ELEOUSA magazine
Agosto '17

La Società storica russa a Mosca. Inaugurata la Casa nel 150° anniversario


È stata inaugurata da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill e dallo speaker della Duma di Stato della Federazione Russa, Sergej Nariškin, la Casa della Società storica russa a Mosca in occasione del 150° anniversario della fondazione di questa organizzazione.
La Società storica russa è stata fondata nel 1866 a San Pietroburgo (dal 1873 - Società imperiale storica russa). Le sue principali attività, in conformità con la Carta, erano la raccolta, l'elaborazione e la diffusione di documenti sulla storia del Paese per «cooperare pienamente allo sviluppo della formazione storica nazionale russa». Ora la Società si trova a Mosca, in un edificio ristrutturato del XVIII-XIX secolo, all’angolo tra Via Campo Vorontsovo e Vicolo Podsosensky. Dal 1823, e fino al periodo sovietico, l’edificio apparteneva ai mercanti-Vecchi Credenti Rakhmanov. Dall'inizio del 2014 è stato sottoposto ad un ampio restauro.
Prima della cerimonia di inaugurazione, Sua Santità il Patriarca Kirill e Sergej Nariškin hanno visitato la mostra dedicata al 150° anniversario della Società e al restauro dello storico edificio.
Poi, all'ingresso del palazzo principale ha avuto luogo la cerimonia di inaugurazione.
«Vorrei calorosamente congratularmi con tutti i membri della Società storica russa per questo importante anniversario», - ha detto il Primate della Chiesa ortodossa russa, sottolineando che «questa società ha svolto un ruolo importante in epoca pre-rivoluzionaria. In Russia ci sono stati molti grandi storici. Stiamo celebrando il 250° anniversario di Nikolaj Karamzin e di altri nomi ben noti, come ad esempio Sergej Solov'ëv. Sono state scritte molte opere sistematiche sulla storia, belle monografie. Sorprende l’elevato livello di ricerca storica nella Russia pre-rivoluzionaria. A volte devo fare riferimento a queste fonti, le ho lette con un interesse sorprendente, perché si vede che le conclusioni degli storici sono compiute sulla base di un'attenta analisi dei documenti».
Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ ha evidenziato che il contributo scientifico della Società storica russa non può essere dimenticato. «Su questa base dobbiamo continuare a sviluppare la nostra conoscenza storica, perché non si riferisce solo al passato. L'uomo vive tra il passato e il futuro, e il presente è ora».
Secondo Sua Santità «è importante rendersi conto che quando stiamo costruendo il futuro, dobbiamo accettare pienamente le esperienze passate. Il più delle volte può essere dannoso per la società e lo Stato il divario tra il presente e il passato, perché il futuro si distaccherà dall’esperienza del passato».
«Siamo passati attraverso gli anni più difficili della distruzione del vecchio mondo, che nella coscienza ideologizzata è stato completamente identificato con il negativo, non necessario, che richiede non solo un ripensamento, ma la rimozione, e sappiamo dai risultati che tutto questo è accaduto. E il fatto che oggi la Società storica russa stia lavorando attivamente è buon segno del crescente interesse non solo degli esperti, ma anche del grande pubblico sul nostro passato».
Nel ringraziare il presidente della Società storica russa, Sergej Nariškin, per i lavori di ristrutturazione dello storico edificio, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha dichiarato: «Sono profondamente convinto che il lavoro della Società imperiale storica russa, che aveva suscitato nel popolo l’interesse per la propria storia, continui anche oggi. Credo fermamente nella necessità di rafforzare la componente umanistica del nostro processo educativo.
Proprio recentemente abbiamo parlato dell’importanza di prestare particolare attenzione allo studio della lingua e della letteratura russa. Oggi vorrei sottolineare la necessità di prestare particolare attenzione allo studio della storia per costruire un futuro migliore».
All’interno dell'edificio, il presidente della Società e il Patriarca Kirill hanno preso parte alla cerimonia dell'annullo filatelico del francobollo dedicato all’anniversario, emesso in oltre 40 milioni di copie con il logo della Società.
Come dono alla Casa Sua Santità ha presentato l’icona di San Sergio di Radonež.



<< Torna Indietro

Casa della Società storica russa a Mosca, edificio del XVIII-XIX secolo
Mosca - Il Patriarca Kirill dona l'icona di san Sergio di Radonež
Agosto '17