13/10/2021
Russia - Putin al forum «Russian Energy Week»


Mosca, 13 ottobre 2021 - I difetti sistemici nel settore energetico europeo sono responsabili dell'attuale crisi di approvvigionamento e i partner della Russia non dovrebbero incolpare Mosca per la carenza di gas, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.
«L’impennata dei prezzi del gas in Europa è stata il risultato di un deficit di elettricità, e non viceversa. E non serve scaricare le proprie colpe sulla porta di qualcun altro, come diciamo noi, come alcuni dei nostri partner stanno cercando di fare», ha detto Putin parlando alla sessione plenaria del forum «Russian Energy Week» in corso nella capitale russa.
Accusando alcuni cosiddetti «esperti» di sostituire di proposito un'analisi pacata e professionale della situazione del mercato energetico europeo con «vuoti slogan politici», Putin ha ricordato che dopo il freddo inverno dello scorso anno, molti Paesi non sono riusciti a riempire le loro riserve di gas prima della nuova stagione di riscaldamento, contribuendo in questo modo all'impennata dei prezzi. Putin ha inoltre sottolineato che mentre la Russia ha aumentato le sue forniture di gas all'Europa del 15% quest'anno, altri Paesi, inclusi gli Stati Uniti, le hanno ridotte incolpando al tempo stesso Mosca della crisi.
«A volte si ascolta ciò che viene detto su questo argomento e si rimane semplicemente sorpresi. È semplicemente qualcosa di fantasioso. È come se non vedono i numeri... non vedono la realtà, ma stanno solo coprendo i propri errori», ha osservato Putin. Il Presidente russo ha anche respinto le affermazioni secondo cui Mosca usi l'energia «come un'arma», definendo questa tesi come una «completa assurdità e pettegolezzi politicamente motivati che non hanno un serio fondamento».
Putin ha respinto l'idea che i produttori di energia russi fossero interessati a vedere i prezzi del gas alle stelle, ipotizzando che le persone che fanno tali affermazioni semplicemente non sanno di cosa stanno parlando.
«Alla fine della giornata, un ambiente di prezzi elevati può comportare conseguenze negative per tutti, compresi i produttori. Sia i nostri produttori che quelli presenti nella sala lo capiscono perfettamente», ha affermato.
Putin ha sottolineato che Mosca ha fornito il suo gas all'Europa anche nei giorni più bui della Guerra Fredda ed ha affermato con convinzione che le vendite energetiche della Russia all'estero raggiungeranno nuovi record quest'anno.

Il Nord Stream-2 può calmare il mercato

La tensione sul mercato europeo del gas può essere ridotta con il lancio di Nord Stream-2, ma le barriere amministrative non sono ancora state rimosse, il regolatore tedesco non ha ancora preso una decisione, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.
Secondo lui, la società Nord Stream-2 ne sta parlando con le autorità tedesche.
«Il regolatore tedesco deve prendere una decisione appropriata, non l'hanno ancora presa», ha aggiunto il Presidente russo.
«Beh, certo, se potessimo aumentare le forniture lungo questo tragitto del 100%, possiamo affermare con assoluta certezza che la tensione nel mercato energetico europeo, ovviamente, diminuirebbe in modo significativo, questo inciderebbe anche sui prezzi sul mercato europeo del gas. Ma le barriere amministrative non lo rendono ancora possibile», ha detto Putin.

(Fonte: it.sputniknews.com)



<<Torna Indietro

Il presidente Vladimir Putin alla plenaria del forum «Russian Energy Week» a Mosca.
Agosto '17