Agosto 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
LINK
COMMUNITY
PASSAPAROLA
SPONSOR
CONTATTI

ELEOUSA magazine
Agosto '17

Un giorno davvero speciale. Festa di san Vladimir e Battesimo della Rus'


Il 27 luglio Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill è arrivato a San Pietroburgo per partecipare alle celebrazioni in onore del santo principe Vladimir, il battista della Rus', e dell'anniversario del Battesimo della Rus'.
All’aeroporto Pulkovo-3 di San Pietroburgo il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il metropolita di San Pietroburgo e Ladoga Varsonofy, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, capo della metropolia di San Pietroburgo, il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto federale nord-occidentale Nikolaj Tsukanov, il governatore di San Pietroburgo Georgij Poltavchenko, l’arcivescovo Amvrosij di Peterhof, rettore dell'Accademia Teologica di San Pietroburgo, il vescovo Ignatij di Vyborg e Priozersk, il vescovo Markell di Tsarskoe Selo, il vescovo Nazarij di Kronshtad, vicario della Lavra della Trinità di Alexander Nevskij, il vescovo Mstislav di Tikhvin e Lodeynoye Pole, il vescovo Mitrofan di Gatchina e Luga, il clero della Capitale del Nord.
Il 28 luglio, nel giorno della memoria del santo principe Vladimir, pari agli Apostoli, e Giornata del Battesimo della Rus’ Sua Santità Il Patriarca Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Lavra della Trinità di Alexander Nevskij e ha guidato la cerimonia di commiato delle reliquie di san Nicola il Taumaturgo.
La Lavra fu eretta su ordine di Pietro il Grande nel 1710 in onore della vittoria ottenuta da Alexander Nevskij sugli svedesi durante la battaglia della Neva, combattuta nel 1240 proprio in questo luogo, tra le due sponde della Neva.
Sabato 29 luglio, nell’edificio storico del Santo Sinodo a San Pietroburgo, sotto la presidenza di Sua Santità il Patriarca Kirill, si è tenuta la tradizionale riunione ordinaria del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa.


Nel giorno della memoria del santo principe Vladimir, pari agli Apostoli, e Giornata del Battesimo della Rus’, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia presso la Cattedrale della Santa Trinità della Lavra di Alexander Nevsky a San Pietroburgo, dove il 13 luglio è stata portata l'arca con le reliquie di san Nicola, il Taumaturgo. Le reliquie sono giunte in Russia dalla città di Bari il 21 maggio e sono state portate nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, dove sono rimaste fino al 13 luglio, quando sono state trasferite nella Lavra di Alexander Nevskij a San Pietroburgo. Il 28 luglio le reliquie hanno lasciato la Lavra e la Russia. Alla cerimonia di commiato hanno partecipato i membri permanenti e temporanei del Santo Sinodo della Chiesa ortodossa russa, i gerarchi e il clero della metropolia di San Pietroburgo.
Durante la Divina Liturgia hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Vladimir di Chișinău e di tutta la Moldavia; il metropolita Alexander di Astana e Kazakistan, capo del Distretto metropolitano della Chiesa ortodossa russa nella Repubblica del Kazakhstan; il metropolita Vikentij di Tashkent e Uzbekistan, capo del Distretto metropolitano dell’Asia centrale; il metropolita Varsonofij di San Pietroburgo e Ladoga, cancelliere del Patriarcato di Mosca; il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca; il metropolita Vladimir di Khabarovsk e Amur; il metropolita Nikon di Astrakhan e Kamyzjak; l’arcivescovo Amvrosij di Peterhof, rettore dell'Accademia Teologica di San Pietroburgo; l’arcivescovo Sergij di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca; il vescovo John di Caracas e del Sud America; il vescovo Ignatij di Vyborg e Priozersk; il vescovo Markell di Tsarskoye Selo; il vescovo Nazarij di Kronštadt, vicario della Lavra di Sant’Alexander Nevsky; il vescovo Iakov di Naryan-Mar e Mezen’; il vescovo Mstislav di Tikhvin e Lodejnoe Pole; il vescovo Mitrofan di Gatchina e Luga; l’arciprete Pavel Krasnotsvetov, rettore della Cattedrale di Kazan’ a San Pietroburgo; l’arciprete Sergej Kuksevich, segretario dell'amministrazione diocesana di San Pietroburgo; l’arciprete Bogdan Sojko, rettore della Cattedrale di San Nicola e della Teofania dei Marinai a San Pietroburgo; l’arciprete Viktor Moskovskij, rettore della Chiesa dell’icona di Smolensk della Madre di Dio presso il cimitero di Smolensk a San Pietroburgo; i monaci della Lavra della Trinità di Alexander Nevsky nell'ordine sacerdotale e il clero della metropolia di San Pietroburgo.
Hanno partecipato al servizio divino: il rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto federale nord-occidentale, Nikolaj Tsukanov; il governatore della regione di Leningrado, Aleksandr Drozdenko; il presidente dell’Assemblea legislativa di San Pietroburgo, Vjacheslav Makarov; il vice presidente del Consiglio di amministrazione della società «PhosAgro», Andrej Guriev; il presidente del Consiglio di amministrazione e direttore generale di «PhosAgro», Andrej Guriev.
Tra i partecipanti al culto c’erano i cadetti delle scuole superiori della Marina militare russa e i volontari ortodossi. Il 30 luglio si festeggia in tutta la Russia il Giorno della Marina militare.
Nella Cattedrale della Trinità c’erano i membri della delegazione della Chiesa cattolica romana, che hanno accompagnato le reliquie di san Nicola: il presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'unità dei cristiani, il cardinale Kurt Koch, l’arcivescovo di Bari-Bitonto, monsignor Francesco Cacucci, il rettore della Basilica papale di San Nicola a Bari, sacerdote Ciro Capotosto, il dipendente del Pontificio Consiglio per la Promozione dell'unità dei cristiani, sacerdote Giacinto Destivelle, il direttore del Servizio di comunicazione dell'arcidiocesi di Bari, sacerdote Marco Cinquepalmi.
I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro di sacerdoti della metropolia di San Pietroburgo, diretto da Jurij Gerasimov, e dal coro della fraternità della Lavra della Trinità di Alexander Nevsky, diretto dal diacono Aleksandr (Urbanowicz). Il servizio patriarcale è stato trasmesso in diretta sul canale televisivo «Unione».
In connessione con la celebrazione del Battesimo della Rus' sono state elevate preghiere speciali durante la «supplica intensa». Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha fatto una preghiera di ringraziamento per il battesimo della terra russa e «per tutto il bene che è stato fatto nella Rus’ dai tempi antichi fino ad oggi». Sua Santità Vladyka ha pregato anche per la pace in Ucraina, la cui Chiesa ortodossa autonoma è sotto la giurisdizione ecclesiastica del Patriarcato di Mosca ed è l'unica Chiesa in Ucraina ad avere il proprio status canonico riconosciuto da tutta la comunione ortodossa.
La predicazione prima della comunione ai Santi Misteri è stata tenuta dal presidente del consiglio editoriale della diocesi di San Pietroburgo, rettore della Chiesa dei Santi Apostoli Pietro e Paolo nel parco Shuvalov di San Pietroburgo, igumeno Siluan (Tumanov).
Dopo il servizio, il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale. In particolare ha detto:


«Per noi oggi è un giorno speciale. Sarà scritto nella storia della Chiesa russa e della Patria. Nel giorno della celebrazione del Battesimo della Rus’, nel giorno della festa del santo principe Vladimir, lasciano la Russia le reliquie di san Nicola che, per la prima volta in 930 anni di permanenza a Bari, hanno lasciato l'Italia. Quest'anno ricordiamo con dolore il centenario della rivoluzione. Essa ha distrutto lo stile di vita storico del popolo e si è svolta sotto lo slogan di smantellare, liquidare il vecchio sistema, ma, soprattutto, sotto lo slogan di eliminare la Chiesa. E tutto questo è stato accompagnato dalla proclamazione di valori come l'uguaglianza, la fratellanza e la libertà. Anche allora le persone, capaci di pensare non sotto la forza della coercizione, ma liberamente, hanno capito che in questo pathos rivoluzionario c’era una menzogna terribile.
È impossibile parlare di uguaglianza, fratellanza, libertà - tutto ciò che Cristo ha portato nella vita della società umana, distruggendo contemporaneamente l'eredità cristiana».
«Centinaia di migliaia, forse milioni di fedeli sono stati uccisi solo perché non hanno rinnegato Cristo, - ha proseguito Sua Santità il Patriarca. - La maggior parte dell'episcopato non fu solo ucciso, ma sottoposto a terribili torture e abusi. Decine di migliaia di sacerdoti e monaci furono uccisi. E quasi tutte le chiese furono chiuse. Nel migliore dei casi, venivano utilizzate per esigenze ordinarie, o rimanevano in piedi come rovine, alcune ci ricordano ancora il terribile passato. È anche ovvio per me che nel 100° anniversario dell’abdicazione dell’imperatore Nicola II e degli eventi rivoluzionari, per l’ineffabile provvidenza divina in Russia sono state portate le reliquie di san Nicola. Né l'anno prima né l’anno dopo. E nessuno ha preparato appositamente questo evento per questo anniversario».
«Voi sapete che l'accordo di portare le reliquie è stato raggiunto durante il mio incontro con Sua Santità Francesco, Papa di Roma, a Cuba lo scorso febbraio, - ha ricordato il Patriarca Kirill. - Vorrei esprimere i miei sinceri e fraterni ringraziamenti a Papa Francesco attraverso la delegazione qui presente. Anche questo, da parte sua, è stato un passo difficile, perché per 930 anni le reliquie non sono mai uscite dalla cripta, in cui sono incorporate. Vedo qui l'azione dello Spirito Santo, che mi ha condotto a questa conversazione con il Papa di Roma nel 2016 e, indubbiamente, ha ispirato tutti coloro che nella Chiesa cattolica hanno deciso di portare questo santuario in Russia. E si è scoperto che l’arrivo delle reliquie è coinciso con il secolo degli sconvolgimenti più terribili nella vita del nostro popolo e degli enormi sconvolgimenti nella vita dell'Europa. Probabilmente, le persone che non credono che ci sia un altro mondo, trascendente, extrasensoriale, diranno che il programma è coinciso. Non possiamo dirlo. È piaciuto al Signore che in questo anno di ricordo dei terribili e fatali eventi della Patria, san Nicola sia venuto nella Rus’. In quella stessa Rus’ che lo ama come nessun altro. La prova di questo amore è che durante i 69 giorni di permanenza delle reliquie in Russia, circa 2,5 milioni di persone si sono unite a loro. Ma l'essenza non è nei numeri, ma nel fatto che la gente moderna in un Paese moderno non solo è venuta a visitare san Nicola, ma è stata in fila sei, otto, dieci e dodici ore sotto la pioggia e il vento. Non c'è stata una sola parola di mormorio».
«Quando qualcuno ha detto, data l'età e lo stato di salute: "vai avanti tu" - mi hanno raccontato questi casi meravigliosi - le persone hanno risposto che era importante per loro non solo avvicinarsi a san Nicola, ma stare in questa fila, - ha riferito Sua Santità il Patriarca. "Abbiamo bisogno di fare una specie di impresa", hanno detto le persone, "e di pregare non solo nel momento in cui la bocca tocca l'arca, ma per un tempo più lungo". Lo stare in piedi delle persone scuote. È vero, i nostri media sono così organizzati che dicono di più su qualsiasi manifestazione di protesta che raccolga duemila persone piuttosto che sulle file per le reliquie che raccolgono milioni di persone. Lasciamolo alla coscienza di coloro che sono impegnati nei mass media. Senza di loro, il mondo intero conosce il miracolo di san Nicola, che si è compiuto nell'anno del centenario della nostra rivoluzione, un terribile cambiamento nella vita delle nostre persone».
«Nessuno ha previsto la coincidenza di oggi con l'addio a san Nicola. Oggi è un giorno speciale, ricordiamo il santo principe Vladimir, uguale agli Apostoli, e il Battesimo della Rus’. Oggi abbiamo pregato soprattutto per il nostro popolo, per i Paesi che ricevono la cura pastorale della Chiesa ortodossa russa. Abbiamo pregato soprattutto per l'Ucraina, per fermare la guerra intestina, affinché la rabbia e l'odio si allontanino dal pio popolo ucraino, al fine di ripristinare tutti i legami tra i membri di una stessa comunità, tra i popoli che provengono dal fonte battesimale di Kiev.
Il fatto che la nostra preghiera speciale per la Rus’ storica - Russia, Ucraina, Bielorussia e altri Paesi - sia stata eseguita oggi dinanzi all'arca con le reliquie di san Nicola è anch’essa piena di significati profondi. Le reliquie del santo taumaturgo sono venute da noi per sostenere il popolo russo, affinché la fede sia rafforzata, in modo che nessuna tentazione venga offerta attraverso certi dialoghi intellettuali, decisioni politiche concrete, in modo che tutto ciò che accade nella nostra Patria oggi non distrugga le basi spirituali delle persone. Sono sicuro che san Nicola intercederà davanti a Dio per il nostro popolo, per preservare la fede ortodossa, per rafforzare la morale, resistere a tutti i tipi di tentazioni e peccati, che non solo giungono a noi attraverso i media, ma sono anche imposti dalla forza dell'influenza politica. Dobbiamo mantenere la fede, i principi evangelici, dobbiamo andare controcorrente, se questo è il sentiero stretto che conduce al Regno di Dio».
«Il santo e taumaturgo Nicola ha aiutato molti. Ho delle sorprendenti testimonianze, ma non posso nominare il nome della persona con la quale è avvenuto l’evento straordinario, - ha condiviso il Primate. - Si tratta di una persona molto malata, che i medici non potevano curare, fece la fila per diverse ore. Nessuno avrebbe potuto immaginare che avrebbe raggiunto le reliquie del santo. Ma lo ha fatto. E quando ha lasciato il tempio, si sentiva bene. Non sappiamo se la malattia è regredita, ma c'era una forza, che la persona attribuiva al miracolo di san Nicola. Il santo apostolo Paolo nella lettera che abbiamo ascoltato oggi dice: "Vi dico, fratelli, che il vangelo che ho predicato non è umano, poiché anch'io l'ho ricevuto e non l’ho imparato dall'uomo, ma attraverso la rivelazione di Gesù Cristo" (Gal 1,11). Possiamo dire questo della Chiesa. Se avesse predicato secondo la saggezza umana, la fantasia umana, le convinzioni umane, come alcuni vorrebbero condannarci, nulla sarebbe rimasto della testimonianza cristiana, che da oltre duemila anni è passata attraverso culture diverse, attraverso l'Oriente e l’Occidente, coprendo il mondo intero. Ma se abbiamo un approccio puramente pratico a questo fenomeno - il cristianesimo nella storia umana – può essere spiegato da errori umani, dalla saggezza? No, perché la nostra predicazione non viene dalla saggezza umana, ma dal Signore Gesù Cristo. E il fenomeno dei miracoli è la più grande conferma di queste parole dell'apostolo Paolo. Oggi noi diremo addio all’arca, ma il popolo non si separerà mai da san Nicola. La sua icona è presente in quasi tutte le case. Dopo il Salvatore e la Madre di Dio, preghiamo lui. Lo amiamo, sentiamo la sua forza, il che significa che sarà sempre con noi. Attraverso le sue preghiere possa il Signore preservare la nostra terra, la Chiesa, il cristianesimo in tutto il mondo, tenere lontano i cristiani di Oriente e Occidente da ogni tentazione, rimanendo fedeli a quello che ci ha detto oggi l'apostolo Paolo».
«In conclusione, vorrei esprimere ancora una volta la mia gratitudine a Voi, cari fratelli venuti dall'Italia, e Vi chiedo di esprimere la mia profonda gratitudine a Sua Santità il Papa Francesco. Penso che portare le reliquie di san Nicola il Taumaturgo abbia fatto tanto per la riconciliazione tra Oriente e Occidente, come non ha mai fatto la diplomazia, né laica né ecclesiastica. Attraverso le sue preghiere possa il Signore custodire tutti coloro che invocano il Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo, a Lui la gloria, l'onore e l'adorazione sempre, ora e sempre nei secoli dei secoli», - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa.
A nome del clero e dei fedeli della metropolia di San Pietroburgo, il metropolita Varsonofij si è congratulato con Sua Santità il Patriarca per il giorno della memoria del santo principe Vladimir, pari agli Apostoli, e per il Giorno del Battesimo della Rus’ e ha espresso la sua gratitudine per il servizio divino. Inoltre il capo della metropolia di San Pietroburgo e Ladoga ha espresso la sua gratitudine per l'opportunità dei residenti della Capitale del Nord di venerare le reliquie di san Nicola. «535mila persone sono passate in questo periodo, e queste persone Vi ringraziano, Vostra Santità, per quello che avete fatto per il nostro popolo».
Come dono al Primate della Chiesa russa, il direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca ha presentato l'icona di san Nicola, benedetta sulle reliquie del santo.
San Nicola, arcivescovo di Myra, morì nel 342 circa e fu sepolto nel suo luogo di servizio a Myra (ora la città turca di Demre). Nell'VIII secolo, questo territorio fu conquistato dai saraceni. Nel 1087 una parte delle reliquie fu estratta segretamente e trasferita nella città italiana di Bari. Poco dopo, i veneziani arrivarono a Myra e comprarono il resto delle reliquie. Le particelle delle reliquie conservate in molte chiese, comprese quelle della Russia, vengono da Venezia.
A Bari, fino ad ora, non esisteva la pratica di separare le particelle dalle reliquie. È stata prelevata la nona costola di sinistra del santo e posta in un'arca realizzata in Russia. Il suo peso è di 40 kg ed è ricoperta con foglia d'oro.






<< Torna Indietro

Il Primate della Chiesa ortodossa russa, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill
Liturgia patriarcale a San Pietroburgo. In primo piano, le reliquie di San Nicola
Cattedrale della Santa Trinità nel giorno del Battesimo della Rus'
Agosto '17