Marzo 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


31/01/2023
Russia - Nuova linea di difesa a Zaporizhya


Mosca, 31 gennaio 2023 - La prima linea di difesa dell'esercito russo nella regione di Zaporizhya è andata avanti, ora si sta costruendo tenendo conto delle nuove linee occupate, Vladimir Rogov, presidente del movimento «Siamo insieme alla Russia», membro del consiglio dell'amministrazione regionale, ha detto a RIA Novosti.

L'esercito russo a gennaio ha iniziato operazioni offensive locali nella direzione di Zaporizhya. I combattimenti si svolgono quasi lungo l'intera linea del fronte, ma le sue sezioni principali si trovano nell'area delle città di Orekhov e Gulyaypole. Allo stesso tempo, nove villaggi sono stati liberati, presi sotto il fuoco o sotto il controllo operativo.

«L'esercito ha consolidato i successi ottenuti. La nostra prima linea di difesa è stata spostata in avanti. Ora viene costruita, integrata e formata tenendo conto delle nuove linee occupate», - ha osservato Rogov.

Secondo lui, a gennaio, a seguito delle azioni offensive dell'esercito russo sulla linea di contatto di Zaporizhya, in totale, è stato ottenuto di più rispetto a pochi mesi prima.
«Questo parla di dinamiche positive e suscita ottimismo, ma contenuto», - ha sottolineato Rogov.

La regione di Zaporizhya è diventata un soggetto della Federazione Russa a seguito di un referendum tenutosi lì, i cui risultati Kiev non riconosce, continuando a bombardare il territorio. Oggi oltre il 70 per cento della regione è sotto il controllo di Mosca, mentre il centro regionale, la città di Zaporizhya, rimane sotto il controllo delle truppe ucraine.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono