Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


08/01/2023
Russia - Liturgia patriarcale a Mosca


Mosca, 8 gennaio 2023 – Nella trentesima domenica dopo la Pentecoste, dopo la Natività di Cristo, festa della Cattedrale della Santissima Madre di Dio, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca; l’arcivescovo Matfej di Yegoryevsk; il vescovo Siluan di Pavlovo-Posad, vicedirettore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Kirill di Zvenigorod, rettore dell'Accademia Teologica di Mosca; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' per la città di Mosca; l’archimandrita Aleksij (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l’archimandrita Aleksij (Vylazhanin), decano del distretto di Petropavlovsk della diocesi di Mosca, rettore della Chiesa degli Apostoli Pietro e Paolo nel quartiere Lefortovo di Mosca; l’arciprete Aleksandr Dasaev, decano del distretto della Risurrezione della diocesi di Mosca, rettore della Chiesa della Risurrezione di Cristo nel quartiere Sokolniki di Mosca; l’arciprete Vjacheslav Shestakov, rettore delle chiese del podvorje patriarcale nel quartiere Zaryadye di Mosca, custode della Cattedrale della Dormizione e delle chiese del Cremlino di Mosca; l'arciprete Kirill Sladkov, presidente del Dipartimento per gli Affari Giovanili della diocesi di Mosca, rettore della Chiesa di San Nicola di Myra a Pokrovsky di Mosca; i decani di Mosca e il clero metropolitano.








Erano presenti nel tempio: l’assistente del Presidente della Federazione Russa I.E. Levitin; il presidente del Partito Liberal Democratico della Russia, capo della fazione LDPR nella Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa, presidente della Commissione della Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa per gli affari internazionali L.E. Slutskij; il presidente della Commissione della Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa per l'edilizia, l'edilizia abitativa e i servizi comunali S.A. Pakhomov; il deputato della Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa M.V. Butina; il presidente del consiglio di vigilanza del movimento pubblico panrusso «Russia ortodossa» M.M. Ivanov; un membro del Presidium dell'Accademia Russa delle Arti, membro del Consiglio patriarcale per la Cultura, Artista Popolare della Federazione Russa, V.I. Nesterenko.

Il servizio divino è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore», nonché sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa, Patriarkhija.ru.

Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate petizioni speciali per la Santa Rus'.

Nel corso della Liturgia, Sua Santità Vladyka ha consacrato al rango di presbitero il diacono Antonij Kurdishenkov, suddiacono anziano del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus', e al rango di diacono B.V. Sandar, studente laureato del secondo anno presso l'Accademia Teologica di Mosca.

Il messaggio di Natale di Sua Santità il Patriarca Kirill agli arcipastori, ai pastori e a tutti i figli fedeli della Chiesa ortodossa russa è stato letto dall'arciprete Aleksandr Dasaev.

Al termine della Liturgia, il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale: «Cari vescovi, padri, fratelli e sorelle, rappresentanti delle autorità statali e quanti hanno riempito oggi la Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca! Mi congratulo con tutti voi per la festa della Natività di Cristo!

Ricordiamo la venuta nel mondo del Salvatore, il Signore Gesù Cristo, che ha veramente salvato il mondo. Ma se guardiamo attentamente a ciò che ha accompagnato la venuta del Salvatore nel mondo, quali sono le sue conseguenze, allora possiamo capire: Dio non salva nessuno con la forza. Dio non obbliga nessuno a salvarsi. Ma Dio offre alle persone un'alternativa assolutamente sorprendente al modo di vivere, e coloro che penetrano nell'essenza dell'insegnamento divino, che si rendono conto di quanto sia grande questa alternativa, quanto fornisca un'autentica felicità umana, queste persone stanno intraprendendo la strada giusta. E quelli che non vedono, non sentono, non capiscono, perdono l'opportunità di stare con Dio, e quindi di ottenere la salvezza, e non solo nell'aldilà, ma anche in questa vita. Perché la salvezza inizia già qui sulla terra. Il Signore, a cui ci rivolgiamo con le preghiere, è con noi, e l'angelo custode sta sulla spalla destra e aiuta a fuggire nelle circostanze della vita più difficili, proteggendo dagli errori e talvolta dai crimini.

La presenza del Signore nella vita di ognuno di noi, che lo ha ricevuto mediante il Battesimo e la Cresima, che partecipa ai Santi Misteri di Cristo, è una grande forza. E questa forza è riconosciuta quando le nuvole si addensano, quando arrivano tempi difficili, quando il dolore ci visita. Poi chiediamo soprattutto al Signore di aiutarci: a proteggere la Patria dai nemici esterni e interni, visibili e invisibili; a proteggere la nostra Chiesa da scismi e divisioni; ad aiutarci in circostanze di vita difficili. E secondo la nostra fede, secondo quanto siamo sinceri nella nostra preghiera, il Signore ci dà ciò che chiediamo.

Se guardiamo alla storia recente della nostra Chiesa, possiamo vedere in modo sorprendente la mano salvifica di Dio. Prendiamo, ad esempio, gli anni più difficili della possessione demoniaca all'inizio del XX secolo, la rivoluzione che ha posto come vessillo la lotta ai “pregiudizi”, tra cui, prima di tutto, la fede in Dio. E per questo sono state impegnate tutte le forze dello Stato, tutte le forze della macchina repressiva! La Chiesa fu adornata da una schiera di nuovi martiri e perse molte chiese: alcune furono distrutte, altre furono profanate. Probabilmente nessuno nel XIX secolo avrebbe potuto immaginare che le chiese sarebbero state fatte saltare in aria nella capitale dell'Impero russo, i santuari sarebbero stati distrutti e così via su tutta la faccia della terra. Sembrava che l'Anticristo fosse già arrivato, e cosa c'è dopo, non c'è prospettiva, che tipo di prospettiva può esserci quando il mondo di Dio sta crollando?

Ma sappiamo che tutto questo è passato e che i templi sono stati restaurati. E non solo restaurati: quante nuove chiese vengono costruite sulla faccia dell'intera terra russa, inclusa la Madre Sede di Mosca! L'ho già detto, ma in questo giorno solenne lo ripeto: in nessuna parte del mondo, in nessuna città, soprattutto in nessuna capitale, si stanno costruendo oggi duecento chiese cristiane. E ci rendiamo conto che duecento non bastano e ci sono già piani per costruirne altre. Come mai? Sì, perché questo è il bisogno della gente, e il Signore risponde alla nostra fede aiutandoci a superare ogni difficoltà. E ancora una volta dico: se guardiamo alla storia del XX secolo, quante chiese sono state chiuse, quante persone sono state uccise, a partire dai tempi della rivoluzione e delle terribili persecuzioni, ma la Chiesa di Dio è sopravvissuta, è rimasta in piedi e ha trasmesso il suo vangelo alle generazioni successive!

Oggi è una festa gioiosa, ma qualcuno ha le lacrime agli occhi. Non posso non dire cosa sta succedendo in Ucraina adesso: esattamente la stessa follia della Russia dopo la rivoluzione. Poi in Russia la "chiesa" renovazionista, creata artificialmente dalle autorità empie, iniziò a impadronirsi delle chiese della genuina e piena di grazia Chiesa ortodossa russa. E tutte le cattedrali di San Pietroburgo, la capitale imperiale, erano nelle mani dei renovazionisti, e con quale difficile stato d'animo il nostro popolo ortodosso è passato davanti a queste chiese! Molti non credevano che fosse possibile un'inversione. Tale fu l'assalto delle autorità empie che sembrava che non sarebbe stato lasciato nulla di intentato nella vita della Chiesa. Ma oggi vediamo che anche dove sono rimaste solo le pietre delle chiese distrutte, i templi sono stati ricreati e nuovi templi sono stati eretti in gran numero.

Questi sono i pensieri che mi sono venuti in mente oggi quando ho pensato all'Ucraina, a quello che sta accadendo lì oggi. Il nemico del genere umano ha deciso di ridere della terra santa, del nostro fonte battesimale, del fonte battesimale panrusso, e ne è nato uno scisma, che ricorda molto lo scisma renovazionista in Russia dopo la rivoluzione. Quasi una copia: sia lì che là, dietro gli scismi c'è il potere statale; sia lì che là dietro gli scismi c'è l'intenzione di indebolire e distruggere la Chiesa ortodossa, di scomunicare il popolo di Dio dalla Chiesa, subordinandolo alle autorità scismatiche della chiesa malevola. Ma sappiamo cosa è successo in Russia. Dov'è lo scisma renovazionista, a cui il governo ha trasferito tutto? Dove sono le idee che sono state impiantate tra gli ortodossi per scomunicarli dalla Chiesa? È tutto sparito, non c'è nemmeno una traccia. È così che sarà in Ucraina: non ci sarà traccia degli scismatici, perché fanno il male, la volontà del diavolo, distruggendo l'Ortodossia nella terra di Kiev.

Non credo che l'attesa sarà troppo lunga. Dio non può essere deriso (Gal 6,7), e tutti i settari saranno puniti, gli artefici dello scisma, e tutti quei "vescovi" travestiti, che non si possono guardare, il cui aspetto non corrisponde al loro rango.

E pensiamo che solo noi da qui abbiamo questa visione e questa comprensione della realtà che si è sviluppata oggi sul suolo ucraino? Lo stesso popolo ucraino vede e capisce tutto! E crediamo che tutto questo passerà, non può essere altrimenti. Dopotutto, gli scismi non sono praticabili. Come mai? Ma perché la grazia di Dio non c'è: vuoto, teatro, rituale esterno. Che pietà c'è quando tutti i canoni vengono infranti, quando tutti i principi dell'organizzazione della Chiesa ortodossa vengono rovesciati? Il vuoto! Ma questo vuoto è molto pericoloso per la vita spirituale delle persone.

E oggi siamo insieme al pio popolo ucraino, a coloro che già ora portano il sigillo sia del martirio che della confessione. Preghiamo per l'episcopato ucraino, fedele alla verità canonica. Preghiamo per coloro che oggi vengono cacciati dai templi. Preghiamo, prima di tutto, per i credenti, affinché preservino la fede ortodossa. E lo sappiamo per certo: proprio come sono scomparsi i renovazionisti, così scompariranno gli scismatici. Proprio come i tempi difficili politici dei leader sovietici, che hanno alzato la mano contro la Chiesa, così le attuali autorità non regneranno e domineranno l'Ucraina. E penso che non passerà molto tempo prima che le cose cambino. E il nostro compito, il compito della Chiesa, è pregare per la terra ucraina, per il pio popolo ucraino, per i sacerdoti e i vescovi, per coloro che hanno intrapreso il cammino della confessione. Preghiamo anche per coloro che hanno avuto paura, che sono scomparsi, quando sono stati chiamati a difendere l'Ortodossia. Dove si trovano? Dove sono andati? In che paese sono? Dio sia il loro giudice! Ma sono profondamente convinto, e la mia convinzione è incrollabile, che il Signore non lascerà la terra ucraina, la terra degli asceti delle Grotte di Kiev, la terra sopraffatta e cosparsa del sangue dei nuovi martiri. E non lascerà la Chiesa, che con la sua parola e la sua predicazione ha gettato le fondamenta della vita cristiana in tutto lo spazio della Santa Rus'. Preghiamo che i tempi duri passino il prima possibile, che si stabilisca la pace, che cessino i conflitti intestini sulla terra ucraina, che nessuno utilizzi i conflitti che sono iniziati in Ucraina per scatenare una guerra ancora più grande, in cui le forze ostili in Russia vorrebbe coinvolgere la nostra gente. Chiediamo al Signore che questo calice passi, che la pace e la prosperità siano preservate in tutto il territorio della Santa Rus', e che lo Stato russo, essendo sotto la protezione della Santissima Madre di Dio, sia preservato da conflitti interni e da qualsiasi invasione straniera.

In questa cattedrale principale della Santa Rus', dove riposano i santi, i Primati della nostra Chiesa, sperimentiamo e sentiamo in modo speciale tutta la complessità e tutta la pericolosità di ciò che accade oggi nella Rus', e allo stesso tempo siamo rafforzati dalla speranza. Guardando queste mura storiche, davanti alle immagini su cui hanno pregato i nostri devoti predecessori, speriamo che la misericordia di Dio si inclinerà sulla Rus', e la sua unità spirituale sarà ripristinata, l'ordine canonico dell'Ortodossia sarà ripristinato in Ucraina , e le persone parteciperanno nuovamente ai Santi Misteri di Cristo, attingeranno nuovamente grazia dagli altri Misteri della Chiesa, acquisendo forza per resistere a ogni male e tendere verso il Regno di Dio. La nostra preghiera oggi è che la pace e la giustizia siano ripristinate nella terra ucraina, affinché la pace e la tranquillità regnino su tutta la Rus’. Attraverso le preghiere dei santi, che stanno in questa chiesa con le loro sacre reliquie, attraverso le preghiere di tutti i santi che hanno illuminato la terra russa, possa il Signore dirigere l'ulteriore cammino del popolo russo lungo il percorso storico preparato per loro da Dio stesso.

Mi congratulo di cuore con tutti voi, miei cari, per la festa della Natività di Cristo, e possa la benedizione del Salvatore nato rimanere su tutti noi. Amin».

Quindi ha avuto luogo la consegna dei premi della Chiesa.

In considerazione dell'aiuto alla Chiesa ortodossa russa e in occasione del 55° anniversario della sua nascita, il presidente del Partito Liberal Democratico della Russia, presidente della Commissione della Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa per gli affari internazionali, L.E. Slutsky, è stato insignito dell'Ordine di San Sergio di Radonezh, I grado.

Presentando il premio, Sua Santità il Patriarca Kirill ha dichiarato: «Grazie, Leonid Eduardovich, per la Vostra posizione civile, è degna di ogni lode. Soprattutto per la Vostra fedeltà alla Chiesa ortodossa russa, per il fatto che sostenete sempre le Vostre attività con una preghiera sincera e accorata, e il Signore senza dubbio ascolta questa preghiera e Vi aiuta. Dio conceda che il Vostro servizio alla Patria e alla Chiesa continui ad essere altrettanto positivo e fruttuoso. Dio vi benedica!».

Il deputato della Duma di Stato dell'Assemblea Federale della Federazione Russa M.V. Butina è stata insignita dell'Ordine della Principessa Olga, uguale agli Apostoli, II grado.

«Maria Valerievna è un'eroina vivente. Sì, davvero, era nelle prigioni! In un paese ostile. E per salvarsi non bastava tradire la Patria. Non l'ha tradita, proprio come non l'hanno fatto i nostri pii antenati; e oggi questo spirito della fede ortodossa, lo spirito dell'amore per la Patria è presente nel nostro popolo. E sono contento che una donna così giovane e bella sia qui, essendo un simbolo di vittoria su una forza oscura e potente, che è entrata in lotta con il nostro popolo», - ha detto Sua Santità il Patriarca Kirill nel consegnare il premio a M.V. Butina.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'; www.patriarkhija.ru)






<<Torna Indietro

Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Mosca - Servizio patriarcale nella 30ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Mosca. Foto: sacerdote Igor Palkin.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono