Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

08/05/2022
Russia - Mezz'ora per distruggere i paesi Nato


Mosca, 8 maggio 2022 - Il capo di Roskosmos, Dmitry Rogozin, ha affermato che i paesi della Nato sarebbero stati distrutti dalla Russia in una guerra nucleare in mezz'ora, ma l'ha esortata a non consentirlo, lo ha annunciato sul suo canale Telegram.
«In una guerra nucleare, i paesi della Nato saranno da noi distrutti in mezz'ora. Ma non dobbiamo permetterlo, poiché le conseguenze di uno scambio di attacchi nucleari influenzeranno lo stato della nostra Terra», - ha scritto.
«La Nato sta facendo la guerra contro di noi. Non l'ha dichiarata, ma non cambia nulla. Ora è ovvio per tutti. I battaglioni nazionalisti ucraini e le Forze armate dell'Ucraina sono materiali di consumo, carne da cannone per la Nato, sono solo operatori addestrati da istruttori della Nato che premono le leve e i pulsanti delle armi della Nato», - ha aggiunto Rogozin.
Egli ritiene che l'operazione militare speciale sia andata ben oltre il suo significato e la sua geografia originali e la definisce «una guerra per la verità e il diritto della Russia di esistere come stato unico e indipendente».
Rogozin ha sottolineato che sconfiggere un nemico economicamente e militarmente più potente con mezzi armati convenzionali è possibile solo con la piena solidarietà dell'intero paese con l'esercito, nonché con la mobilitazione dell'economia statale e il trasferimento del complesso militare-industriale e relativi settori industriali della Russia su base militare.
«E questo deve essere fatto immediatamente e rapidamente», ha concluso.
La Russia ha lanciato un'operazione militare in Ucraina il 24 febbraio. Il presidente Vladimir Putin ha definito come suo obiettivo «la protezione delle persone che sono state oggetto di persecuzione e genocidio dal regime di Kiev per otto anni». Per questo, secondo lui, si prevede di effettuare una «smilitarizzazione e denazificazione dell'Ucraina», per assicurare alla giustizia tutti i criminali di guerra responsabili di «crimini sanguinari contro i civili» nel Donbass.
Secondo il Ministero della Difesa russo, le Forze Armate colpiscono solo l'infrastruttura militare e le truppe ucraine e, a partire dal 25 marzo, hanno completato i compiti principali della prima fase: hanno ridotto significativamente il potenziale di combattimento dell'Ucraina. L'obiettivo principale nel dipartimento militare russo è la liberazione del Donbass.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17