Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Monastero della Nuova Gerusalemme. L'immagine della Terra Santa in Russia


Il Monastero stavropigiale della Risurrezione della Nuova Gerusalemme è stato fondato nel 1656 dal Patriarca Nikon (1605-1681) nella città di Istra, regione di Mosca, e da lui concepito come la Terra Santa in Russia. La disposizione e la toponomastica degli edifici ecclesiastici del monastero e la zona circostante, che si estende per diverse decine di chilometri, riproducono i principali santuari cristiani presenti in Palestina: il giardino del Getsemani, il Golgota, la Chiesa del Santo Sepolcro, il Monte degli Ulivi, il Monte Tabor, e il fiume Istra rappresenta il fiume Giordano. I villaggi locali conservano ancora i loro nomi, come Betlemme, Nazareth, Cafarnao.
L'idea del Patriarca Nikon era di organizzare qui lo spazio della vita terrena del Salvatore, una «copia della Terra Santa». Secondo la tradizione, lo zar Aleksej Mikhailovich Romanov, presente alla consacrazione della prima chiesa del monastero, chiamò questi luoghi la Nuova Gerusalemme. La costruzione della cattedrale si protrasse per 30 anni, il Patriarca stesso non visse per vederla consacrata.
Nel monastero il Patriarca Nikon intendeva originariamente stabilire 365 aree, in base al numero dei giorni dell'anno, che si rivelarono difficili da raggiungere, ma 29 di esse furono costruite solo nella Cattedrale della Risurrezione. È interessante notare che la cattedrale è stata costruita a somiglianza della Chiesa del Santo Sepolcro, la disposizione interna è quasi del tutto identica alla Chiesa del Santo Sepolcro del 17° secolo. La decorazione interna è stata realizzata con piastrelle bicolori provenienti da diverse varietà di argilla e smalti trasparenti fatte a mano, parzialmente conservate fino ad oggi. La tecnologia, che ebbe origine nel Monastero dell’icona Iverskaya a Valdaj, si diffuse in tutta la Russia. E i fiori di melograno, usati attivamente, rappresentano un antico simbolo cristiano e il potere zarista.
Nel 1919 il monastero fu chiuso, sul suo territorio nel 1920 fu aperto il museo «Nuova Gerusalemme» ed i luoghi santi furono in parte distrutti, in parte abbandonati e resi irriconoscibili. Cominciando a decadere dopo la chiusura, il monastero soffrì molto nel corso della Grande Guerra Patriottica del 1941-1945. Durante le tre settimane di occupazione tedesca nel 1941 il museo fu saccheggiato. Quando le truppe naziste si ritirarono, il complesso del monastero fu fatto saltare in aria, le torri e il campanile furono distrutti e la Cattedrale della Risurrezione fu significativamente danneggiata.
I lavori di restauro nel monastero iniziarono già nel 1942, furono condotti intensamente soprattutto negli anni 1960-80. Nel 1994 iniziò il processo di trasferimento degli edifici del monastero alla Chiesa ortodossa russa con la ripresa della vita liturgica. Il 23 luglio 2008, il monastero è stato visitato dall’allora presidente della Federazione Russa Dmitrij Medvedev e dal Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Alessio II. Su loro iniziativa è stato istituito un fondo di beneficenza per restaurare il Monastero della Risurrezione della Nuova Gerusalemme.
Il 20 ottobre 2008 al Cremlino si è svolta la prima riunione del Consiglio di fondazione del Fondo per il restauro del monastero. Da allora, le riunioni del Consiglio si sono tenute regolarmente con la partecipazione della leadership della Chiesa e dello Stato. Il 6 marzo 2009 l'allora presidente della Federazione Russa ha firmato un decreto «Sulle misure per ricostruire l'aspetto storico del Monastero della Risurrezione della Nuova Gerusalemme della Chiesa ortodossa russa». Il decreto ha previsto la concessione di sovvenzioni al Fondo di beneficenza dal bilancio federale per ricreare l'aspetto storico del monastero.
Per garantire il controllo e un'adeguata assistenza, è stato creato il Consiglio di esperti della Fondazione, che comprendeva importanti studiosi d'arte russi, rinomati architetti e restauratori, esperti del Patriarcato di Mosca, del Ministero della Cultura della Federazione Russa e rappresentanti della società civile.
Le attività di restauro su vasta scala sono state avviate nel dicembre 2011, i restauratori avevano il compito di completare i lavori della cattedrale entro la fine del 2015. Nonostante l'impressionante quantità di manodopera questo compito è stato realizzato. Il ritmo intenso del lavoro ha permesso di completare il restauro della cattedrale in soli quattro anni. Il tempio è un monumento unico di architettura russa, si compone di quattro parti interconnesse: dalla Cattedrale della Risurrezione di Cristo sul lato orientale c’è la Chiesa sotterranea dei santi Costantino ed Elena, a sud - il campanile, dalla parte occidentale della Cattedrale - la rotonda, costruita sopra la cappella del Santo Sepolcro.
Sono stati effettuati i lavori per preservare l’iconostasi esistente in maiolica a tre livelli del XVII secolo nella Chiesa di Tutti i Santi (nel campanile), i cui frammenti furono miracolosamente preservati dopo l'esplosione nel 1941. Inoltre, gli specialisti hanno effettuato lavori di conservazione e restauro delle opere del XVII conservate fino ai giorni nostri - la Croce del Calvario e le porte rosse della Cattedrale.
Oltre a preservare e ricreare l'aspetto storico del monastero, la sua architettura e gli interni, il compito era di rendere idonei gli edifici a una vita liturgica regolare. La Cattedrale della Risurrezione non fu mai riscaldata, e solo durante la stagione calda vi si svolgeva il culto. Ora, al fine di mantenere il livello di temperatura per creare le condizioni favorevoli per la conservazione delle strutture del monumento, dei suoi interni e per le persone durante i servizi, nella cattedrale sono state costruite moderne strutture per il riscaldamento tutto l'anno.
Un posto speciale nella cattedrale è l'iconostasi monumentale di dodici metri, realizzata con opere di moderni pittori di icone.
La Cattedrale della Risurrezione è stata consacrata da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill l'8 maggio 2016, nella seconda domenica dopo Pasqua, dell'apostolo Tommaso, alla vigilia del Giorno della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica del 1941-1945.
Nel suo discorso ai fedeli Sua Santità il Patriarca Kirill ha detto: «Il Monastero della Nuova Gerusalemme è stato voluto dal grande Patriarca Nikon, che per il sopraggiungere di difficili circostanze politiche e di altri fattori non è riuscito, purtroppo, a completare la costruzione. Il Patriarca voleva che il popolo russo avesse la possibilità, senza esporsi al grande pericolo che a quel tempo comportava il viaggio a Gerusalemme, di toccare qui sulla terra di Mosca i luoghi santi di Gerusalemme - entrare nella Chiesa della Risurrezione, nel Santo Sepolcro, venerare la pietra dell'Unzione, andare nella Chiesa dei Santi Costantino ed Elena, dove c’è la Croce scoperta a Gerusalemme. Il Patriarca voleva che tutta questa zona intorno al monastero diventasse l'immagine della Terra Santa. Lui e il suo seguito in parte ci sono riusciti.
Ma la storia, come si suol dire, è stata molto crudele in questo luogo. Nel XIX secolo alcuni degli edifici del monastero iniziarono a crollare e fu necessario un restauro su vasta scala, che sarebbe iniziato nel XX secolo. Qualcosa cominciò ad essere fatto già allora, ma iniziarono i difficili tempi della rivoluzione, e poi la terribile prova della Grande Guerra Patriottica. Qui per alcune settimane le truppe tedesche si attardarono e una terribile battaglia esplose attorno al monastero, che cadde in rovina.
Anche nel difficile periodo postbellico, data l'importanza architettonica e storica di questo luogo, il monastero iniziò gradualmente ad essere restaurato. Ma possiamo dire che il vero restauro è iniziato nel 2011. Fino a quel momento, il mio beato predecessore, il Patriarca Alessio II e l'allora presidente, ora primo ministro della Federazione Russa Dmitry Anatolyevich Medvedev, che è presente qui, hanno creato un consiglio di fondazione. Sono iniziati i lavori di rilevamento e progettazione, e nel 2011 un lavoro senza precedenti di restauro, su larga scala, è iniziato e completato nel tempo record di quattro anni, come nello storico incontro del Consiglio di fondazione era stato programmato.
Ho un grande bisogno interiore di esprimere la mia più profonda gratitudine a voi, Dmitry Anatolyevich (Medvedev) e Viktor Alekseevich Zubkov (presidente di Gazprom), che praticamente avete diretto tutto questo lavoro, e molte altre persone che hanno formato il Consiglio di fondazione, padre archimandrita Feofilakt e i suoi fratelli, così come i nostri meravigliosi restauratori, costruttori, organizzatori, che hanno lavorato in modo sorprendentemente coordinato, senza fretta, ma con un ritmo straordinariamente corretto e sostenuto.
Ogni volta che siamo venuti qui nel corso di questi quattro anni, Dmitry Anatolyevich, io e tutti i membri del Consiglio di fondazione, abbiamo visto indubbi progressi e un notevole livello di restauro e lavoro di costruzione. Oggi tutto questo è finito, il monastero è stato quasi completamente restaurato».



<< Torna Indietro

Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Nikon (1652-1666)
Cattedrale della Risurrezione di Cristo nel giorno della sua consacrazione
Agosto '17