27/07/2021
Russia - Mosca monitorerà situazione in Iraq


Mosca, 27 luglio 2021 - Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, parlando del ritiro degli Stati Uniti dall'Iraq, ha affermato che Mosca monitorerà la situazione, poiché non vorrebbe che un territorio in più si aggiungesse in una regione già sull'orlo dell'instabilità e dell'escalation.
In precedenza, durante un incontro con il primo ministro iracheno Mustafa Al-Kadhimi alla Casa Bianca, il presidente americano Joe Biden aveva affermato che gli Stati Uniti non avrebbero partecipato a nessuna operazione militare in Iraq. Ha osservato che in futuro la cooperazione con Baghdad si sarebbe focalizzata sull'addestramento delle forze irachene e sulla lotta contro l'Isis*.
«Certo, questa è una situazione che merita maggiore attenzione. La situazione è leggermente diversa in Iraq, perché, a quanto pare, rimane un numero considerevole di cosiddetti consiglieri militari. Continueranno a lavorare in Iraq. Pertanto controlleremo certamente», - la risposta di Peskov alla domanda su come il Cremlino può valutare il ritiro delle forze armate statunitensi dall'Iraq e se vedono dei rischi in questo.
«Ora è troppo presto prevedere gli eventi. Ma naturalmente non ci piacerebbe vedere un territorio in più aggiunto ad una zona già altamente instabile. Pertanto occorre guardare attentamente», ha aggiunto Peskov.

«Prima di tutto, noi, ovviamente, puntiamo a continuare i contatti e a sviluppare le nostre relazioni con il governo iracheno, con la leadership irachena. Siamo interessati», Peskov ha risposto alla domanda dei giornalisti sull'eventuale presenza di forze in Iraq vietate in Russia ma con cui potrebbero esserci negoziati, come avvenuto nel caso dei talebani* per la crisi in Afghanistan.

* Organizzazione terroristica vietata in Russia e molti altri Paesi

(Fonte: it.sputniknews.com)


<<Torna Indietro

Soldati americani puliscono la base militare di Ain al-Asad dopo bombardamento in Iraq. Da: it.sputniknews.com.
Agosto '17