Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

02/05/2022
Russia - Offensiva su larga scala nella LPR


Mosca, 2 maggio 2022 – Il capo della Cecenia, Ramzan Kadyrov, ha annunciato un'offensiva su larga scala della Repubblica popolare di Lugansk (LPR) e dei combattenti ceceni lungo l'intera linea del fronte nella Repubblica popolare di Lugansk, a partire dallo stabilimento di Zarya e fino all'insediamento di Voevodovka, di conseguenza, il nemico è stato messo fuori combattimento da posizioni fortificate e respinto a notevole distanza.
Come ha riferito la scorsa settimana Apty Alaudinov, assistente del capo della Cecenia per il blocco di sicurezza, solo l'impianto chimico di Zarya è rimasto sotto il controllo delle truppe ucraine nel sobborgo di Rubizhne. Ha specificato che le truppe ucraine continuano a bombardare Rubizhne dalla direzione di Lisichansk e Severodonetsk sotto il loro controllo.
«L'assistente del capo della Repubblica cecena per il blocco di sicurezza Apty Alaudinov, responsabile della direzione di Lugansk per la liberazione delle repubbliche indipendenti del Donbass, riferisce che il 2 maggio i combattenti dell'unità speciale di Akhmat, insieme al secondo corpo della Milizia popolare della LPR, al comando del maggiore generale N. Esadula (chiamato “Adler"), ha effettuato un'offensiva su larga scala lungo l'intera linea del fronte, a partire dallo stabilimento di Zarya, situato nel villaggio di Yuzhny, e fino al villaggio di Voevodovka», - ha scritto Kadyrov nel suo canale Telegram.
Secondo lui, a seguito dell’attacco, il nemico è stato scacciato dalle posizioni fortificate e respinto a una notevole distanza. Durante le battaglie, il nemico ha subito perdite per un importo di sette unità di equipaggiamento e più di 100 unità di manodopera.
L'Occidente è molto spaventato: vince la Russia
La Russia ha lanciato un'operazione militare in Ucraina il 24 febbraio. Il presidente Vladimir Putin ha definito come suo obiettivo «la protezione delle persone che sono state sottoposte a persecuzione e genocidio dal regime di Kiev per otto anni». Per questo, secondo lui, si prevede di effettuare una «smilitarizzazione e denazificazione dell'Ucraina». Secondo il Ministero della Difesa della Federazione Russa, a partire dal 25 marzo, i compiti principali della prima fase sono stati completati: hanno ridotto significativamente il potenziale di combattimento dell'Ucraina.
L'obiettivo principale del dipartimento militare russo è la liberazione del Donbass. Il 19 aprile, il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha annunciato l'inizio della prossima fase dell'operazione speciale. Nella LPR, secondo il Ministero della Difesa russo, il 25 marzo è stato liberato il 93% dell'ex regione di Lugansk, entro i cui confini è stata proclamata una repubblica. Le città di Severodonetsk, Lisichansk e numerosi altri insediamenti di questo agglomerato rimangono sotto il controllo di Kiev.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17