Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Nella festa della Santa Dormizione. La restaurazione del Patriarcato di Mosca


Con la benedizione di Sua Santità Patriarca Kirill di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e in conformità con la decisione del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa, che ha approvato il lavoro del Comitato organizzatore per la celebrazione del 100° anniversario dell'apertura del Santo Concilio della Chiesa ortodossa russa e della restaurazione del Patriarcato nella Chiesa ortodossa russa (verbale N° 26 del 4 maggio 2017), il 28 agosto 2017, nella festa della Dormizione della Santissima Madre di Dio, in tutti i templi della Chiesa ortodossa russa sono stati eseguiti un servizio di preghiera (moleben) per i membri del Santo Concilio del 1917-1918 glorificati tra i santi, la cui apertura ha avuto luogo nel 1917 nel giorno della festa della Dormizione della Madre di Dio, e un servizio funebre in memoria degli altri membri del Santo Concilio. In questo stesso giorno il messaggio patriarcale per il centenario dell’apertura del Santo Concilio è stato annunciato in tutti i templi della Chiesa ortodossa russa durante la celebrazione della Divina Liturgia.

Nel giorno della festa della Santa Dormizione, una delle dodici grandi celebrazioni della Chiesa ortodossa russa, un giorno triste per la fine della vita terrena della Madre di Dio, ma anche di gioia per l'unione con Suo figlio Gesù Cristo, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca, fondata dal metropolita di Mosca e di tutta la Rus' Pietro, colui che trasferì il seggio episcopale da Vladimir a Mosca nel 1325. Al termine del culto, il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai fedeli presenti nel tempio e in collegamento attraverso l'emittente televisiva «Unione» con la parola primaziale.

«Le vie del Signore sono imperscrutabili - queste parole ben note sono applicabili alla nostra storia, inclusa la storia più recente. Alle persone non è consentito scrutare il sentiero di Dio, specialmente in quei momenti in cui questo percorso compie una svolta, quando il corso abituale della vita viene interrotto. Qualcuno alla svolta perde l'equilibrio e cade, qualcuno soffre a causa dei disagi, e qualcuno, al contrario, percepisce ciò che sta accadendo come una nuova opportunità per se stesso e per il Paese. Quando la storia entra in un certo ciclo, può essere difficile capire cosa sta accadendo alle persone, al Paese, perché, essendo entrata nell'imbuto del ciclo, una persona perde completamente l'orientamento. Se cerca di uscire da questo imbuto, muore. Se smette di resistere, allora il movimento dell'imbuto determina la direzione della sua vita. Questo è successo a noi cento anni fa, qualcosa che la maggioranza assoluta delle persone percepiva come una catastrofe.
Coloro che hanno portato il Paese a questo disastro, hanno creduto che sarebbero entrati in un nuovo spazio. A loro sembrava che non ci fossero altri modi per entrare nelle nuove frontiere, che era necessario attraversare questa tempesta. Erano anni di grandi tentazioni anche per i credenti, che non riuscivano a capire cosa stava succedendo, perché molte persone pie hanno improvvisamente perso ogni orientamento e si sono staccate dal sistema di coordinate spirituali e morali in cui sono state educate dai propri genitori. La Chiesa, custode delle coordinate spirituali del popolo, rimase scioccata da quello che stava succedendo.
All'epoca dello sconvolgimento generale, esattamente cento anni fa, i migliori rappresentanti della Chiesa russa si radunarono nella chiesa cattedrale, dove siamo ora e dove abbiamo appena celebrato la Divina Liturgia: vescovi, sacerdoti, monaci, laici e diaconi, in modo da comprendere per la prima volta in più di duecento anni ciò che stava accadendo al Paese, al popolo e alla Chiesa. Dopo il cambiamento nel sistema statale, quando la monarchia cadde in Russia, le persone con un sentimento particolarmente acuto accolsero l'idea di restaurare il Patriarcato. La coscienza ecclesiastica non poteva riconciliarsi con il fatto che, in un certo momento della storia, il potere dello Stato aveva usurpato l'autorità ecclesiastica e subordinava la Chiesa a se stesso. Sebbene il governo fosse ortodosso e abbia fatto molto per la Chiesa, per l'illuminazione ortodossa, la Chiesa, tuttavia, aveva perso ogni opportunità di rivolgersi direttamente alle persone su questioni relative alla vita del Paese, della società e dello Stato. Il capo dello Stato parlava a nome della Chiesa, ma nei momenti di tumulto molti smisero di ascoltare la sua voce. Allo stesso tempo, la Chiesa non ha avuto l'opportunità di parlare ufficialmente e di sottoporre all'analisi spirituale ciò che stava accadendo nel Paese. C'erano meravigliosi pastori, come padre Giovanni di Kronštadt, che parlarono a voce alta di ciò che stava accadendo, ma la sua voce era associata a una persona e non fu mai percepita come la voce della Chiesa. E la Chiesa, costretta a rimanere in silenzio, non poteva mobilitare le persone nel momento più critico della storia, dire loro la verità, perché non c'era nessuno che esprimesse questa verità. Questo è il motivo per cui il primo compito del Concilio Locale fu quello di restaurare il Patriarcato, ripristinare la legittima autorità canonica.
In effetti, la Chiesa russa era la più grande, la più potente di tutte le Chiese locali. Era la patrona dell'Ortodossia in Medio Oriente. Tutti guardavano alla Chiesa russa come a una fortezza; come una volta guardavano a Bisanzio, così guardavano alla Russia. Tuttavia, se nelle Chiese che guardavano con speranza alla Russia c'erano i loro patriarchi, una tale leadership non c'era nella Chiesa russa, e molti degli sconvolgimenti avvenuti nell'arco di duecento anni erano spesso associati, tra le altre cose, alla mancanza della capacità della Chiesa di portare la sua parola profetica, indipendente dal potere.
Quando qui si riunì il Concilio un centinaio di anni fa, la prima cosa che i suoi padri decisero di fare fu di restaurare il Patriarcato nella Chiesa ortodossa russa. Come sempre accade quando si discutono questioni così cruciali, ci sono stati avversari della restaurazione del Patriarcato e della liberazione della Chiesa dal controllo statale. Si udirono voci diverse, ma la volontà del Concilio si dimostrò irremovibile ed elesse san Tikhon come Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'. Il 4 dicembre di quest'anno, nel giorno dell'Ingresso al Tempio della Madre di Dio, celebriamo solennemente l'intronizzazione del primo Patriarca russo dopo la pausa di 200 anni, con autorità sulla città di Mosca, su tutta la Rus' e su tutti i paesi del Nord, come dicono i Tomos, che hanno istituito il Patriarcato di Mosca.
Molti altri importanti atti sono stati compiuti dal Concilio. Alcuni di loro iniziarono ad essere attuati, ma la successiva persecuzione della Chiesa impedì l'attuazione delle decisioni del Concilio Locale del 1917-1918. Da allora sono passati 100 anni. Il Concilio ha operato in un altro Paese, in condizioni completamente diverse. Molte delle decisioni conciliari hanno naturalmente perso la loro rilevanza e non possono essere applicate nella vita di oggi.
Ma ce sono alcune che, con le dovute modifiche legate ai tempi, non solo vengono implementate oggi, ma già apportano grandi benefici.
Sappiamo che il Concilio è stato preparato dall'organismo preconciliare, con un'ampia discussione sui temi del Concilio, in cui erano coinvolti sia le scuole teologiche che alcuni pensatori di spicco, il clero e il popolo. Ora il successore di questo organismo preconciliare funziona - la Commissione interconciliare della Chiesa ortodossa russa. In nessun Paese al mondo le questioni relative alla Chiesa vengono discusse oggi come avviene nella Chiesa ortodossa russa. Le bozze delle decisioni sono preparate secondo il sistema conciliare, con la partecipazione dell'episcopato, del clero, dei monaci, dei laici, e poi pubblicate su Internet per una revisione generale, e riceviamo molte e molte risposte su di esse. Numerosi emendamenti, tenendo conto della discussione generale nella Commissione interconciliare, sono inclusi nei testi e solo dopo che tali documenti sono stati sottoposti alla decisione del Sinodo o del Consiglio dei Vescovi. Ancora una volta voglio dire: questo non accade in nessuna Chiesa al mondo. La Chiesa ortodossa russa, facendo rivivere la Commissione interconciliare come successore della Commissione preconciliare, fa tutto il possibile per garantire che la pienezza della Chiesa possa partecipare alla formazione della posizione della Chiesa sulle questioni più importanti del nostro tempo in ambito teologico, ecclesiastico, nell'organizzazione ecclesiastica e in molte altre.
C'è anche qualcos'altro di importante derivato dalla saggezza del Concilio del 1917-1918. Voi sapete che oggi ci sono 378 vescovi nella Chiesa ortodossa russa; e il Concilio del 2009, che mi ha eletto al trono di Mosca e di tutti i santi della Rus', contava solo 20 vescovi.
Ma non è solo un aumento quantitativo dell'episcopato. In conformità con le decisioni del Concilio del 1917-1918, in tutto il Paese sono state stabilite le metropolie, cioè è stato ripristinato l'antico modo di governare la Chiesa, quando il metropolita, che è anche l'arcivescovo della città principale, è responsabile della vita spirituale nella regione. Ma allo stesso tempo nel territorio della regione ci sono ancora i vescovi - due, tre, quattro, cinque, a seconda della regione, e tutti i vescovi si prendono cura congiuntamente del rafforzamento della vita ecclesiale nel nostro Paese. Questo nuovo sistema di gestione della Chiesa, nato dal Concilio del 1917-1918, porta ora risultati positivi.
Viaggio in tutto il Paese e osservo cosa succede. Vedo come nei centri provinciali rinascono i templi e i monasteri, come si creano i centri spirituali e intellettuali attorno al vescovo, come l'intellighenzia locale e il clero insieme riflettono sul destino della loro terra, del Paese, della Chiesa. Le grandi forze popolari sono messe in moto, e tutto questo grazie alla saggezza dei Padri del Concilio, l'apertura del quale stiamo celebrando oggi. Tutto quello che attingiamo dalla saggezza del Concilio e, con alcuni emendamenti per il momento, è messo in pratica, ci aiuta senza dubbio, per grazia di Dio, a rispondere - forse non così vividamente e fortemente come vorremmo - alle domande di questa epoca, alle sfide che questo mondo di oggi lontano da Dio rivolge alla Chiesa.
Il Concilio del 1917-1918 è stato veramente storico, e il fatto che sia stato questo Concilio a richiedere il ministero di Sua Santità il Patriarca Tikhon, un confessore, testimonia quanto efficacemente la mano di Dio guidasse i padri conciliari. Un osservatore esterno può dubi-tare, perché molti, se non la maggior parte, dei membri del Concilio furono arrestati, l'episcopato fu fucilato, distrutto, così come il clero. Che cosa poteva fare il Concilio? La malvagità umana può distruggere tutto? Noi rispondiamo: no! E se noi nel XXI secolo, 100 anni dopo, glorifichiamo questo Concilio; se, ricordandolo, noi parliamo della nostra vita moderna e ringraziamo il Concilio per i suoi meravigliosi pensieri, idee, fatti, questo significa che non è stato inutile. I nomi di coloro che perseguitarono il Concilio, ad eccezione dei cattivi più terribili, sono stati dimenticati e ricordiamo i nomi dei partecipanti al Concilio. Oggi ci rivolgiamo a loro come santi patroni della nostra Chiesa e crediamo che il loro sostegno orante in molti modi ci aiuti ad andare in quella direzione che i padri del Concilio sognavano», ha concluso il Primate della Chiesa ortodossa russa.
Il Patriarca Kirill ha letto una preghiera di ringraziamento al Signore per «le molte opere e le preghiere zelanti dei membri del Concilio Locale della Chiesa russa negli anni della persecuzione e della speranza riposta in Dio».
Dopo la litania della «supplica intensa» Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha pregato per la pace in Ucraina. Poi sono state elevate preghiere per «il riposo delle anime dei defunti servi di Dio, membri del Concilio Locale, che durante gli anni della persecuzione sono morti per la fede ortodossa a causa di atroci sofferenze, torture, martirio durante la prigionia e per il duro lavoro in esilio».
Al termine della Divina Liturgia è stato compiuto un servizio di preghiera (slavlenie) in onore della Madre di Dio. Sono stati glorificati anche i santi Padri del Concilio del 1917-1918.
Poi Sua Santità il Patriarca Kirill ha consegnato i premi della Chiesa in considerazione dell'aiuto alla Chiesa ortodossa russa.
L'Ordine di San Sergio di Radonež, II grado, è stato assegnato al vicepresidente del consiglio di amministrazione della società «PhosAgro», Andrej Grigorievich Guryev. L'Ordine del Santo Principe Daniele di Mosca, II grado, è stato conferito al presidente del consiglio di amministrazione e direttore generale della «PhosAgro», Andrej Andreevich Guryev. L'Ordine di Sant’Eufrosina, granduchessa di Mosca, II grado, è stato consegnato alla signora Evgenija Guryeva, membro del consiglio di amministrazione del Fondo di carità Andrej Rublev.
Sua Santità il Patriarca Kirill si è congratulato con i fedeli per la festa e li ha ringraziati per la loro comune preghiera: «In modo particolare vorrei ringraziare il coro congiunto della diocesi della città di Mosca. Oggi le nostre orecchie sono state deliziate da trecentocinquanta cantanti riuniti da tutta Mosca. Ringrazio gli organizzatori, i direttori, e Dio ci conceda di non perdere questa meravigliosa tradizione e in occasioni di feste speciali di eseguire i servizi divini con il canto del coro della diocesi della città di Mosca. Dio benedica tutti voi!».



<< Torna Indietro

icona della Dormizione della Madre di Dio (1479) della Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca
Arrivo del Patriarca Kirill nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca
Agosto '17