Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

21/10/2021
Russia - In Occidente dogmatismo aggressivo


Mosca, 21 ottobre 2021 – La battaglia dell'Occidente contro la discriminazione e l'uguaglianza dei diritti sembra trasformarsi in un dogmatismo aggressivo al limite dell'assurdo, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.
«Guardando ciò che sta accadendo in alcuni Paesi occidentali, vediamo con stupore le nostre pratiche che per fortuna abbiamo lasciato indietro, si spera, in un lontano passato», ha detto Putin intervenendo oggi al forum Valdai.
«La battaglia per la parità di diritti e contro la discriminazione si sta trasformando in un dogmatismo aggressivo al limite dell'assurdo, quando i grandi autori del passato - come Shakespeare, non vengono più insegnati nelle scuole e nelle università, perché loro e le loro idee vengono considerate come arretrate. I classici sono considerati arretrati per la loro incapacità di comprendere l'importanza delle questioni di razza o di genere», ha osservato Putin.
«Combattere le manifestazioni di razzismo è una cosa necessaria e nobile, ma nella nuova cultura dell'annullamento si sta trasformando in discriminazione al contrario, cioè razzismo al contrario», ha ipotizzato il Presidente russo.
«L'enfasi ossessiva sul tema della razza divide ulteriormente le persone», ha sottolineato Putin, evidenziando che il sogno di chi ha davvero combattuto per i diritti umani era quello di cancellare le distinzioni e rifiutare l'idea di dividere le persone in base al colore della pelle. «Ho chiesto specificamente ai nostri colleghi di darmi la citazione di Martin Luther King, che ha detto, come ricorderete, quanto segue: 'Ho un sogno che i miei quattro figli piccoli un giorno vivranno in una nazione dove non saranno giudicati dal colore della loro pelle ma dal contenuto del loro carattere».
La Russia, ha suggerito Putin, guarda «con stupore» ai processi in corso in Paesi che si sono definiti «avanguardia del progresso».
La discussione sui diritti di genere in Occidente, ad esempio, si è trasformata in una «fantasmagoria» in diversi Paesi occidentali, secondo il Presidente russo. Lo stesso vale quando si parla dell'idea di dare ai bambini il diritto di determinare autonomamente il proprio genere.
Quest'ultimo, ha suggerito, «è al limite di un crimine contro l'umanità».
«'Genitore numero uno' e 'genitore numero due': 'genitore naturale' invece di 'madre', vietando l'uso della frase 'latte materno' e sostituendola con 'latte umano' in modo che le persone insicure riguardo al proprio genere non restino contrariate. Questa non è una novità. Negli anni '20 i cosiddetti portatori di cultura sovietici inventarono anche la cosiddetta “neolingua”, proponendo che in questo modo avrebbero potuto creare una nuova coscienza e cambiare i valori della società», ha detto Putin.
«Per non parlare delle cose semplicemente mostruose, come quando oggi ai bambini fin da piccoli si insegna che un maschio può facilmente diventare femmina e viceversa, imponendo loro di fatto una presunta scelta, sottraendo i genitori a questo processo e costringendo il bambino a prendere una decisione che potrebbe spezzargli la vita», ha aggiunto.
Caratterizzando l'ideologia conservatrice della Russia come un «conservativismo di ottimisti», Putin ha affermato che «crediamo che uno sviluppo stabile e di successo sia possibile» e che «tutto dipende prima di tutto dai nostri sforzi».
«E, naturalmente, siamo pronti a lavorare con i nostri partner per il bene dei nostri comuni e nobili obiettivi», ha detto.
«Per il prossimo periodo di ricostruzione globale, che potrebbe continuare per parecchio tempo e il cui esito finale non è noto, il conservatorismo moderato è l'approccio più ragionevole, almeno secondo me», ha ipotizzato Putin. «Le persone apprezzano davvero in noi la nostra stabilità e la possibilità di uno sviluppo normale, per la certezza che i loro piani e le loro speranze non crolleranno per aspirazioni irresponsabili degli ultimi rivoluzionari», ha aggiunto.
«Molti ricordano gli eventi di 30 anni fa e quanto sia stato doloroso uscire dal buco in cui si trovavano il nostro Paese e la società dopo il crollo dell'Urss», ha ricordato Putin, aggiungendo che la Russia continua a riconoscere le realtà legate al crollo sebbene molte persone che vivono nelle ex repubbliche sovietiche sostengano la conservazione del Paese.
«Non è un caso che oltre il 70% dei cittadini sovietici abbia votato per la conservazione dell'Unione alla vigilia del suo crollo», ha detto Putin, riferendosi al referendum del marzo 1991.
«Molti nelle repubbliche che hanno ottenuto l'indipendenza si sono davvero sinceramente pentiti di ciò che è accaduto. Ma oggi c'è un'altra realtà, e partiamo dal fatto che si sta sviluppando così com'è, e in linea di principio riconosciamo le realtà moderne», ha sottolineato.

Immunità collettiva della Russia

La Russia, ha suggerito Putin, ha raggiunto una forma di «immunità collettiva» all'estremismo e al collasso socio-politico.
«Abbiamo molte lamentele sui leader del Paese dal 1917 fino agli anni '90, è una cosa ovvia. Ma mettere sullo stesso livello nazisti e comunisti prima della Seconda Guerra Mondiale e dividere la colpa per la guerra 50 a 50 è assolutamente inaccettabile. È una bugia», ha detto Putin.
«Dico questo non solo perché sono un cittadino russo e il presidente della Russia, successore dell'Unione Sovietica. Lo dico come studioso, ho letto i documenti. Ho semplicemente letto questi documenti dagli archivi», ha detto Putin.
«Si può ricordare Stalin come si vuole, e ci sono cose da ricordare, per i gulag e per le repressioni. Ma ho visto i documenti, le sue risoluzioni. In verità il governo sovietico ha combattuto per impedire lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale», ha detto il Presidente russo, ricordando il tentativo dell'Urss di garantire l'esistenza della Cecoslovacchia e della sua sovranità.
Putin ha detto di comprendere l'attuale posizione della leadership polacca sugli eventi alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale. «Ma avete preso parte alla spartizione della Cecoslovacchia insieme alla Germania, ora state cercando di dare la colpa all'Unione Sovietica. Ma questo semplicemente non corrisponde alla realtà. L'Unione Sovietica ha attaccato la Germania? No! Sì, c'erano accordi segreti tra la Germania e l'Urss. Ma le truppe sovietiche sono entrate a Brest quando le truppe tedesche erano già lì. I tedeschi si sono semplicemente mossi e l'Armata Rossa è entrata», ha detto.
Putin ha inoltre ricordato che non furono gli americani, gli inglesi o i francesi ad entrare a Berlino nel 1945, ma l'Armata Rossa. «Lo avete dimenticato per un momento? È facile da ricordare», ha suggerito il Presidente russo.

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Il presidente russo Vladimir Putin. © Sputnik. Grigory Sysoev.
Agosto '17