05/06/2021
Russia - Inaugurato il monumento ad Alessandro III


Gatchina, 5 giugno 2021 - Il presidente russo Vladimir Putin ha elogiato il monumento ad Alessandro III a Gatchina (regione di Leningrado), alla cui inaugurazione ha preso parte sabato, e ha paragonato l'imperatore a una roccia. «Super, - ha detto il Capo dello Stato, dopo aver esaminato il monumento scoperto. - Una roccia. E un uomo è una roccia: sia nelle sue azioni che nel carattere. Super semplice, fantastico!».






Il Presidente si è congratulato con gli autori della scultura. Questo è un vero successo», -ha detto Putin. Il Capo dello Stato ha deposto un mazzo di rose rosse ai piedi del monumento.
Parlando alla cerimonia di apertura del monumento, Putin ha sottolineato l'importanza di preservare il patrimonio storico e spirituale della Russia. Il Presidente ha sottolineato che l'era del regno di Alessandro III «fornisce un esempio di una combinazione naturale e armoniosa di trasformazioni tecnologiche, industriali, statali su larga scala e fedeltà alle tradizioni e alla cultura nazionali, alle sue origini peculiari». Secondo il Capo dello Stato, Alessandro III «amava la Russia, l'ha vissuta, ha cercato di fare di tutto per il suo sviluppo progressivo e fiducioso, per tutelare gli interessi e rafforzare lo Stato russo in Europa e nel mondo».
Putin ha notato che i contemporanei trattavano l'imperatore e le sue attività in modo diverso. «Era così, sarà sempre così, perché è molto difficile valutare la portata di un simile lavoro in tempo reale, a volte è impossibile», ha aggiunto il Presidente.

Il posto di Alessandro III nella storia

Dopo la cerimonia, l'assistente presidenziale russo Vladimir Medinsky ha detto ai giornalisti che Alessandro III occupa un posto unico nella storia russa, perché ha iniziato una svolta decisiva nella politica nazionale. «Se guardiamo a tutti i grandi e non grandi sovrani russi, a partire da Pietro I, allora in qualche modo hanno preso la via europea - Olanda o Prussia, Francia o Inghilterra come esempio. Alessandro III fu il primo a dire: “La Russia non è solo l’Europa”. Siamo un Paese europeo. Ma siamo una civiltà speciale, dobbiamo prendere il meglio dall'Europa, il meglio dall'Asia, il meglio dalle persone e dai popoli che da millenni vivono nella nostra terra, e noi dobbiamo trovare la nostra strada», ha sottolineato Medinsky.
L'imponente monumento è stato eretto di fronte al Gran Palazzo Gatchina - la residenza preferita di Alessandro III - su iniziativa del Museo-Riserva Gatchina, della Società storica russa e della Società storico-militare russa nell'ambito del progetto nazionale «Cultura». Si basa sul bozzetto dello scultore Paolo Trubetskoy, che lavorò al monumento all'imperatore alla fine del XIX secolo. Il progetto di un monumento moderno a Gatchina basato sugli schizzi di Trubetskoy è stato creato dallo scultore Vladimir Brodarsky, laureato all'Istituto accademico statale di pittura, scultura e architettura di San Pietroburgo intitolato a I.E. Repin. Alessandro III è raffigurato seduto sul trono. La scultura in bronzo è stata realizzata a Smolensk; per essa è stato installato un piedistallo di granito baltico nel cortile anteriore della piazza dell'Arsenale.
Il nuovo monumento è stato creato per commemorare il 175° anniversario della nascita di Alessandro III, che è stato celebrato nel 2020, ma la sua cerimonia di apertura è stata rinviata a causa delle restrizioni legate alla pandemia.


(Fonte: Tass; kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Il presidente Vladimir Putin alla cerimonia di inaugurazione del monumento ad Alessandro III a Palazzo Gatchina.
Vladimir Putin alla cerimonia di inaugurazione del monumento ad Alessandro III a Palazzo Gatchina.
Partecipanti alla cerimonia di inaugurazione del monumento ad Alessandro III a Palazzo Gatchina.
Cerimonia di inaugurazione del monumento ad Alessandro III a Palazzo Gatchina.
Agosto '17