Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


18/01/2023
Russia - Operazione militare speciale in Ucraina


Mosca, 18 gennaio 2023 - Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha dichiarato durante una conferenza stampa che Mosca è pronta a prendere in considerazione serie proposte dall'Occidente per i negoziati sulla questione ucraina.
Tuttavia, ha osservato il ministro, non ci sono ancora state.
Inoltre, Lavrov ha affermato che non si può parlare di negoziati con Vladimir Zelensky. A questo proposito, il ministro ha fatto riferimento al fatto che Zelensky ha proibito legalmente i negoziati con le autorità russe.
Rispondendo a una domanda sulla fine delle ostilità nel 2023, il ministro degli Esteri russo ha affermato che lo scopo dell'operazione è l'assenza di un'infrastruttura militare che rappresenti un pericolo per la Russia in Ucraina e in altri Stati vicini, nonché l'impossibilità di perseguitare i cittadini di lingua russa del paese.
Il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza della Federazione Russa Dmitrij Medvedev ha scritto che i nuovi negoziati tra Mosca e Kiev richiedono il consenso delle parti su due aspetti legali, stiamo parlando del riconoscimento dei risultati dell'autodeterminazione dei popoli degli ex territori dell'Ucraina e dello sviluppo di nuove regole internazionali.
Il segretario di Stato americano Anthony Blinken, a sua volta, ha sottolineato che la richiesta russa a Kiev di riconoscere le «nuove realtà territoriali» non consente di stabilire un processo negoziale sull'Ucraina.
Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato di non vedere prospettive per seri colloqui di pace tra Mosca e Kiev nel prossimo futuro - non vede nemmeno le condizioni per risolvere il conflitto in Ucraina nel prossimo futuro, nel rispetto dell'integrità territoriale del paese.

Avanzamento dell'operazione

Il Ministero della Difesa russo ha riferito mercoledì che i volontari delle squadre d'assalto, con il supporto del fuoco delle forze armate russe, hanno liberato Sol nella DPR.
Inoltre, secondo il dipartimento, un deposito ucraino di munizioni per i sistemi missilistici a lancio multiplo HIMARS e «Grad» è stato distrutto nella regione di Kramatorsk e l'aviazione e l'artiglieria russe hanno colpito 76 unità di artiglieria dell'esercito ucraino in un giorno.
Il ministero ha anche riferito che nelle direzioni di Kupyansk e Krasnoliman, le truppe ucraine hanno perso circa 150 persone uccise e ferite in un giorno, e gli attacchi in direzione di Stepnoe, Sladkoe e Urozhayne nella DPR sono stati sventati nella direzione Sud di Donetsk, di conseguenza le forze ucraine hanno perso fino a 90 militari e 12 pezzi di equipaggiamento.
Il capo ad interim della DPR, Denis Pushilin, ha affermato che le perdite di truppe ucraine a Soledar, la cui cattura era stata precedentemente segnalata dal Ministero della Difesa russo, sono migliaia e, secondo lui, mercenari stranieri sono stati catturati a Soledar.

Domanda sui rifornimenti

La Nato vuole evitare uno scontro diretto con la Russia, ha detto il cancelliere tedesco Olaf Scholz, rispondendo a una domanda sul perché il suo paese esita e non fornisce carri armati tedeschi Leopard 2 all'Ucraina.
A sua volta, il capo del Ministero della Difesa canadese, Anita Anand, durante la sua visita a Kiev mercoledì, ha incontrato il suo omologo ucraino Aleksej Reznikov e ha annunciato il trasferimento di 200 veicoli blindati in Ucraina.
Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha affermato che ora è un momento chiave del conflitto in Ucraina e che Kiev ha bisogno di un «aumento significativo» del sostegno, anche militare.
Allo stesso tempo, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha affermato che i paesi occidentali sono stanchi di aiutare l'Ucraina.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono