Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Riunione del Santo Sinodo... sulla Neva. Un monumento al Patriarca Sergio


Nello storico edificio del Santo Sinodo a San Pietroburgo, sotto la presidenza di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill si è svolta il 29 luglio la riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa. Presso l'ingresso principale del palazzo, che oggi ospita la sala delle riunioni del Santo Sinodo con la Chiesa domestica dei Santi Padri dei sette Concili Ecumenici, così come la Biblioteca presidenziale intitolata a Boris Eltsin, Sua Santità il Patriarca Kirill è stato accolto dal direttore della biblioteca, professore Aleksandr Vershinin.
Aprendo la riunione, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha dato il benvenuto ai membri del Santo Sinodo e ha detto in particolare: «Saluto tutti Voi, in particolare Sua Beatitudine il Metropolita di Kiev e di tutta l'Ucraina Onufrij!
Tradizionalmente in estate ci ritroviamo nell’edificio storico del Santo Sinodo. Oggi abbiamo un ampio ordine del giorno, si compone di 27 articoli. Mi auguro che si possa completare il nostro lavoro durante il giorno.
Vorrei dire che esattamente 90 anni fa, in questo stesso giorno il metropolita Sergio (Stragorodsky) ha firmato una nota dichiarazione. È stato il 29 luglio 1927. La dichiarazione mirava a raggiungere la legalizzazione della Chiesa nello Stato sovietico. La Chiesa, come sappiamo, era stata privata di tutti i diritti, il clero era stato privato anche del diritto di voto e del tutto colpito nei suoi diritti... La mancanza dell’esistenza legale della Chiesa in Russia poteva portare all’annientamento totale e alla scomparsa del cristianesimo nel Paese.
Sappiamo che il metropolita Sergij ha compiuto questo passo senza in alcun modo violare alcun dogma o canone, al fine di creare i presupposti per il possibile sviluppo dei rapporti con lo Stato e il rafforzamento della posizione della Chiesa in Unione Sovietica. In un primo momento, qualcosa è riuscito a fare, e sappiamo che alla fine del 1920 e all'inizio del 1930 ha compiuto un gran numero di ordinazioni episcopali, ha creato le diocesi anche nelle città dei distretti. Sembrava che la Chiesa avesse riacquistato il suo status canonico... Ma, come la storia ha dimostrato, tutto questo si è concluso già nel 1934, quando ci fu la prima ondata di repressione negli anni '30. E poi negli anni 1937-1938, con la guerra la nostra Chiesa divenne quasi completamente esangue, il popolo, il clero e i vescovi sono passati attraverso un periodo di terribile persecuzione. Questa è la pagina più dolorosa della nostra storia nazionale, il peggior capitolo della storia della Chiesa.
Ma, forse, attraverso l’intercessione dei nuovi martiri e confessori, che rimasero fedeli a Cristo, essi non vacillarono nella loro confessione di fede, non abbandonarono Dio e la Chiesa, e oggi qualcosa di buono accade nella vita della Chiesa e nella vita del nostro popolo. Pertanto, ricordiamo la data odierna con gratitudine ai nostri padri, nonni e a tutti coloro che hanno difeso l’Ortodossia in Russia, conservando la successione, tra cui la successione apostolica, la successione gerarchica nella nostra Chiesa. Memoria eterna a tutti coloro che hanno lavorato diligentemente per la gloria di Dio all'interno della nostra Patria».
I membri permanenti del Santo Sinodo sono: il metropolita Onufrij di Kiev e di tutta l'Ucraina; il metropolita Juvenalij di Krutitsy e Kolomna; il metropolita Vladimir di Chișinău e di tutta la Moldavia; il metropolita Aleksandr di Astana e Kazakistan, capo del Distretto metropolitano nella Repubblica del Kazakhstan; il metropolita Vikentij di Tashkent e Uzbekistan, capo del Distretto metropolitano dell’Asia centrale; il metropolita Varsonofij di San Pietroburgo e Ladoga, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il metropolita Pavel di Minsk e Zaslavsl, esarca patriarcale di tutta la Bielorussia; il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne.
Sono stati invitati a partecipare alla sessione estiva (marzo-agosto) del Santo Sinodo: il metropolita Pitirim di Nikolaevskij e Ochakovo; il metropolita Vladimir di Khabarovsk e Amur; il metropolita Nikon di Astrakhan e Kamyzjak; il vescovo John di Caracas e del Sud America; il vescovo Iakov di Naryan-Mar e Mezen’.
Il metropolita Sergio resse le sorti della Chiesa ortodossa russa come locum tenens dal 1937 al 1943 e fu eletto Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' il 12 settembre 1943.
Nel 150° anniversario della sua nascita (23 gennaio 1867) è stato inaugurato il 13 agosto un monumento in suo onore nella città natale di Arzamas, nella regione di Nižnij Novgorod.
Sua Santità il Patriarca Kirill ha benedetto l'opera, che sorge nel centro della città di Arzamas, dove ci sono la Chiesa dell'Annunciazione, il complesso monastico della Trasfigurazione del Signore, e la Chiesa dell’icona della Madre di Dio di Vladimir. Alla cerimonia hanno partecipato il metropolita Georgij di Nizhny Novgorod e Arzamas, il governatore della regione di Nizhny Novgorod Valerij Shantsev, il direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, metropolita Varsonofij di San Pietroburgo e Ladoga, il capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, arcivescovo Sergij di Solnechnogorsk, tutti i gerarchi che sono arrivati ad Arzamas per le celebrazioni commemorative dedicate al 150° anniversario della nascita del Patriarca Sergio, il clero della metropolia di Nizhny Novgorod e i parenti del Patriarca Sergio.
Al termine del rito, Sua Santità il Patriarca Kirill ha rivolto un discorso ai partecipanti alla cerimonia: «Durante tutto l'anno ricordiamo Sua Santità il Patriarca Sergio, del quale ricorre il 150° anniversario della nascita, ma in un modo molto speciale viene ricordato qui, ad Arzamas, la città dove è nato. E ringrazio il vescovo Georgij, il clero, il governo e tutti voi che mantenete la memoria di uno straordinario figlio della nostra Chiesa e della nostra terra.
Probabilmente molti di voi sono consapevoli del fatto che il lavoro di Sua Santità il Patriarca Sergio si è svolto nel momento più difficile della storia della Chiesa ortodossa russa. Come Primate ha affrontato difficoltà che nessuno si è trovato di fronte, perché si trattava della stessa esistenza della fede ortodossa in Russia.
Sua Santità il Patriarca Sergio ha percorso degnamente il ministero patriarcale. E così noi, discendenti riconoscenti, ricordando l’anniversario della sua nascita, ci rivolgiamo a Dio con la preghiera affinché la sua anima riposi nelle dimore celesti e noi con gratitudine conserviamo eternamente nei nostri cuori la sua memoria».
Un discorso a parte è stato tenuto anche dal governatore della regione di Nizhny Novgorod, Valerij Shantsev: «Oggi stiamo vivendo una giornata davvero storica e memorabile. È stato inaugurato il monumento a Sua Santità il Patriarca Sergio, e probabilmente è molto simbolico che questo accada nella terra di Nizhny Novgorod. La nostra terra, antica ed eroica, ha ripetutamente mostrato alla Russia e a tutto il mondo il vero patriottismo, il vero amore per la Patria. Ricordiamo il Tempo dei Torpidi, quando quasi tutti si arresero e solo le persone di Nizhny Novgorod hanno detto: "No, non ci saranno i Torpidi!", hanno riunito la milizia e hanno vinto. "Faremo di tutto per il bene della nostra terra, la nostra fede è viva", questo era il motto delle persone di Nizhny Novgorod, e pertanto questa terra ha dato i natali a molti eroi.
Così il Patriarca Sergio assorbì tutto il meglio che era su questa terra e divenne un vero e proprio santo della nostra terra, il custode della fede ortodossa e un grande patriota.
Sì, ha conosciuto molti eventi tragici insieme al nostro Paese. C'era molto dolore, ma mentre ricordiamo questi tempi difficili, non dobbiamo dimenticare le vittorie spirituali.
Il Patriarca Sergio rivolse un appello ai cittadini della Russia, a tutti i credenti il primo giorno della Grande Guerra Patriottica a dare tutto per vincere il nemico infido e crudele che aveva ridotto in schiavitù molti Paesi. Questo atto patriottico non sarà mai dimenticato. E siamo molto lieti che il Patriarca oggi torna alle sue radici e si trova in questa piazza. Sono convinto che per tutte le generazioni future sarà come una stella polare. Qui verranno i nostri figli, nipoti, pronipoti per assorbire la forza spirituale, il vero patriottismo, per aiutare il nostro Paese ad andare avanti».
Il monumento è stato realizzato dal famoso scultore Vyacheslav Potapin; la composizione scultorea e l’area urbana della piazza sono state progettate dall'architetto Yurij Kartsev, secondo gli schizzi dell'architetto Sergej Timofeev e dello scultore Ivan Lukin. Insieme al piedistallo è alto 7 metri.





<< Torna Indietro

Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Sergio (1867-1944)
Edificio del Senato e del Sinodo a San Pietroburgo
Cerimonia di inaugurazione del monumento nella città di Arzamas
Agosto '17