Aprile 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


14/02/2024
Russia - Putin risponde alle domande di Zarubin


Mosca, 14 febbraio 2024 - Il presidente Vladimir Putin, in un'intervista con il giornalista del canale televisivo «Rossiya 1» Pavel Zarubin, ha espresso rammarico per il fatto che Mosca non abbia avviato prima azioni attive in Ucraina. Ha anche nominato il miglior presidente degli Stati Uniti per la Russia e ha definito la Nato uno strumento della politica estera americana.

Il Capo dello Stato ha ricordato gli accordi di Minsk e il riconoscimento da parte dell'ex cancelliere tedesco Angela Merkel e dell'ex presidente francese Nicolas Sarkozy di non voler applicare gli accordi, ma semplicemente di guadagnare tempo per armare il regime di Kiev.
«L'unica cosa di cui possiamo rammaricarci è di non aver iniziato prima le nostre azioni attive, credendo di avere a che fare con persone perbene», - ha detto Putin in un'intervista pubblicata sul canale Telegram del Cremlino.
La Russia sta cercando di porre fine alla guerra in Ucraina, nella prima fase voleva farlo con mezzi pacifici, ha detto anche il Presidente.

«Non abbiamo iniziato la guerra, stiamo solo cercando di fermarla. Nella prima fase, abbiamo cercato di farlo con mezzi pacifici, attraverso gli accordi di Minsk. Come si è scoperto in seguito, anche qui siamo stati presi per il naso», - ha osservato.

«Più esperto e prevedibile»

Zarubin ha chiesto a Putin chi tra i possibili leader degli Stati Uniti sia migliore per la Russia: l'attuale presidente Joe Biden o il suo predecessore Donald Trump. Il Capo dello Stato ha risposto Biden, perché è più esperto e prevedibile.
«Biden. È una persona con più esperienza. È prevedibile. È un politico di formazione forte», - ha detto il Presidente.

Allo stesso tempo, Putin ha sottolineato di non avere il diritto di commentare lo stato di salute del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, poiché non è un medico.

«Non sono un medico. E non considero un mio diritto esprimere alcun commento su questo argomento», - ha detto.

Putin, parlando dello stato di salute del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, ha detto che quando lo ha incontrato a Ginevra tre anni fa, avevano già detto che era un incompetente, ma non ha visto nulla del genere.

«Beh, sì, lui ha guardato il suo pezzo di carta, io, francamente, ho guardato il mio. Non c'è niente del genere», - ha aggiunto Putin.

Allo stesso tempo, il Presidente ha sottolineato che la Russia lavorerà con qualsiasi leader americano, di cui si fida il popolo americano.
Il Capo dello Stato ha definito l'attuale posizione dell'amministrazione americana estremamente dannosa ed errata.

«Non dovremmo guardare a questo (lo stato di salute di Biden - ndr). Dobbiamo guardare alla posizione politica. Credo che la posizione dell'attuale amministrazione sia estremamente dannosa ed errata. E una volta ne ho parlato al presidente Biden», - ha detto.

«La Nato non serve più»

La Nato è uno strumento della politica estera degli Stati Uniti; se pensano di non averne bisogno, è una loro decisione, ha detto Putin.

«Penso che la Nato non sia affatto utile; non ha senso. Ha solo un significato: è uno strumento della politica estera degli Stati Uniti. Ma se gli Stati Uniti credono di non aver bisogno di questo strumento, questa è una loro decisione», - ha detto il Capo dello Stato.

Gli Stati Uniti e l'Europa devono occuparsi da soli delle spese per la difesa o dei pagamenti per l'«ombrello nucleare» della Nato, ha aggiunto il Presidente.

Parlando delle relazioni di Donald Trump con i leader europei, Putin ha osservato che l'ex presidente degli Stati Uniti ha la sua visione del loro sviluppo.

«Voleva costringere gli europei ad aumentare le spese per la difesa, o, come ha detto, poi lasciare che ci pagassero per proteggerli, per aprire l'ombrello atomico sopra le loro teste, e così via. Beh, non lo so, lasciamoli che lo capiscano da soli, questi sono loro problemi», - ha detto Putin.

«Una nostra persona»

Il Presidente ha anche commentato le parole del segretario di Stato americano Antony Blinken riguardo al suo bisnonno, fuggito dalla Russia nel 1904.
«Ad esempio, abbiamo tutto questo nei nostri archivi, il bisnonno del signor Blinken in realtà lasciò l'impero russo, nacque, secondo me, da qualche parte nella provincia di Poltava, poi visse e lasciò Kiev. La domanda sorge spontanea. Ma il signor Blinken ritiene che «questo sia territorio originariamente russo? Kiev e territori adiacenti», - ha osservato il Presidente.
«Se dice di essere fuggito dalla Russia a causa dei pogrom ebraici, quello? Come minimo, crede che non esistesse l'Ucraina nel 1904... Vale a dire, nel 1904, il mio trisnonno lasciò Kiev per gli Stati Uniti, il che significa “Non c'era l'Ucraina lì, perché lui dice di essere fuggito dalla Russia. A quanto pare, il signor Blinken è una nostra persona. È inutile fare tali dichiarazioni pubbliche. Questo può portare al fallimento», - ha aggiunto.

(Fonte: RIA Novosti; Kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin risponde alle domande del giornalista Pavel Zarubin.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono