Luglio 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

14/01/2022
Russia - No alla presenza della Nato ai confini


Mosca, 14 gennaio 2022 – La Russia non accetterà la presenza dell'Alleanza Atlantica ai confini del Paese, ha affermato il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, commentando la possibilità che l'Ucraina aderisca alla Nato.
«Non accettiamo categoricamente la comparsa dell'Alleanza Atlantica proprio vicino ai nostri confini, soprattutto considerando il corso seguito dalla leadership ucraina, sia quella precedente che la attuale. Questa è una vera linea rossa», ha detto il ministro in conferenza stampa.
Il capo della diplomazia russa ha osservato che Mosca non sarebbe soddisfatta da uno scenario in cui l'Ucraina dovesse rimanere fuori dal blocco militare, ma si mettesse d'accordo con i paesi occidentali sulla costruzione di strutture militari e sulla creazione di basi sul Mar d'Azov.
«Anche questo è inaccettabile per noi, perché il dispiegamento di armi d'attacco sul territorio dei nostri vicini, in questo caso l'Ucraina, che rappresenta una minaccia per la Russia, è un'altra linea rossa», ha aggiunto il capo del dipartimento.
In precedenza, Lavrov aveva dichiarato che la Federazione Russa si stava preparando per qualsiasi sviluppo degli eventi, in attesa di una risposta dagli Stati Uniti e dalla Nato sulle garanzie di sicurezza.
A metà dicembre, la Russia ha pubblicato due bozze di proposte sulle garanzie di sicurezza tra Russia, Stati Uniti e Nato. Gli accordi proposti invitano entrambi i paesi a non dispiegare forze e missili in aree in cui potrebbero essere percepiti come una minaccia alla reciproca sicurezza nazionale, a limitare il dispiegamento di missili intermedi e a corto raggio e fermare l'espansione verso est della Nato.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. © Sputnik. Ministero degli Esteri russo.
Agosto '17