ELEOUSA magazine
Agosto '17

La teologia nello spazio educativo laico. Convegno all'Accademia Presidenziale russa


Discorso del metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca e rettore della Scuola di dottorato e alti studi teologici dei Santi Cirillo e Metodio, tenuto al Convegno panrusso sul tema «La religione negli aspetti filosofici, teologici, e negli approcci religiosi: il problema di determinare gli obiettivi e le competenze», presso l’Accademia Presidenziale Russa di Economia Nazionale e Amministrazione Pubblica di Mosca, il 22 aprile 2016. L'Accademia è la più grande istituzione federale finanziata dallo Stato per garantire una maggiore formazione professionale. È la più grande Università socio-economica ed umanistica in Russia e in Europa.

«Cari colleghi!
Gli organizzatori del convegno mi hanno chiesto di fare una presentazione sulla mia visione del posto che la Teologia può avere nella scienza e nell’istruzione russa.

La teologia nello spazio educativo laico...
Lo status e il ruolo della Teologia (o parola di Dio) nello spazio educativo va ben oltre gli interessi altamente specialistici dei rappresentanti delle scuole teologiche della Chiesa ortodossa russa e delle altre confessioni. Essa è direttamente collegata allo sviluppo del nostro Paese e alla sua sicurezza nazionale.
Le sfide geopolitiche che abbiamo di fronte dimostrano che c'è bisogno di misure sistemiche urgenti, volte a rendere più ampio l’approccio alla formazione spirituale e morale, civile-patriottica, ovvero il ruolo e il posto della religione nella formazione. Non ci si può limitare a inculcare il rispetto per le religioni tradizionali come un metodo di convivenza tollerante in un ambiente multiculturale. Questo approccio ha già portato alla crisi in Occidente.
Siamo di fronte ad un compito molto più difficile: formare i giovani su prospettive orientate ai valori in base alle nostre tradizioni religiose, creare un ambiente intellettuale e spirituale in una società che sia in grado di affrontare queste sfide con fiducia. Ciò richiede una revisione degli stereotipi imposti su di noi dalla «laicità», che non permettono alla religione di essere presente in modo efficace nello spazio educativo.
Oggi, non vi è più alcun dubbio sull’importanza dell’insegnamento delle basi della cultura religiosa a scuola; questa esperienza richiede la diffusione ad altri livelli e forme di istruzione. Quest'ultima, a sua volta, necessita di un approccio scientifico e metodologico; mi riferisco alla formazione teologica, della teologia.
Inoltre, la teologia è uno speciale spazio interreligioso di comunicazione interreligiosa molto importante, un formato specifico del dialogo. Espandere questa finestra di dialogo è nell’interesse non solo delle religioni tradizionali, ma anche nell'interesse diretto dello Stato. Allo stesso tempo il livello del dialogo e della cooperazione, il cui scopo è quello di preservare i valori comuni, la nostra unità nazionale e la solidarietà sociale, dipende anche dalla formazione scientifica e teologica della comunità religiosa e con essa la sua autorità e influenza.
È per questo che stiamo parlando della necessità di completare il lavoro sulla creazione nello spazio educativo laico della branca scientifica di «Teologia», compreso il diritto di vedere riconosciuta dallo Stato la professione di docente in specialità teologiche.
Si potrebbe ribattere che non esiste una tradizione nella formazione universitaria nazionale. Infatti, nelle università russe del periodo pre-rivoluzionario e in altre istituzioni laiche non c’erano facoltà teologiche, a differenza di gran parte delle università europee, sin dal Medioevo. Tuttavia, il sistema di istruzione in Russia ha prodotto i diplomati di accademie teologiche, ha garantito la tesi di laurea e di ricevere la laurea in Teologia.
Se parliamo dei modelli stranieri di formazione teologica, dovremmo studiare la loro esperienza, ma non contare sull’opportunità di un trasferimento tecnico o di una copia non nota. Inoltre, la crisi della cultura cristiana in Europa, i suoi effetti visibili, mettono in guardia da un giudizio acritico.
A sua volta, distrutto in epoca sovietica, il sistema nazionale di formazione teologica continua a recuperare terreno. E questo processo ha avuto un impulso negli ultimi anni, con il lavoro congiunto della Chiesa e dello Stato, ed è in grado di fornire un nuovo livello, dove la Russia può essere leader.
Oggi la Russia ha un ruolo speciale. Nella nostra rinascita spirituale vediamo le speranze non solo dei popoli del nostro Paese, ma anche delle persone di molti Paesi che hanno a lungo nutrito le loro speranze sui valori occidentali, sulla filosofia occidentale, sulla cultura occidentale. Il superamento della crisi ideologica, dei valori, della crisi morale è impossibile senza la cooperazione dello Stato e della società, e le organizzazioni religiose sono la più grande associazione pubblica.
E dal momento che la dottrina religiosa è espressa nel linguaggio teologico, la teologia nel suo attuale contesto russo - non laico e non "aconfessionale", come stiamo cercando di proporre conformemente ai modelli di cui sopra, e facendo riferimento alle confessioni tradizionali, - apre ulteriori opportunità di intravedere cambiamenti nel futuro della Russia.

La teologia nelle università laiche...
Oggi dovremmo parlare della presenza della teologia nel mondo scientifico e dell'istruzione nazionale non più nella modalità di possibilità o desiderabilità-indesiderabilità, non in vena congiunturale, o de facto come sta accadendo, ma de jure la teologia può entrare nello spazio educativo. Nel Paese è assicurato legalmente ed effettivamente un sistema di formazione teologica universitaria a tutti i livelli: baccalaureato, specialistica, master, post-laurea, programmi formativi aggiuntivi. La teologia (settore scientifico 26.00.00, specialità scientifica 26.00.01) è inclusa tra le discipline scientifiche della Federazione Russa, approvata come specialità scientifica, e si sta lavorando per l’apertura del relativo Consiglio di tesi. La Scuola di dottorato e alti studi teologici dei Santi Cirillo e Metodio, l’Università Statale di Mosca "M.V. Lomonosov", l’Accademia Russa Presidenziale di Economia Nazionale e della Pubblica Amministrazione, l’Università ortodossa San Tikhon di studi umanistici hanno firmato un accordo per istituire sulla base del loro Consiglio di tesi quello sulla specialità 26.00.01 di teologia.
La teologia si insegna in 48 università in Russia (tra cui 36 dello Stato), in 36 città di tutti i distretti federali. La teologia ortodossa viene insegnata in 42 università (di cui 36 statali) e in 33 città. In 15 università è stato istituita la specialità, in 35 università - il baccalaureato, in 14 università - il master. In 6 università è stato aperto il programma di riqualificazione professionale (1-4 anni), in 7 scuole superiori - i corsi di aggiornamento, in 9 università la teologia viene insegnata nel quadro di corsi opzionali.
Per garantire l'interoperabilità dei dipartimenti teologici delle università con la Chiesa è stato creato nella capitale e nelle regioni il Consiglio diocesano di teologia.
Nel vasto e multiforme territorio della Federazione Russa non ci sono solo i dipartimenti di teologia ortodossa, ma anche i dipartimenti di teologia islamica nelle università. Ci sono esempi di coesistenza di profili confessionali diversi all'interno di una facoltà, ad esempio presso la Facoltà teologica dell’Università statale di Ingegneria mineraria degli Urali.
Parallelamente all'ingresso della teologia nello spazio educativo laico si è creata una convergenza del sistema educativo della Chiesa con gli standard statali. Sul territorio della Federazione Russa oggi ci sono 35 seminari e 2 accademie teologiche della Chiesa ortodossa russa, così come la Scuola di dottorato e alti studi teologici dei santi Cirillo e Metodio. Trentacinque di essi hanno una licenza statale. Nove scuole teologiche attuano gli standard educativi federali dello Stato (GEF) nel baccalaureato in teologia, due nel master in teologia. Il sistema di istruzione spirituale della Chiesa ortodossa russa nel suo complesso si focalizza su programmi educativi, preparati sulla base del GEF di «Teologia», o il più vicino ad esso.
Nelle Accademie teologiche sono stati aperti corsi di post-laurea e di dottorato in teologia.
La Scuola di dottorato e alti studi teologici offre corsi di post-laurea e di dottorato. Vi è il corso di dottorato in teologia e storia della Chiesa. I criteri, applicati per il dottorato di ricerca nelle scuole religiose, soddisfano i requisiti della Commissione superiore [del Ministero dell'Istruzione, ndr]. Le procedure nella Chiesa non si discostano dagli standard del GEF. Sono stati intrapresi sforzi per sviluppare e migliorare la qualità dei programmi di ricerca presso le più importanti istituzioni accademiche della Chiesa ortodossa russa.

Perché la teologia nelle università...
Il ritorno della teologia nello spazio accademico russo è stato difficile. Ma alla fine ha trionfato la giustizia storica e la saggezza dello Stato. Le barriere discriminatorie erette durante l’ateismo di Stato sono state superate. Il ritorno della teologia in ambito accademico è stato anche uno degli aspetti dell'attuazione degli obblighi che la Federazione Russa ha assunto quando è stato unito lo spazio educativo europeo nel quadro degli accordi di Bologna, che consente il riconoscimento reciproco dei titoli di studio, tra cui la teologia. Ad esempio, recentemente è stata adottata la classificazione paneuropea di specialità scientifiche altamente qualificate, che include anche la teologia.
L'ingresso della teologia nello spazio universitario e accademico non è in contrasto con la laicità dello Stato e della società, purché non lo si veda in uno spirito di secolarismo aggressivo e di ateismo, così come con la neutralità ideologica nel rispetto del principio della libertà di coscienza. La presenza della teologia nel campo dell'istruzione e della scienza è un segno di maturità civile della società russa, di accettazione della sua complessità strutturale, multifattoriale, insieme alla consapevolezza dell'importanza delle radici spirituali e culturali come identità di civiltà della Russia.
La teologia cristiana, la razionalità teologica è uno degli elementi essenziali della cultura europea e russa, assicura la presenza nella cultura delle verità e delle idee cristiane, esprimendo l'esperienza religiosa di molte generazioni. Come ogni scienza, la teologia non ha solo un valore altamente specialistico, ma fornisce anche la base per conservare, sviluppare e trasmettere in un ampio spazio pubblico un certo tipo di conoscenza, che ha un significato culturale. La teologia è anche uno strumento necessario di comunicazione di significati religiosi in un dialogo civile su questioni che interessano il bene comune. Sulla necessità di un tale dialogo, con la partecipazione di gruppi religiosi, come si ricorderà, ha scritto in modo convincente il filosofo e sociologo tedesco Jürgen Habermas.

Dialogo con la comunità scientifica...
Il riconoscimento pubblico e di esperti della teologia nel suo status accademico è stato reso possibile in gran parte grazie al dialogo continuo con la comunità scientifica e degli esperti. Uno dei problemi più difficili è stata la decisione formale in merito all'introduzione della teologia nella gamma delle discipline scientifiche e il successivo riconoscimento di specialità scientifica. C’è stata una discussione sullo status scientifico della teologia, la sua specialità, diversa da quella di altre discipline scientifiche, nonché il problema della differenziazione religiosa.
In base all'esperienza degli ultimi anni posso confermare che, nonostante l’importanza di discussioni scientifiche e metodologiche sullo status scientifico della teologia, di definizioni metodologiche e distinzione interdisciplinare, alcune indicazioni non dovrebbero essere la base e l’argomento principale per l’approvazione come specialità scientifica.
In pratica, l'argomento più importante a favore del riconoscimento di un nuovo ramo scientifico separato o di specialità è l’aver formato una scuola scientifica, una comunità scientifica e di esperti, riconosciuta da altri membri della comunità scientifica.
Nel caso della teologia, la situazione è stata proprio questa. In primo luogo, per le discipline umanistiche rimane importante la tradizione pre-rivoluzionaria, quando famosi scienziati erano associati sia con la teologia accademica che con la scienza universitaria. In secondo luogo, la Russia è nota per una serie di importanti teologi stranieri, riconosciuti e citati da scienziati russi, esperti in vari campi della conoscenza umana (filosofi, storici, linguisti, storici dell'arte). E, in terzo luogo, ci sono stati scienziati russi che sono venuti dal mondo accademico nel mondo scientifico della Chiesa e non hanno mai fatto ritorno, mantenendo la loro figura e la loro formazione iniziale. Proprio questo terzo gruppo rappresenta oggi il nucleo di esperti scientifici della teologia russa. Essi sono professori della Scuola di dottorato e alti studi teologici dei Santi Cirillo e Metodio, delle accademie teologiche e seminari, dell’Università ortodossa San Tikhon di scienze umanistiche, dell’Accademia russa umanistica cristiana, dei dipartimenti e facoltà teologici, sono autori dell’“Enciclopedia ortodossa”, così come scienziati che non sono formalmente legati alle istituzioni accademiche ecclesiastiche, ma allo stesso tempo sono impegnati in attività di ricerca, riconosciute da loro, e colleghi della comunità teologica impegnati nella competenza della teologia.
Così la comunità scientifica e di esperti russa (parlando ora dell’ortodossia, anche se è sostanzialmente vero in relazione ad altre religioni tradizionali della Russia) è varia, la composizione è multi-disciplinare, diversificata, ha un buon livello di rapporti accademici sia con la comunità accademica russa che con la comunità accademica internazionale, che ha riconosciuto le istituzioni accademiche della Chiesa, anche se non c’è ancora un formale riconoscimento scientifico-pratico.
Il fatto che gran parte dei membri della comunità teologica ha una laurea in discipline scientifiche affini riconosciuta dal GEF, è divenuto la base per una soluzione transitoria del Ministero della Pubblica Istruzione sulle lauree in teologia, che in questa fase saranno assegnate non sulla teologia, ma sulla storia, la filosofia, la filologia, la pedagogia e la psicologia, la sociologia e gli studi culturali, la storia dell'arte. Il motivo è da attribuirsi alla mancanza di un numero sufficiente di esperti con i gradi teologici riconosciuti per formare il consiglio di esperti in teologia del GEF.
Pensiamo che questo argomento non sia sufficientemente convincente e crediamo che ci sia un numero sufficiente di specialisti in grado di formare il consiglio di esperti in teologia del GEF sulla base dei risultati delle loro ricerche e delle materie che insegnano.

La teologia come specialità scientifica...
Per quanto riguarda la questione della specialità della teologia, essa è stata inserita nella corrispondente specialità scientifica.
Il documento è stato preparato presso il Dipartimento di Filosofia della religione e Studi religiosi dell’Università Statale di Mosca, e questo è importante in relazione alla questione dell'intersezione dei campi di responsabilità della teologia e degli studi religiosi. Quando dico che la questione della specialità scientifica è stata approvata dal GEF, non voglio dire che la questione della demarcazione metodologica-disciplinare della teologia e delle scienze affini sia stata risolta con totale chiarezza e soddisfazione di tutti. Non è proprio così.
Inoltre, non è neanche vero che tutto sia perfettamente chiaro con la definizione automatica della teologia come specialità scientifica. Non è neanche vera la presunta totale chiarezza sul tema della correlazione tra la specialità scientifica "teologia" con la teologia e il complesso delle scienze religiose della Chiesa, come sono tradizionalmente esistite e come attualmente esistono nelle istituzioni accademiche ed educative della Chiesa Russa.
La comprensione della specificità metodologico-scientifica della teologia, come ho detto, è sancita nel riconoscimento di specialità scientifica. Questa comprensione, che è una convenzione, è il risultato di un compromesso difficile raggiunto dai rappresentanti delle relative comunità scientifiche e di esperti e dai teologi. A mio avviso oggi questo risultato in sé è sufficiente per iniziare il lavoro produttivo e i consigli di tesi in teologia e per affrontare le questioni di appartenenza disciplinare e solidità scientifica delle tesi di ricerca. Il modo migliore per risolvere i problemi che possono sorgere qui è la pratica. E la cosa principale che ci aspettiamo è una collaborazione costante con i rappresentanti delle scienze affini.
In particolare, credo che siamo in grado di raggiungere un buon livello di comprensione e cooperazione con gli studi religiosi. Tenendo conto dei problemi espressi da tempo, posso responsabilmente dire: la teologia non mira a cacciare le scienze religiose dall'università e dallo spazio accademico, non mira a una sostituzione, sfruttando la posizione religiosa. Questo perché, dal canto nostro, vediamo l’insegnamento specialistico della teologia al pari degli studi religiosi, noi non rivendichiamo la sua eredità accademica. Al contrario, riteniamo che l'emergere della teologia come specialità accademica contribuirà ad una migliore comprensione delle specificità metodologiche-disciplinari delle religiose.
In particolare, credo che siamo in grado di raggiungere un buon livello di comprensione e cooperazione con le scienze religiose. Tenendo conto dei problemi espressi da tempo, posso responsabilmente dire: la teologia non mira a cacciare le scienze religiose dall'università e dallo spazio accademico, non mira a una sostituzione, sfruttando la posizione religiosa. Questo perché, dal canto nostro, vediamo l’insegnamento specialistico della teologia al pari degli studi religiosi, noi non rivendichiamo la sua eredità accademica. Al contrario, riteniamo che l'emergere della teologia come specialità accademica contribuirà ad una migliore comprensione delle specificità metodologiche degli studi religiosi.
Non vediamo l'ora di promuovere la cooperazione delle istituzioni teologiche nelle università laiche, così come della teologia ecclesiastica con le scienze religiose, e con i rappresentanti delle altre scienze affini. Sarebbe produttivo il lavoro in aree filosofiche e teologiche: l'ermeneutica, l’epistemologia, i problemi di lingua, la metafisica, la filosofia della religione, la teoria della cultura, la filosofia sociale e politica, l’antropologia, l’assiologia, l’etica. In termini di interazione con le scienze sociali, in particolare, potrebbe essere esaminata la questione del rapporto tra religione e scienza come realtà sociali e culturali e le istituzioni pubbliche.
Nella teologia vi è la comprensione teorica della "vita sociale" della Chiesa, l’ecclesiologia e, in parte, l'etica sociale. Pertanto, l'ecclesiologia e l'etica sociale cristiana come una branca del pensiero teologico potrebbero rappresentare uno spazio di interazione interdisciplinare con le scienze sociali. Tuttavia, l'enfasi nella pratica e collaborazione interdisciplinare in aree specifiche non elimina l'importanza di chiarire le questioni scientifiche e metodologiche. Così, nel quadro della commissione sulla teologia da me presieduta nella Commissione Interconciliare della Chiesa ortodossa russa sto preparando un documento "La teologia come scienza e il suo posto nel sistema della conoscenza". Lo studio di questo argomento è inteso come un chiarimento dello status scientifico della parola di Dio/teologia, le sue specificità metodologiche-disciplinari e il ruolo della teologia stessa, vale a dire, la teologia intesa come scienza, esperienza, vita e ministero della Chiesa.
La Scuola di dottorato e alti studi teologici in collaborazione con le principali istituzioni scientifiche ecclesiastiche e laiche tiene regolarmente seminari sulle complesse questioni scientifiche e metodologiche della teologia.
Colleghi! Mi sembra che abbiamo buoni motivi per essere ottimisti sul futuro della teologia nello spazio accademico russo. E voglio testimoniare ancora una volta la nostra piena apertura alla cooperazione accademica a vantaggio della scienza russa, dell'istruzione, e della società russa nel suo complesso».



<< Torna Indietro

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne
Icona di Cristo Salvatore (VI sec.) scritta dopo il Concilio di Calcedonia
Agosto '17