Marzo 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


10/12/2023
Russia - Grande consacrazione a Mosca


Mosca, 9 dicembre 2023 – Nella 27ª domenica dopo la Pentecoste, festa dell'icona della Madre di Dio «Il Segno», Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato il rito della grande consacrazione della Chiesa dedicata all'icona della Madre di Dio «Il Segno» fuori dalla Porta Petrovsky presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia a Mosca (decanato di Iviron del vicariato centrale della diocesi della città di Mosca).

Prima dell'inizio del servizio divino, alle porte della Chiesa Znamensky il Primate della Chiesa ortodossa russa ha incontrato il ministro degli Interni della Federazione Russa, generale della polizia V.A. Kolokoltsev, il vice capo della direzione principale del Ministero degli Interni della Federazione Russa a Mosca - capo della logistica, maggiore generale del servizio interno A.N. Makarov, il decano del distretto ecclesiastico di Iviron, rettore della Chiesa del profeta Elia nell’ex podvorje di Novgorod a Mosca, arciprete Andrej Rechitskij, il rettore della Chiesa Znamensky, sacerdote Maksim Atamanov.







Sua Santità il Patriarca Kirill ha consacrato l'altare centrale della restaurata Chiesa Znamensky.

Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Grigorij di Voskresensk, direttore del vicariato centrale della diocesi di Mosca (città), primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Nikandr di Naro-Fominsk, presidente del Dipartimento economico e finanziario del Patriarcato di Mosca; il protopresbitero Vladimir Divakov, decano della circoscrizione ecclesiastica centrale di Mosca, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca; l'archimandrita Aleksij (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l’arciprete Andrej Rechitskij; l’arciprete Maksim Baturin, decano facente funzione del distretto ecclesiastico della Teofania di Mosca, rettore della Chiesa dell'Ascensione del Signore sul campo di piselli a Mosca; l'arciprete Oleg Egorov, decano del distretto ecclesiastico dell'Intercessione di Mosca, rettore della Chiesa di San Basilio il Confessore nella piazza Rogozhskaya Zastava a Mosca; il sacerdote Maksim Atamanov; il clero metropolitano.

Nel tempio erano presenti il ministro degli Interni della Federazione Russa, generale della polizia V.A. Kolokoltsev, il vice capo della direzione principale del Ministero degli Interni della Federazione Russa a Mosca - capo della logistica, maggiore generale del servizio interno A.N. Makarov, la leadership e i dipendenti della direzione principale del Ministero degli Interni russo a Mosca.

Hanno pregato durante il servizio divino i costruttori, i benefattori, i decoratori e i donatori del tempio.

I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro della Chiesa Znamensky (diretto da Evgenij Sivtsov).

Il servizio divino patriarcale è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore», nonché sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarkhija.ru.

Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate petizioni speciali, il Primate della Chiesa russa ha letto la preghiera per la Santa Rus'.

La predica prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stata pronunciata dall'arciprete Mark Soukup, chierico della Chiesa dell'icona delle Blacherne della Madre di Dio nel distretto Kuzminki di Mosca.

Al termine della Liturgia, il sacerdote Maksim Atamanov ha rivolto parole di benvenuto a Sua Santità Vladyka. Nel suo discorso il rettore ha osservato che l'ultima volta che il servizio patriarcale è stato celebrato nella chiesa è stato nel 1681, durante la sua consacrazione da parte del Patriarca Ioakim. In ricordo del servizio divino, il sacerdote ha presentato in dono a Sua Santità un'antica icona della Natività della Madre di Dio.

«Vi ringrazio di cuore, padre superiore, per le gentili parole e per la bellissima icona. La metterò nella mia cella e, pregando, ricorderò voi e l'intera parrocchia», - ha detto Sua Santità il Patriarca Kirill accettando la sacra immagine.

Il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai partecipanti al servizio divino con la parola primaziale.

«Vostra Eminenza e Grazia! Caro Vladimir Alexandrovich! Cari padri, fratelli e sorelle!

Oggi è un giorno speciale. Abbiamo l'opportunità di celebrare la Divina Liturgia in questo antico tempio e l'icona del “Segno” della Santissima Madre di Dio è associata ad eventi speciali nella storia della Rus' medievale. Purtroppo – e stiamo parlando del XII secolo – fu un periodo di frammentazione del Paese. Ogni principato si considerava uno Stato sovrano, difendeva i propri interessi con le buone o con le cattive, entrava in una guerra intestina con altri principati, e lo Stato russo era così indebolito da diventare facile preda per coloro che cercavano di impossessarsene dall'estero.

Sette principi russi, guidati dal principe Andrej Bogoljubskij di Suzdal, decisero di prendere possesso della terra di Novgorod e si avvicinarono alle mura della città. E l'arcipastore, il clero e tutto il popolo credente volsero lo sguardo alla Purissima e Beata Regina del Cielo e pregarono con fervore, perché da un punto di vista militare non c'era alcuna possibilità di tenere la città, salvandola dal saccheggio, e Novgorod era una città ricca, con un grande volume di scambi commerciali con i vicini stranieri e, ovviamente, era una meta molto desiderabile. Probabilmente questo sarebbe successo, ma il principe e San Giovanni, e tutto il clero, rendendosi conto che non c'erano forze per difendersi e salvarsi, riposero tutta la loro speranza nel Signore e nella Sua Purissima Madre e pregarono con fervore davanti all’immagine del “Segno”. E sorprendentemente, il nemico è fuggito dalle mura di Novgorod!

Tali eventi, apparentemente del tutto inspiegabili, passarono alla storia, perché per quelle persone le ragioni per salvare la città erano abbastanza chiare. Tutti sapevano che ciò non avvenne grazie alla forza umana, né alla forza dell'esercito, né alla saggezza del principe, ma la misericordia di Dio salvò la città e il popolo. Ecco perché l'icona si chiama “Il Segno”. Cos'è un segno? È un segno, ma anche una bandiera di vittoria, un segno di vittoria. Questo è un segno del grande ingresso divino nella vita umana, nella storia umana, quando il Signore risponde alle preghiere sincere di persone che credono veramente, che non dubitano per un minuto di rivolgersi a Dio e di non eseguire alcun rituale. E questo fatto storico è la prova evidente che le regole della natura vengono sconfitte, cioè il corso naturale della vita viene sconfitto. Di solito vince il più forte, chi ha il potere, ma qui la legge della natura viene sconfitta. Sconfitta da cosa? Dall'invasione di Dio nella vita umana.

Ma tali esempi possono essere forniti all'infinito. Che dire della nostra vittoria nella Grande Guerra Patriottica? Non sto parlando del momento in cui eravamo già diventati forti e sentivamo di poter sconfiggere il nemico. E quando il nemico si trovava a Leningrado, quando il nemico si trovava in vista diretta da Mosca? Se confrontiamo il potenziale militare del nemico attaccante con il potenziale difensivo delle nostre truppe, diventerà chiaro che sotto molti aspetti eravamo inferiori. Abito vicino ad un luogo dove si conservano ancora trincee e resti di fortificazioni difensive; è molto vicino a Mosca, a Peredelkino. Amo passeggiare in questa foresta, guardare le trincee e pensare: Signore, cosa separava Mosca da questo potere, dalla mostruosa macchina militare che ha sconfitto tutta l'Europa? Ma siamo sopravvissuti e il nemico si ritirò dalle mura di Mosca! I comandanti ovviamente associavano la vittoria ai loro talenti e alle loro capacità; allo stesso modo alle truppe è stato dichiarato: “il vostro coraggio”, “la vostra forza”. In effetti, l'acqua non scorre sotto una pietra sdraiata e, se non fosse per l'impresa e il coraggio, non ci sarebbe vittoria. Ma la vittoria stessa è stata un miracolo di Dio!

Quindi a volte ci sembra che stiano accadendo cose grandi e importanti, perché siamo così forti e possiamo fare qualsiasi cosa. In parte forse questo è vero. Ma quando uniamo le nostre azioni con una preghiera fervente, con fede sincera, otteniamo vittorie sia sul campo di battaglia che nella struttura della nostra vita interiore. E sebbene molti abbiano preso le armi contro di noi, mentre preghiamo in una preghiera speciale, chiedendo al Signore di salvare la Russia dall'invasione degli stranieri, crediamo che il nemico non vincerà finché uniremo le nostre forze umane - militari, politiche - con la potenza di Dio. E l'unione di queste forze è nella nostra fede e nella nostra preghiera.

So che la stragrande maggioranza del personale militare, soprattutto quelli che si trovano nella zona di combattimento, sono credenti. Una volta ho chiesto a uno dei veterani: eravate tutti membri del partito - come credevate in Dio, perché avete cucito nelle vostre tuniche il testo del salmo “Vivere nell’aiuto”, che vi ha regalato vostra madre? E lui rispose: nelle trincee, di fronte al nemico, non ci sono miscredenti. Nessuno dirà: “Sono ateo” prima di andare incontro alla morte, perché lì si rivela tutto, tutta la verità ultima.

Nonostante i dolori esistenti, viviamo in tempi prosperi. Ma questa prosperità non deve allontanarci da Dio, anzi, dovremmo ringraziare il Signore per ogni giorno che viviamo, per il fatto che viviamo in un Paese veramente libero. Ne ho contati solo cinque di paesi liberi, forse un pò di più, perché tutti gli altri non sono realmente liberi. Ma noi viviamo in un Paese veramente libero e dobbiamo ringraziare il Signore per tutto questo. Pregate per la nostra Patria, per il nostro Comandante in Capo Supremo Vladimir Vladimirovich Putin, un uomo ortodosso che è chiaramente consapevole dell'enorme responsabilità che gli è affidata dall'alto. Dobbiamo pregare per i nostri soldati e per coloro che proteggono il Paese non solo dai nemici esterni, ma anche da ogni disordine, criminalità e tutto ciò che potrebbe portare a una guerra civile se non fermato dalla forza che oggi rappresentano i nostri fratelli qui presenti.

Pertanto, oggi vi rivolgo una parola speciale. Possa il Signore proteggervi in questo percorso vero e corretto di difesa della Patria al confine più importante, al confine interno, dove, come sappiamo dalla storia, si verificano più spesso problemi, seguiti da eventi che hanno scosso tutta la nostra vita nazionale. Che il Signore vi aiuti!».

Sua Santità Vladyka ha presentato in dono alla chiesa appena consacrata l'icona di San Sergio di Radonež.

Nel presentare l'immagine, Sua Santità il Patriarca Kirill ha detto a V.A. Kolokoltsev: «Vladimir Alexandrovich, una parola speciale a voi che guidate questa squadra. In ricordo del servizio di oggi, vorrei trasmettere per le truppe interne, per Voi e per tutti i Vostri subordinati, questa immagine di San Sergio di Radonež, difensore della nostra terra. Ha pregato prima della battaglia di Kulikovo ed è stato ascoltato. Credo che Voi, pregando davanti a questa icona, sarete ascoltato e la Vostra squadra difenderà degnamente la nostra Patria alla frontiera principale e più importante: la frontiera interna. Dio vi benedica!».

In risposta, V.A. Kolokoltsev ha osservato: «Vostra Santità, penso che l'evento storico di oggi, quando Voi avete consacrato personalmente un tempio con una storia secolare, sia un segno di approvazione del lavoro che stiamo portando avanti per rafforzare la fede ortodossa tra centinaia di migliaia di agenti delle forze dell’ordine, che sono dove devono essere e stanno facendo tutto ciò che è in loro potere per rafforzare la legge e l’ordine e garantire la sicurezza dei nostri cittadini».

Poi ha avuto luogo la consegna dei premi ecclesiastici - in considerazione dell'aiuto nel restauro della Chiesa dell’icona della Madre di Dio «Il Segno» fuori dalla Porta Petrovsky a Mosca.

Il ministro degli Interni della Federazione Russa V.A. Kolokoltsev è stato insignito del distintivo patriarcale di costruttore di templi.

«Vostra Santità, percepisco questo premio alla mia persona come una ricompensa per tutte quelle persone che, con la loro anima e il loro cuore, con la loro partecipazione personale, con le loro risorse materiali, hanno investito in ciò che contempliamo oggi», ha detto, in particolare, V.A. Kolokoltsev nel ritirare il premio.

«Le Vostre attività quotidiane sono così importanti su scala nazionale che ho cominciato a parlarne per primo. Ma volevo anche ringraziarVi per questo tempio di Dio, perché questo santuario è stato restaurato dalle forze di coloro che difendono veramente la vita interiore e la tranquillità del nostro popolo... Questo è un monumento a tutti coloro che prestano servizio nella polizia, nelle truppe interne - tutti coloro che servono veramente la Patria su questo fronte non sempre visibile, ma reale. Ringrazio di cuore Voi e tutti i Vostri fratelli!» – ha sottolineato Sua Santità il Patriarca Kirill.

Sua Santità Vladyka ha inoltre presentato al vice capo della direzione principale del Ministero degli Interni della Federazione Russa a Mosca, capo della logistica A.N. Makarov, l'Ordine del Santo Principe Dimitrij Donskoy, III grado, e al capo della società «Fagot», A.A. Kurakulov – l’Ordine del Santo Principe Daniele di Mosca, III grado.


* * *


La Chiesa in pietra reggimentale in onore dell'icona miracolosa della Madre di Dio «Il Segno» fu costruita dagli arcieri nel 1679-1681. Il tempio si trovava sulle rive del fiume Neglinnaya non lontano da piazza Trubnaya, al confine dell'insediamento militare di Zemlyanoy Gorod. Da tempo immemorabile, l'immagine della Santissima Madre di Dio «Il Segno» è stata venerata dall'esercito ortodosso per il suo speciale patrocinio in questioni militari. L'immagine della Madre di Dio «Il Segno» è stata adottata su molti stendardi e icone militari, che venivano portati davanti alle truppe nelle battaglie.

Sul sito dell'insediamento furono successivamente collocate le caserme Petrovsky e più tardi si stabilì anche la gendarmeria di Mosca. Dopo la rivoluzione, qui si stabilì anche la direzione centrale della polizia di Mosca.

Durante gli anni della persecuzione, la Chiesa Znamensky sopravvisse miracolosamente e non fu fatta saltare in aria, come, ad esempio, la vicina Chiesa della Trasfigurazione del Salvatore sulle sabbie in Vicolo Bolshoj Karetny. Il 16 gennaio 1932, con una risoluzione del Presidium del Comitato esecutivo regionale di Mosca, la Chiesa dell’icona della Madre di Dio «Il Segno» fu chiusa «per urgente necessità di locali» per l'archivio del Dipartimento di Polizia di Mosca.

Negli anni '50, l'edificio del tempio fu trasferito all'Istituto di fisica chimica dell'Accademia delle Scienze dell'Urss.

Il 10 dicembre 1997, nella festa dell’icona della Santissima Madre di Dio «Il Segno», nella chiesa furono ripresi i servizi regolari ed ebbe luogo la prima Divina Liturgia dopo la sua chiusura.

Nel 2002, il tempio dietro la Porta Petrovsky ha acquisito lo status di Chiesa sotto la direzione centrale del Ministero degli Interni per la città di Mosca. Grande aiuto nel restauro del tempio è stato fornito dal capo della direzione centrale del Ministero degli interni russo per la città di Mosca, V.A. Kolokoltsev.

Il Sabato Santo del 2012 il tempio è stato visitato da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill.

Nel 2015, sul territorio della chiesa è stato inaugurato un monumento agli investigatori di Mosca morti in servizio.

Dal 2018 al 2023 nella chiesa sono stati eseguiti lavori di restauro su larga scala. È stato effettuato il restauro dei dipinti (supervisore e autore del progetto è A.A. Astakhov); è stata prodotta e installata l'iconostasi dell'altare centrale Znamensky (Laboratorio di architettura e design «DOMOSTROY»,
direttore generale - A.N. Lavrentyev). La facciata, il tetto, le cupole e le croci sono stati restaurati e l'area del tempio migliorata.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'; www.patriarkhija.ru)



<<Torna Indietro

Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Grande consacrazione della Chiesa del Segno presso la direzione principale del Ministero degli Interni della Russia. Foto di Oleg Varov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono