Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Giornata della Russia e Anno della Letteratura Russa


Il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha dichiarato il 2015 Anno della Letteratura, in occasione della Giornata della Russia, il 12 giugno 2014.
Il Capo dello Stato ha conferito i Premi di Stato per i successi conseguiti nell'ambito della scienza, della tecnologia, della letteratura, dell'arte e dell'attività umanitaria.
Tra i vincitori figura il direttore dell'Istituto di Storia del Mondo dell'Accademia Russa delle Scienze, Alexander Chubarian.
Per i risultati eccezionali nel campo della medicina spaziale e biologia ha ricevuto il premio il professore Anatoly Grigoryev.
Tra i personaggi del mondo della cultura sono stati premiati il direttore d'orchestra Yuri Bashmet, lo scrittore Fazil Iskander, i creatori del film sul famoso hockeista sovietico Valery Kharlamov «La leggenda № 17».
Al termine della cerimonia di premiazione è stato dato un ricevimento, al quale ha partecipato insieme agli ospiti anche Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.
La partecipazione della Chiesa ortodossa russa alle festività civili si basa su due questioni fondamentali, collegate con l'affermazione della «civiltà russa» - l'affermazione e il rafforzamento dell'unicità della statualità russa e la conservazione dell'unicità della cultura russa. La dottrina della «civiltà russa», che afferma l'enorme significato della cultura, implica una grande attenzione ai valori e alle norme estetiche. In questo senso, la posizione ufficiale della Chiesa ortodossa è stata espressa dal Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' in modo molto chiaro: «Il senso della creatività cristiana è quello di svelare le verità eterne con la lingua della Teologia, dell'arte nuova, non introducendo niente che intervenga contro il vecchio, ma dialogando con l'eterno. Nessuna epoca è infatti «minore» davanti a Dio, e nessuna generazione di credenti è stata senza la benedizione dello Spirito Santo. Noi non rinunciamo a nulla del nostro patrimonio» (Riunione annuale dell'eparchia di Mosca «ŽMP», 2002, n. 1, pag. 43).
I primi tentativi di partecipazione della Chiesa ai festeggiamenti furono legati alla sacralizzazione della cultura russa e all'affermazione della funzione centrale dell'ortodossia nel suo sviluppo. Per troppo tempo, infatti, nello Stato russo la spiritualità, nella sua percezione religiosa, era stata allontanata dalla vita della società e dello Stato.
Per questo, un elemento della festa è rappresentato proprio dalla comprensione di una stretta e profonda connessione tra cultura e spiritualità.
Un esempio di questa connessione è la celebrazione della Giornata della scrittura e cultura slava in onore dei Santi Cirillo e Metodio. L'idea di festeggiamenti nazionali di rilevanza sociale generale in onore dei due Santi nacquero in Russia nel 1985.
Nel 1986 a Murmansk si tenne la prima festa non ufficiale che si chiamò «Festa della scrittura». Dal 1991 le organizzazioni statali e sociali, assieme alla Chiesa ortodossa russa, incominciarono ad organizzare a livello nazionale la Giornata della scrittura e cultura slava. Oggi, la Giornata contribuisce al consolidamento e all'unione di tutto il mondo slavo.
Le celebrazioni iniziano il 24 maggio con la festa in onore dei Santi Cirillo e Metodio e proseguono con varie manifestazioni culturali, conferenze scientifiche, mostre e concerti.



<< Torna Indietro

Stemma della Federazione Russa
Giornata della Russia
Agosto '17