ELEOUSA magazine
Agosto '17

Crescita globale e sviluppo. Il G20 traccia un programma di dieci punti


Nella splendida cornice del Lago dell'Ovest di Hangzhou, il vertice del G20 del 4-5 settembre si prefigge di raggiungere importanti risultati sotto la presidenza della Cina.
In primo luogo, ritiene necessario sviluppare un progetto di crescita innovativa. La Cina chiede di «tracciare un nuovo percorso per la crescita» come argomento principale del vertice di quest'anno, con cui caratterizzare il primo vertice del G20 sulla crescita globale nel medio-lungo termine. «Siamo lieti di vedere che questo suggerimento sta ricevendo il riconoscimento di un numero sempre maggiore di Paesi membri», - ha detto il ministro degli Esteri cinese Wang Yi in un briefing con i giornalisti. «Alla riunione speciale del gruppo di lavoro, i membri del G20 hanno raggiunto un consenso di principio sullo sviluppo di un progetto del G20 di crescita innovativa. Questo progetto non solo darà un nuovo e forte slancio alla crescita economica mondiale, ma traccerà anche una serie di piani d'azione concreti in vari settori, tra cui l'innovazione, la nuova rivoluzione industriale e l'economia digitale. Ci adopereremo per sviluppare concetti, azioni e meccanismi per aprire congiuntamente un nuovo percorso di crescita globale», - ha spiegato il ministro.
In secondo luogo, il G20 valuta necessario formulare piani di azione per attuare l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. Come Paese in via di sviluppo più grande, la Cina quest'anno, per la prima volta, darà priorità allo sviluppo nel quadro della politica globale ed elaborerà piani d'azione per l'attuazione dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Spera di offrire un forte sostegno allo sviluppo sostenibile attraverso un’azione comune, così come un'azione individuale presa da ciascun Paese. Secondo il ministro Wang Yi, la Cina ha anche invitato i Paesi in via di sviluppo a partecipare all’incontro, nel tentativo di rendere il vertice di Hangzhou quello che rappresenta meglio i Paesi in via di sviluppo. «Speriamo di passare un segnale alla comunità internazionale che il G20 appartiene non solo ai suoi Paesi membri, ma anche al mondo e si concentra non solo sul benessere proprio, ma anche sullo sviluppo comune di tutta l'umanità».
Inoltre, è necessario individuare i settori prioritari, i principi guida e il sistema per una riforma strutturale del G20. Tutte le parti hanno raggiunto il consenso su nove settori prioritari della riforma. Allo stato attuale, tutte le parti stanno pianificando i principi guida e stanno stabilendo un sistema per misurare i progressi e i risultati della riforma. Secondo Wang Yi «questa è la prima volta nella storia del G20 che viene deciso di affrontare sia i sintomi che le cause di fondo affinché sia promossa la crescita. Dobbiamo continuare ad applicare bene le politiche fiscali e monetarie per affrontare con successo le sfide presenti e, allo stesso tempo, migliorare nel medio-lungo termine il potenziale di crescita dell'economia mondiale attraverso la riforma strutturale».
Al quarto punto del programma del G20 ci sono le strategie di crescita del commercio mondiale. Il commercio è il sangue dell'economia mondiale ed è di grande importanza per la creazione di un'economia mondiale aperta. Il tasso di crescita del commercio internazionale è stato inferiore a quello dell'economia mondiale per diversi anni consecutivi. Quest'anno la Cina ha proposto di mettere il commercio e gli investimenti all'ordine del giorno del G20 e ha creato il G20 dei ministri del Commercio, il gruppo di lavoro del Commercio e degli investimenti e altre piattaforme istituzionalizzate per questo scopo. La strategia per la crescita del commercio mondiale si propone di prendere misure per facilitare la riduzione dei costi e aumentare il finanziamento del commercio, così come altre azioni attraverso il coordinamento delle politiche commerciali e di investimento, in modo da invertire la tendenza al ribasso della crescita del commercio.
Il G20 vuole definire i principi guida per le politiche di investimento globali. Allo stato attuale, il campo degli investimenti internazionali è stato diviso da oltre 3.200 accordi bilaterali, che non è vantaggioso per condurre investimenti e per la cooperazione transfrontaliera. La Cina quest'anno spingerà per la creazione al G20 di norme sulle politiche di investimento a livello mondiale. Sarà la prima creazione di regole di investimento multilaterali, che è di importanza pionieristica. La creazione di norme sugli investimenti multilaterali non può essere finito in una notte, ma il lancio di questo processo è di grande importanza.
Al sesto punto, il Gruppo dei Venti ritiene opportuno approfondire la riforma dell'architettura finanziaria internazionale. Da quando la Cina ha ripreso la presidenza di turno, il renminbi cinese (rmb) è stato incluso nei diritti speciali di prelievo (dsp) del paniere di valute, con effetto dal 1 ottobre 2016, e la riforma del sistema monetario internazionale ha compiuto importanti progressi. Il Fondo monetario internazionale (Fmi) ha recepito la proposta di riforma, che è stata rinviata per diversi anni. Su questa base, si spingerà l'Fmi a terminare la quindicesima revisione generale delle quote e a ottimizzare ulteriormente la rete globale di sicurezza finanziaria in modo da salvaguardare la stabilità finanziaria internazionale.
Ancora. Al settimo punto si prevede di stabilire una cooperazione tre-in-uno sulla lotta alla corruzione. La Cina spingerà il G20 ad elaborare principi di alto livello sul rimpatrio dei latitanti internazionali e sul recupero dei beni, ad istituire un centro di ricerca sul loro rimpatrio e sul recupero dei beni, e a creare negli anni 2017-2018 un piano d'azione anti-corruzione. Il Paese asiatico stabilirà un modello anticorruzione tre-in-uno, che non consenta a coloro che sono coinvolti nella corruzione ad avere un posto dove nascondersi o a fuggire nei Paesi membri del G20.
All’ottavo punto è in programma il lancio di una cooperazione per sostenere l'industrializzazione dell'Africa e dei Paesi meno sviluppati.
Questi Paesi hanno urgente bisogno di accelerare il processo di industrializzazione e di migliorare le capacità di auto-sviluppo. La Cina chiederà agli Stati membri del G20 di stabilire una cooperazione e di aiutare i Paesi meno sviluppati ad accelerare l'industrializzazione mediante il rafforzamento delle capacità, l'aumento degli investimenti, il miglioramento delle infrastrutture e altre misure, in modo da ottenere la riduzione della povertà e raggiungere obiettivi di sviluppo sostenibile.
Al nono punto, il G20 ha in programma di elaborare piani d'azione sull' imprenditoria. Secondo Wang Yi «la Cina promuoverà l'imprenditorialità e l'innovazione di massa. Gli sforzi nella formulazione di questo piano d'azione quest'anno, non solo daranno un forte impulso alla crescita economica mondiale e all’occupazione, ma serviranno a costruire una piattaforma importante per tutti i Paesi verso pratiche di scambio ed esperienze imprenditoriali. Questo piano d'azione propone una serie di proposte politiche e misure di attuazione specifiche, che servono come riferimento per la definizione delle politiche di tutti i Paesi».
Tra i dieci obiettivi prefissati dal G20 c’è, infine, la rapida entrata in vigore dell'accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Secondo la proposta della Cina e supportata da tutte le parti, la prima dichiarazione della Presidenza sui cambiamenti climatici nel corso della storia del G20 è stata rilasciata al Meeting Sherpa nel mese di aprile 2016. Tutte le parti hanno promesso di firmare l'accordo di Parigi il 22 aprile o successivamente e terminare le procedure ratificanti nazionali il più presto possibile. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha fatto una dichiarazione di apprezzamento e benvenuto. Allo stato attuale, la maggior parte degli Stati membri e Stati ospiti del G20 hanno firmato l'accordo di Parigi. La Cina chiamerà tutte le parti ad accelerare le procedure di ratifica, a far sì che l'accordo di Parigi entri in vigore il più presto possibile per intraprendere azioni positive al fine di dare un contributo alla cooperazione sul cambiamento climatico.



<< Torna Indietro

Cambiamenti climatici ed economici per una crescita globale: il renminbi cinese (rmb) entra a far parte dei diritti specializzi prelievo (dsp) del Fondo monetario internazionale
Hangzhou - Lago dell'Ovest
Agosto '17