Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


18/01/2023
Russia - Messaggio alle Nazioni Unite


Mosca, 18 gennaio 2023 - Il metropolita Antonij di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne (Decr) del Patriarcato di Mosca, il 17 gennaio ha parlato a distanza a una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite con un messaggio sulla situazione della Chiesa ortodossa ucraina in Ucraina.

Durante il suo discorso di dieci minuti, il metropolita Antonij ha sottolineato che la Chiesa ortodossa russa considera suo dovere partecipare alla tutela dei diritti dei credenti in tutto il mondo, sia in modo indipendente che in collaborazione con altre Chiese ortodosse locali e altre organizzazioni religiose.

Indicando l'elevato potenziale di pacificazione della Chiesa nei conflitti interstatali e civili, il presidente del Decr ha osservato che oggi questo potenziale è minato dai tentativi delle autorità ucraine di distruggere la Chiesa ortodossa ucraina, la più grande organizzazione religiosa in Ucraina.

Il metropolita Antonij ha parlato del contenuto delle ultime decisioni del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale dell'Ucraina, attuate dai decreti del presidente V. Zelensky e che comportano una serie di misure che violano i diritti delle comunità ortodosse in Ucraina. In particolare, per decisione della leadership ucraina, sono state imposte le cosiddette sanzioni a quattordici vescovi della Chiesa ortodossa ucraina e molti dei suoi arcipastori sono stati privati della cittadinanza ucraina.

Il presidente del Decr ha ricordato che la privazione della cittadinanza ucraina contraddice direttamente la Costituzione dell'Ucraina e gli accordi internazionali da essa firmati, in particolare la «Convenzione sulla riduzione dell'apolidia» del 1961. Ha osservato che le decisioni di imporre «sanzioni» e privare della cittadinanza sono prese da un gruppo ristretto di persone senza una procedura giudiziario-investigativa legale e la possibilità di protesta, solo contro un'organizzazione religiosa, e sono «una forma di repressione politica di massa». Inoltre, queste decisioni limitano «proprio quei diritti e libertà costituzionali, la cui restrizione è espressamente vietata dall'articolo 64 della Costituzione dell'Ucraina durante la legge marziale o uno stato di emergenza».

Confrontando la situazione della Chiesa ortodossa in Ucraina con gli anni della persecuzione atea in Unione Sovietica, il metropolita Antonij ha parlato delle massicce perquisizioni effettuate dai servizi di sicurezza ucraini nelle amministrazioni diocesane, nei monasteri e nelle parrocchie della Chiesa ortodossa ucraina, e dell'avvio di procedimenti penali contro il clero con pretesti inverosimili.

Il presidente del Decr ha osservato che le repressioni contro l'episcopato ortodosso in Ucraina sono state il culmine di una coerente politica delle autorità ucraine volta al controllo totale della vita religiosa della società. È a questo scopo che è stata creata la cosiddetta Chiesa ortodossa dell'Ucraina con la partecipazione dell'apparato statale e dei servizi speciali, e gli ulteriori sforzi delle autorità ucraine mirano a costringere le comunità della Chiesa ortodossa ucraina ad aderire alla neonata organizzazione.

Il metropolita Antonij ha riferito del meccanismo effettivamente legalizzato per il sequestro delle chiese della Chiesa ortodossa ucraina canonica, dei tentativi dello Stato di privarla del suo nome storico, nonché di altri sette progetti di legge registrati nella Verkhovna Rada, il cui scopo è violare i diritti delle comunità e dei credenti della Chiesa ortodossa ucraina, di privarla delle chiese e di vietare completamente le sue attività sul territorio dell'Ucraina.

Il presidente del Decr ha richiamato l'attenzione sulla «sfrenata campagna diffamatoria contro la Chiesa ortodossa ucraina con richieste di divieto totale delle sue attività, uso di pressioni e violenze contro i suoi rappresentanti, che porta chiari segni di incitamento all'odio», che ha provocato un'impennata di violenza contro il clero e le comunità della Chiesa ortodossa canonica in Ucraina.

Al termine del suo discorso, il metropolita Antonij di Volokolamsk ha invitato le Nazioni Unite e i membri del Consiglio di Sicurezza a prestare attenzione alle «azioni illegali delle autorità statali ucraine in relazione alla più grande confessione del Paese, ai numerosi fatti di violazione dei diritti dei credenti», garantiti dalla Carta delle Nazioni Unite e da altri documenti e dichiarazioni legali internazionali.

(Fonte: Servizio di informazione del Decr/Patriarkhija.ru)


<<Torna Indietro

Mosca - Il presidente del Decr ha parlato a una riunione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono