05/04/2021
Russia - Liturgia patriarcale a Peredelkino


Peredelkino, 4 aprile 2021 - Nella terza Domenica della Grande Quaresima, dell'adorazione della Croce, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Liturgia di San Basilio il Grande.
Il servizio divino ha avuto luogo nella Chiesa del Santo Principe Alexander Nevsky nell’omonimo skete vicino a Peredelkino.
Al termine della Liturgia il Primate della Chiesa ortodossa russa ha tenuto un sermone.

«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

A san Teofane appartengono le parole: "È meglio soffrire in questo mondo e in questa vita che soffrire nella vita eterna", - le ha dette riflettendo sul significato della sofferenza umana.

In effetti, non c'è una sola persona che non sarebbe passata attraverso la sofferenza, attraverso qualche tipo di tormento, anche essendo esteriormente sufficientemente prospera e felice; per non parlare di coloro che sono esteriormente svantaggiati, infelici, malati, bisognosi, che diventano disabili e, infine, si trovano sul letto di morte: tutto questo è sofferenza che appartiene alla nostra vita.

Dio non crea nulla che non sia buono perché è Amore. Tutta la sofferenza e il male non è per volontà di Dio (perché Dio non è il creatore del male), ma per volontà dell'umanità. E sappiamo dalla Sacra Scrittura come tutto ebbe inizio - dal fatto che le prime persone abbandonarono la vita secondo la legge di Dio, violarono il comandamento divino, e quindi furono rimosse dalla comunione con Dio e furono private della grazia divina, che le proteggeva da tutte le malattie e dolori. L’abbondanza della grazia divina inceneriva ogni possibilità che il male fosse commesso sia dalle persone che dagli animali intorno a loro. Tutto era in armonia, in mutuo accordo e tutto è stato distrutto dal peccato umano. Pertanto, non la sofferenza è primaria, ma il peccato è primario, il che significa che la via della liberazione dalla sofferenza passa attraverso il superamento del peccato.

E qui ci sono alcune analogie, forse, a cui si dovrebbe pensare. Tra le sofferenze che ricadono sulla sorte di una persona ci sono la condanna, la reclusione, la prigione, il duro lavoro; è il fulcro e la massima manifestazione della miseria umana, specialmente in combinazione con malattie, dolori interiori. Ma dopotutto non è a causa di una buona vita che questi dolori colpiscono una persona, ma come risultato di un crimine, della violazione della legge e dell'ordine. E affinché una persona si penta, per essere scagionata da ogni accusa, passa attraverso la punizione, perché la prigione, la pena detentiva è la punizione per il crimine commesso.

E perché mettere a dura prova la salute umana, perché affaticare la psiche umana? Perché condurre una persona attraverso il dolore in risposta a un crimine che ha commesso? Tutto ciò rientra in una certa logica della vita umana, ma ha anche un significato più profondo, perché la prigionia ha come scopo non solo la punizione, ma la correzione di una persona. A cosa serve se una persona viene punita, ma non corretta - come sappiamo, spesso accade così? Ma la vera punizione che colpisce una persona dopo il crimine che ha commesso ha come obiettivo la correzione.

Cosa significa questo? Ciò significa che una persona deve espiare la sua colpa, il suo crimine, il suo peccato con la sofferenza. E se questo è vero e si inserisce nella logica dell'esistenza umana in relazione a ciascuno di noi, allora quanto è vero in relazione a tutta l'umanità, che è stata offuscata dal peccato originale! E dopo il peccato originale - quali enormi, fino al cielo, montagne di iniquità e male sono state commesse secondo la volontà umana! E come si potrebbe perdonare tutto questo all'umanità senza redenzione?

Il Signore, mostrando amore ineffabile per la sua creazione, prende su di sé questo tormento. Si dà Egli stesso, nel suo Figlio Unigenito, al tormento, a una morte terribile e vergognosa, che avrebbe dovuto espiare i peccati umani e davvero li ha espiati. Questo è il significato di ciò che è stato fatto sulla croce. Naturalmente, questo è il più grande mistero divino, ma dopotutto, le mie vie non sono le tue, dice il Signore (Is 55, 8). In effetti, la via di Dio non è la via umana, e come possiamo noi, camminando lungo i nostri piccoli sentieri, comprendere la grandezza della via di Dio? Tuttavia, qualcosa ci viene rivelato, anche attraverso la parola di Dio, e comprendiamo che la croce, le terribili torture ed esecuzioni che il Figlio di Dio e il Figlio dell'uomo, nostro Signore Gesù Cristo, accetta, non è altro che un’espiazione, che potrebbe davvero incenerire il peccato dell'intera umanità, - e il Signore ha fatto tutto questo.

È alla croce che è dedicata la terza domenica della Grande Quaresima, situata proprio al centro, così come la successiva Settimana della Croce, come la chiamiamo in slavo. Tutto ciò dovrebbe aiutarci attraverso la meditazione, la preghiera e la lettura delle Sacre Scritture non solo a capire, ma anche a sentire il potere divino, che ha toccato l’umanità e ciascuno di noi, e attraverso la sofferenza del Figlio di Dio ci ha portato la liberazione.

Possano le esperienze della Settimana della Croce rafforzarci nella fede, così come nella comprensione che i dolori che accadono nella nostra vita sono necessari, così come è stato necessario il più grande dolore del Salvatore, inchiodato sulla croce al Calvario . Le prove e le tribolazioni non dovrebbero spezzare una persona, tanto meno privarla della fede. E se inizia anche una piccola esitazione di fede, che spesso è accompagnata dalle parole “Signore, dove sei? Se c’eri, questo non sarebbe successo!”, - poi, non appena questa tentazione diabolica toccherà la nostra coscienza, guarderemo la croce e capiremo che il Salvatore del mondo ha sofferto di più per espiare i peccati umani. Questo è il motivo per cui, forse, il Signore permette i nostri dolori così che già qui sulla terra noi espieremo i nostri peccati e saremo degni di entrare nel Suo Regno Divino.

Proteggendoci con la croce da ogni male, da tutti i dubbi, da tutte le esitazioni nella fede, percorriamo la via della vita con speranza nella volontà di Dio, ricordando che le prove della vita non ci vengono inviate senza senso. C'è un significato in ogni dolore che attraversiamo, ed è associato principalmente all'espiazione dei nostri peccati personali, così che, lasciando tutti questi peccati qui, possiamo entrare nel Regno della gloria divina puri e luminosi. Amin».


(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro

Peredelkino - Servizio patriarcale nella Settimana dell’adorazione della Croce nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella Settimana dell’adorazione della Croce nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella Settimana dell’adorazione della Croce nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella Settimana dell’adorazione della Croce nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella Settimana dell’adorazione della Croce nello skete di Alexander Nevsky.
Agosto '17