Marzo 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


07/12/2023
Russia - Negoziati russo-iraniani


Mosca, 7 dicembre 2023 – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin ha avuto colloqui al Cremlino con il presidente della Repubblica islamica dell'Iran Ebrahim Raisi, arrivato in Russia in visita di lavoro.
I negoziati sono iniziati con una conversazione tête-à-tête tra i leader. Successivamente le consultazioni internazionali sono proseguite in formato allargato sotto forma di pranzo di lavoro.

Ai colloqui ristretti russo-iraniani hanno partecipato il vice primo ministro e presidente della sezione russa della Commissione permanente russo-iraniana per il commercio e la cooperazione economica, Alexander Novak, l'assistente presidenziale Jurij Ushakov, il ministro della Difesa Sergej Shojgu e il vice ministro degli Esteri Sergej Vershinin.

* * *

Inizio dei negoziati russo-iraniani in formato ristretto

Vladimir Putin: Caro signor Presidente! Cari amici!

Sono molto lieto di vederVi a Mosca.

Ieri, sapete, ero nella regione vicina, ho volato direttamente sul territorio del vostro Paese per vedere i miei colleghi e volevo atterrare e incontrarci direttamente a Teheran, ma mi hanno detto: il Presidente si è già preparato e sta volando a Mosca.

Il nostro rapporto si sta sviluppando molto bene. Per favore, vogliate trasmettere i miei migliori auguri al leader [spirituale], il signor Khamenei. Grazie al suo sostegno, nell’ultimo anno abbiamo acquisito un buono slancio.

L'anno scorso il fatturato commerciale è cresciuto del 20 per cento e ha ottenuto buoni risultati: qualcosa come oltre i cinque miliardi – noi siamo arrivati a cinque miliardi.

Proprio adesso i miei colleghi mi hanno detto: abbiamo vissuto i tempi dell'Iran, giusto? Qual è stato l’evento?

Alexander Novak: C'è stata una mostra dal 4 al 7 [dicembre] in Iran.

Vladimir Putin: La mostra iraniana, e noi stessi siamo rimasti sorpresi dall'interesse che ha suscitato nella parte russa della nostra cooperazione. I colleghi del governo dicono che c'era folla, c’erano molte persone che volevano visitare, vedere e comunicare con i colleghi.

Abbiamo grandi progetti infrastrutturali. Ne discutiamo da molto tempo e ora siamo giunti alla realizzazione pratica della costruzione della ferrovia Nord-Sud.

Naturalmente lavoriamo tradizionalmente nel campo dell'energia e dell'istruzione: abbiamo un numero significativo di studenti iraniani che studiano da noi. In generale, i lavori procedono abbastanza attivamente in quasi tutti i settori.

Naturalmente è molto importante per noi scambiare opinioni sulla situazione nella regione, soprattutto per quanto riguarda la situazione in Palestina.

Signor Presidente, siamo molto lieti di avere l'opportunità di ospitarVi a Mosca. Benvenuto!

Ebrahim Raisi (come tradotto): Nel nome di Dio misericordioso, compassionevole! Grazie mille.

Sono anche molto lieto che oggi abbiamo questo incontro con Voi, caro signor Putin, Presidente della Federazione Russa. Penso che ci sarà una buona opportunità per scambiare [opinioni] sulla nostra agenda bilaterale. Nell'ambito della nostra politica di sviluppo delle relazioni con gli Stati vicini, in particolare con il nostro paese amico, la Federazione Russa, osserviamo che la nostra interazione sta procedendo molto bene. Negli ultimi anni abbiamo fatto progressi e sviluppo. Penso che i negoziati di oggi potranno anche contribuire a creare nuove condizioni favorevoli per la realizzazione delle potenziali opportunità che esistono nei nostri Paesi.

Penso che la cooperazione che svolgiamo nel campo dell'energia, dell'agricoltura, dello sviluppo educativo, dei contatti tra i nostri scienziati universitari - in tutte queste direzioni, ovviamente, si possono ancora fare passi migliori, crediamo che questo sia nell'interesse di entrambi i nostri Stati, i nostri due popoli.

Ciò che oggi fa soffrire l’umanità è l’adozione di misure unilaterali e di un sistema globale ingiusto. Possiamo vederne una chiara manifestazione oggi negli eventi che stanno accadendo a Gaza. Ciò che sta accadendo in Palestina e a Gaza è, ovviamente, un genocidio e un crimine contro l’umanità.

In effetti, va notato che è estremamente deplorevole che più di 6mila bambini siano stati uccisi per mano del regime sionista. E ciò che è ancora più triste è che tutti questi crimini sono sostenuti dagli Stati Uniti d’America, così come dai paesi occidentali. È ancora più deplorevole che le organizzazioni internazionali e quelle organizzazioni che dovrebbero proteggere i diritti umani abbiano perso la loro efficacia. E questo sta accadendo davanti all’intera comunità mondiale.

Una delle questioni che io, caro signor Putin, vorrei discutere con Voi è la questione della Palestina, così come le questioni del popolo palestinese oppresso ma forte. Secondo le statistiche, ogni dieci minuti muore un bambino. I bombardamenti devono essere fermati il prima possibile. Questo problema oggi non è solo un problema per la nostra regione, è un problema per tutta l’umanità, quindi è necessario trovare una soluzione molto rapida per questo problema.

Durante questa visita, a Dio piacendo, discuteremo con Voi dell'agenda bilaterale, regionale e internazionale.

Devo dirvelo, dopo la Vostra visita [in Arabia Saudita], caro signor Putin, che Dio ti aiuti, ma eravamo pronti affinché il tuo aereo atterrasse all'aeroporto di Teheran, ed eravamo pronti anche a riceverti.

Desidero ringraziare Voi, Vostra Eccellenza, e il Governo della Federazione Russa per la vostra ospitalità e cordialità.

Vladimir Putin: Caro signor Presidente! Approfitterò sicuramente del Vostro invito. E devo dire che non smettiamo di lavorare fino quasi al nuovo anno. Negli ultimi giorni di dicembre dovremmo firmare un accordo sulla creazione di una zona di libero scambio tra l’Iran e l’Unione economica eurasiatica. Ciò creerà ulteriori opportunità per espandere la nostra interazione.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Mosca – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin con il presidente iraniano Ebrahim Raisi prima dell'inizio dei colloqui russo-iraniani in formato ristretto. Foto: Pavel Bednjakov, RIA Novosti.
Mosca – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin con il presidente iraniano Ebrahim Raisi. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Negoziati russo-iraniani in formato ristretto. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Il presidente iraniano Ebrahim Raisi. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Il presidente Vladimir Putin durante i negoziati russo-iraniani in formato ristretto. Foto: Pavel Bednjakov, RIA Novosti.
Mosca – Negoziati russo-iraniani in formato ristretto. Foto: Pavel Bednjakov, RIA Novosti.
Mosca – Negoziati russo-iraniani in formato ristretto. Foto: Pavel Bednjakov, RIA Novosti.
Mosca – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin con il Presidente iraniano Ebrahim Raisi prima dell'inizio dei colloqui di lavoro russo-iraniani sotto forma di pranzo di lavoro. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin con il Presidente iraniano Ebrahim Raisi prima dell'inizio dei colloqui di lavoro russo-iraniani sotto forma di pranzo di lavoro. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Il Capo di Stato russo Vladimir Putin con il Presidente iraniano Ebrahim Raisi prima dell'inizio dei colloqui di lavoro russo-iraniani sotto forma di pranzo di lavoro. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Negoziati russo-iraniani sotto forma di pranzo di lavoro. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Mosca – Il presidente russo Vladimir Putin prima dell'inizio dei negoziati russo-iraniani sotto forma di pranzo di lavoro. Foto: Sergej Bobylev, TASS.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono