Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


14/01/2023
Russia - Bombardamento ucraino a Pologi


Mosca, 14 gennaio 2023 - Nell'ultimo giorno, l'esercito russo ha sviluppato un’offensiva nella direzione dell'insediamento di Sol nella DPR, ha detto sabato il Ministero della Difesa russo.
Quattro civili sono stati uccisi e altri cinque sono rimasti gravemente feriti a seguito del bombardamento ucraino della città di Pologi, hanno segnalato nella regione di Zaporizhya.

Avanzamento dell'operazione

Nelle direzioni di Kupyansk e Krasnoliman, le truppe ucraine hanno perso più di 80 persone in un giorno, ha affermato il Ministero della Difesa russo.
Nella direzione di Krasnoliman, il fuoco di artiglieria delle formazioni del distretto militare centrale e delle forze aviotrasportate hanno sconfitto le unità dell'80ª brigata d'assalto aviotrasportata e della 71ª brigata Jeger delle truppe ucraine nelle aree degli insediamenti di Grigorovka e Serebryanka della Repubblica popolare di Donetsk. Inoltre, è stato distrutto un gruppo di sabotaggio e ricognizione dell'esercito ucraino, che operava in direzione dell'insediamento di Shipilovka.
Nella direzione sud di Donetsk, le posizioni ucraine sono state colpite nelle aree di Vodyanoye, Dobrovolye e Prechistovka nella DPR, e due gruppi ucraini di sabotaggio e ricognizione sono stati distrutti nell'area di Novomikhailovka e a nord di Shevchenko, più di 30 militari ucraini sono stati distrutti in totale.
Inoltre, i distaccamenti d'assalto e le unità delle forze aviotrasportate nella direzione di Donetsk hanno sviluppato un’offensiva nella direzione dell'insediamento di Sol nella DPR e hanno distrutto più di 70 soldati ucraini, ha affermato il dipartimento militare.
L'aviazione russa, le truppe missilistiche e l'artiglieria hanno colpito due depositi di munizioni ucraini nella DPR e nella regione di Zaporizhya, manodopera e attrezzature militari in 123 distretti, ha detto sabato il Ministero della Difesa russo.
Inoltre, secondo il ministero, i sistemi di difesa aerea russi nell'ultimo giorno hanno abbattuto 4 droni ucraini nelle aree degli insediamenti di Berestove, Krasnorichenske, Zaliman nella LPR e Pavlovka nella DPR e 7 proiettili MLRS HIMARS e «Vilkha».
Anche il sistema di artiglieria ucraino M777 di produzione americana nella regione di Kharkov e tre obici D-20 sono stati distrutti. Si noti che anche due obici semoventi 2S3 «Akatsija», un obice D-30 e un obice semovente 2S1 «Gvozdika» sono stati distrutti nella DPR e nella regione di Zaporizhya.
Sempre nella DPR, sono state distrutte le stazioni di contro-batteria di fabbricazione statunitense AN/TPQ-36 e AN/TPQ-50.

Bombardamento della città di Pologi

Il presidente del movimento «Siamo insieme alla Russia», membro del consiglio principale dell'amministrazione della regione di Zaporizhya, Volodymyr Rogov, ha riferito del bombardamento ucraino della città di Pologi, nella regione di Zaporizhya.
Secondo lui, quattro civili sono stati uccisi durante i bombardamenti, altri cinque sono rimasti gravemente feriti.

Esplosioni e raid aerei in Ucraina

Sabato è stato annunciato un allarme aereo in diverse regioni dell'Ucraina: a Sumy, Poltava, Kirovograd, Cherkasy, Kiev, Dnepropetrovsk, Kharkov, Vinnitsa, Zhytomyr, Chernigov, Nikolaev, parti della regione di Odessa.
Il sindaco di Kiev, Vitalij Klitschko, ha affermato che sono state udite esplosioni nel distretto di Dnipro della città, sono stati inviati servizi specializzati sul posto, esortando i residenti a rimanere nei rifugi.
Come ha affermato in seguito il capo dell'amministrazione militare regionale di Kiev Aleksej Kuleba, dopo le esplosioni nella regione, «è scoppiato un incendio in una delle infrastrutture critiche, i servizi competenti stanno lavorando sul posto».
Esplosioni sono state segnalate anche a Kharkov, il traffico della metropolitana in città è stato interrotto.
Il ministro dell'Energia ucraino Herman Galushchenko ha affermato che le infrastrutture energetiche sono state colpite in cinque regioni dell'Ucraina e nella parte controllata da Kiev della regione di Zaporizhya, nella maggior parte delle regioni sono state introdotte interruzioni di emergenza.
Il capo dell'amministrazione regionale di Ivano-Frankivsk, Svetlana Onishchuk, ha affermato che dopo il bombardamento è scoppiato un incendio nell'impianto energetico e non ci sono state vittime.
I media ucraini hanno anche riferito di una serie di «attacchi» alle infrastrutture di Kharkov e della regione di Lviv, nella regione potrebbero esserci interruzioni di elettricità e acqua. Inoltre, nella regione di Odessa è stata colpita un’infrastruttura critica.
In serata la holding energetica ucraina DTEK ha denunciato un attacco a due centrali termiche (TPP), una delle quali è stata fermata. Non ci sono state vittime, secondo la DTEK.
Gli attacchi all'infrastruttura ucraina delle forze armate russe sono iniziati il 10 ottobre, due giorni dopo l'attacco terroristico al ponte di Crimea, dietro il quale, secondo le autorità russe, si trovano i servizi speciali ucraini. Gli attacchi sono effettuati su impianti energetici, industria della difesa, comando militare e strutture di comunicazione in tutto il paese. Dopo gli attacchi del 15 novembre, il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha affermato che quasi la metà del sistema energetico del Paese è stata disattivata. A dicembre, Volodymyr Zelensky ha affermato che al momento era impossibile ripristinare completamente il sistema energetico dell'Ucraina.
La Russia ha lanciato un'operazione militare in Ucraina il 24 febbraio. Il presidente Vladimir Putin ha definito il suo obiettivo «la protezione delle persone che sono state oggetto di persecuzione e genocidio da parte del regime di Kiev per otto anni». Per questo, secondo lui, si prevede di effettuare una «smilitarizzazione e denazificazione dell'Ucraina», per consegnare alla giustizia tutti i criminali di guerra responsabili di «sanguinosi crimini contro i civili» nel Donbass.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono