov, Skobelev, il maresciallo Zhukov e l'intera brillante galassia dei marescialli sovietici, che in molti modi assicurarono la vittoria sulla Germania nazista - ispirino il nostro esercito oggi.
Ed ecco un'altra cosa che vorrei dire. La Russia non vuole fare del male a nessuno, non vuole catturare e occupare nessuno, non vuole sottrarre risorse a nessuno, come fa la maggior parte dei paesi ricchi e forti del mondo, occupando economicamente paesi deboli e indifesi. Non abbiamo bisogno di tutto questo, siamo autosufficienti, ma abbiamo bisogno solo di una cosa: la nostra vera libertà, la nostra indipendenza da questi centri di potere mondiali, che oggi, purtroppo, stanno diventando ostili alla Russia. Dobbiamo consolidare tutte le nostre forze, sia spirituali che materiali, affinché nessuno osi invadere i sacri confini della nostra Patria.
E le mie parole non sono quelle che i nostri oppositori vorrebbero definire "un altro discorso militaristico del Patriarca". Sono tutte sciocchezze! I miei parenti e amici morirono durante la guerra o morirono durante il blocco di Leningrado. Sono nato subito dopo la guerra - nel 1946, ricordo Leningrado dopo l'assedio. Su tutti noi, su quella prima generazione del dopoguerra, c’era il marchio del dolore, del sacrificio, della perdita, della distruzione. Sono andato a scuola lungo la Prospettiva Maly dell'isola Vasilevsky e ho visto gli scheletri di case distrutte: non erano ancora state demolite, erano un terribile ricordo del blocco di Leningrado. E questi scheletri erano molto vicini alla casa dove viveva mia madre con il figlio maggiore, ancora un bambino, quando le bombe aeree sono esplose a cento metri di distanza. Tutti lo ricordiamo, e quindi oggi preghiamo in modo particolare e dobbiamo tutti collaborare affinché il Signore protegga la nostra Patria da ogni nemico e avversario, affinché il nostro popolo si unisca, superando tutti i disaccordi e le divergenze di opinioni e posizioni di vita che sono naturali per la società umana Oggi tutto va messo da parte e dobbiamo essere uniti nella cosa più importante: la nostra disponibilità a mostrare amore alla Patria in modo reale, sia nei fatti che nelle parole, e la capacità di proteggere il nostro popolo e il nostro Paese.
Desidero esprimere la mia più sentita gratitudine a coloro che oggi sono qui presenti, ma soprattutto desidero ringraziare ancora una volta le autorità e il nostro esercito, che oggi, in condizioni di operazioni praticamente militari, stanno prestando servizio, difendendo la nostra Patria. E ancora e ancora, sottolineando l'importanza, la bellezza e il valore dell'impresa militare, esorto tutti a pregare per la pace, affinché il Signore eviti ogni azione militare, che riconcili popoli, nazioni e stati, affinché la pace diventi proprietà dell'intero genere umano. Perché il Signore ci ha chiamati alla pace, non alla guerra.
E c'è un'altra cosa che vorrei dire. Oggi è un giorno meraviglioso, la festa delle donne portatrici di mirra, le stesse donne che hanno servito il Signore e i suoi discepoli, aiutandoli. Forse cucinavano, portavano cibo, fornivano al Salvatore un semplice sostegno umano. E queste donne portatrici di mirra si rivelarono così forti che non avevano paura né dei soldati romani né del re Erode. Erano con il Signore fino alla croce, e sul Golgota stavano davanti alla folla urlante. Ma la meravigliosa fedeltà delle donne portatrici di mirra al Salvatore si è ripetuta più volte nella storia successiva, anche nella storia della nostra Patria. Negli anni dell’ateismo, i mariti che ricoprivano questa o quella posizione avevano paura di andare al tempio, anche essendo battezzati e credenti, avevano paura di confessare la loro fede. E le donne andavano, pregavano e imploravano il Signore per la liberazione della Russia, anche dal giogo dell'ateismo. E oggi ricordiamo quelle stesse donne portatrici di mirra, così come i discepoli segreti del Salvatore: Giuseppe e Nicodemo. E ci sono sempre stati discepoli segreti, anche in tempi empi. Ho dovuto incontrarli: molti di loro avevano spalline con grandi stelle, molti portavano i titoli di accademici e non potevano parlare ad alta voce della loro fede, ma erano discepoli segreti del Salvatore, attorno al quale si radunavano altri. Così, la fede è stata preservata non solo nel nostro popolo, ma anche nella nostra intellighenzia, nelle nostre forze armate. Questi sono gli esempi meravigliosi che ricordiamo oggi in connessione con la festa delle donne portatrici di mirra che servirono il Salvatore, e dei discepoli segreti di Cristo, che diffusero la Sua parola, la Sua verità tra coloro che erano al potere e l'allora élite. Penso che questo fenomeno delle donne portatrici di mirra e dei discepoli segreti non lascerà mai la vita della Chiesa. Perché anche oggi non sempre e non ovunque è possibile confessare apertamente la fede in Cristo. E la Chiesa ha bisogno di discepoli fedeli - con qualsiasi spallina e stella, e senza spalline e senza stelle. La Chiesa ha bisogno di persone ortodosse che, con la loro vita e parole gentili, rafforzino la fede nel popolo, la loro autocoscienza nazionale e, nel senso più elevato della parola, servano la sicurezza della nostra Patria.
Il Signore aiuti tutti noi a preservare tutti quei significati che oggi porta in sé, ad applicarli, ad attuarli nella nostra vita, ma, soprattutto, a renderci conto che il discepolo segreto e il servizio sacrificale delle donne portatrici di mirra al Salvatore sono un parte integrante dell'esperienza della nostra Chiesa. Possa il Signore rafforzare tutti coloro che non possono apertamente, ma confessano segretamente il Signore e Salvatore, possa il Signore rafforzare le nostre donne cristiane, che, nonostante la posizione dei loro mariti, mantengono la fede nelle famiglie e crescono i figli nella fede. Il Signore ci aiuti a non deviare dal cammino storico destinato al nostro popolo e al nostro Paese, che oggi è una grande forza, che indubbiamente trattiene il mondo, secondo l'apostolo, dal terribile e pernicioso sviluppo della civiltà atea. Attraverso le preghiere dei santi di Dio, che brillarono nella terra russa, e in particolare di coloro che erano associati alla difesa della nostra Patria, possa il Signore salvare la terra russa da ogni nemico e avversario, possa rafforzare la nostra fede e il nostro amore per la Patria! Amin.
Cristo è risorto! Cristo è risorto! Cristo è risorto! Davvero, Cristo è risorto!».

Come dono al tempio, Sua Santità Vladyka ha presentato un uovo di Pasqua, abilmente decorato da pittori di icone.

Il sacrestano della Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa, arciprete Alexander Soldatenkov, accogliendo questo dono, ha ringraziato di cuore e ha salutato Sua Santità con le parole del Vangelo di Pasqua.

__________

La costruzione della chiesa principale delle Forze Armate della Federazione Russa è stata completata in una data significativa nella vita della società russa: il 75° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica.

Nel giugno 2020 Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ha celebrato il rito della grande consacrazione della Cattedrale e la Divina Liturgia nella Chiesa appena consacrata, dove ha assunto le funzioni di rettore della Cattedrale della Risurrezione di Cristo, principale tempio delle Forze Armate russe.

L'altare principale del tempio superiore è stato consacrato in onore della festa della Risurrezione di Cristo. Nel tempio superiore ci sono anche quattro cappelle dedicate ai santi protettori dei rami militari: il profeta Elia - patrono delle Forze aerospaziali e aviotrasportate della Russia, il santo principe Alexander Nevsky – patrono delle Forze di terra, la grade martire Varnava - patrona delle Forze missilistiche strategiche e l'apostolo Andrea il Primo Chiamato - patrono della Marina russa.

Le dimensioni principali del tempio sono correlate ai numeri associati alla Grande Guerra Patriottica e alla Grande Vittoria. L'altezza del campanile del tempio è di 75 metri, il diametro del tamburo su cui è installata la cupola centrale è di 19,45 metri. Le volte del tempio sono costituite da vetrate raffiguranti ordini assegnati per imprese in diversi periodi della storia russa, l'immagine del Salvatore non fatto da mani umane nella cupola centrale è l'immagine più grande del volto di Cristo, che è realizzato in mosaico. Il museo «Strada della Memoria» circonda il tempio, la lunghezza della galleria è di 1418 metri, che sono i giorni della Grande Guerra Patriottica.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Kubinka - Servizio patriarcale nella terza domenica dopo Pasqua presso la Cattedrale patriarcale in onore della Risurrezione di Cristo, il tempio principale delle Forze Armate della Federazione Russa.
Agosto '17