Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


07/01/2023
Russia - Solenne festa della Natività di Cristo


Mosca, 7 gennaio 2023 - Nella notte tra il 6 e il 7 gennaio, nella festa della Natività del Signore Dio e Salvatore Gesù Cristo, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato in successione i servizi di Natale nella Chiesa Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca - Grande Compieta, Mattutino e Divina Liturgia di San Giovanni Crisostomo.
La Divina Liturgia patriarcale della Natività è stata trasmessa in diretta sui canali televisivi «Primo», «Russia 1» e «Il Salvatore», nonché sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa, Patriarkhhija.ru. La trasmissione è stata commentata dal vicecapo del Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus', N.I. Derzhavin. Sul canale televisivo «Il Salvatore» e sul portale Patriarkhija.ru la trasmissione è stata effettuata con la traduzione nella lingua dei segni.







Secondo la tradizione, prima dell'inizio dei servizi divini, il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto in diretta ai telespettatori con gli auguri di Natale: «Alla vigilia della festa della Natività di Cristo, rivolgendomi a tutti voi, miei cari, vorrei innanzitutto congratularmi con tutti. Ci siamo avvicinati alla grande festa cristiana. Glorifichiamo la nascita del Salvatore del mondo. Glorifichiamo la manifestazione della speciale misericordia di Dio per il genere umano, perché attraverso la venuta nel mondo di Gesù Cristo, il Figlio di Dio e il Figlio dell'uomo, la più grande verità sul proprio essere è stata rivelata alle persone. Verità, che contiene un vero sistema di valori, a seguito del quale una persona acquisisce la pienezza dell'essere.
Questa verità e la vita sono le dimensioni più importanti dell'esistenza umana. Non stiamo solo celebrando un evento storico, come alcuni credono, stiamo celebrando un evento che ha cambiato radicalmente l'intero corso della storia umana, e i duemila anni successivi lo testimoniano in pieno. Eccoci qui, persone del XXI secolo, toccando questa storia, toccando la Fonte di questa storia, il Signore e nostro Salvatore, celebrando la Sua venuta nel mondo, attraverso questo contatto con la mente e il cuore otteniamo senza dubbio saggezza e forza, e ci rafforziamo nella nostra vita. È il Signore Salvatore che ci dà sia la forza che la vita stessa. E se una persona perde la fede, perde l'opportunità di fare affidamento sull'aiuto di Dio, sul potere di Dio nel suo percorso di vita.
Ora le persone affrontano molte difficoltà, prove, tentazioni, che disorientano una persona e molto spesso spostano il centro dell'attenzione di una persona dalla cosa più importante - da Dio e dalla propria vita - ad altri obiettivi e valori. Ecco la Natività di Cristo, i nostri pensieri sulla venuta del Salvatore nel mondo, la nostra preghiera in questo giorno può aiutarci a tornare sul sentiero pieno di verità e che conduce alla vita, per trovare la pienezza dell'essere.
Auguro a tutti di vivere questa notte di Natale in modo speciale, di sentire la presenza di Dio, di pregare con tutto il cuore per i propri parenti, i propri cari, per se stessi, per la nostra Patria, per coloro che soffrono oggi, per i nostri fratelli in Ucraina, che oggi vengono espulsi dalla Lavra delle Grotte di Kiev - quella Lavra, che per secoli è stata la custode della vera Ortodossia e non di quella distorta. Preghiamo per i nostri fratelli e sorelle, per i confessori della fede di Cristo nel XXI secolo. Oggi saremo con loro, con i loro dolori, con la nostra preghiera e la manifestazione della nostra solidarietà e del nostro amore per loro. E crediamo che tutte queste tentazioni diaboliche si ritireranno, e un giorno, col passare del tempo, molti ricorderanno con ironia, o forse solo con un sorriso, i miserabili tentativi di distruggere la Chiesa canonica ortodossa in Ucraina. Preghiamo per i nostri fratelli e sorelle sul suolo ucraino. Preghiamo per il nostro Paese, lo Stato russo, per le autorità, per l'esercito. Preghiamo per i nostri parenti e amici in questa notte santa e luminosa - nella speranza che per il potere e la grazia di Dio la giustizia trionferà, la verità trionferà e il Signore, che è nato a Betlemme, ci concederà la Sua grazia e la forza e la capacità di superare le difficoltà nel nostro percorso di vita.
Buon Natale, mi congratulo con tutti voi, miei cari!».
Nella notte di Natale hanno concelebrato Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca; il metropolita Antonij di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca; il vescovo Siluan di Pavlovo-Posad, vicedirettore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Sava di Zelenograd, vicedirettore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; l'arciprete Mikhail Rjazantsev, decano della Cattedrale di Cristo Salvatore; l’archimandrita Aleksij (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca; il clero di Mosca.

Gli inni liturgici sono stati eseguiti dal coro patriarcale della Chiesa Cattedrale di Cristo Salvatore (diretto da I. B. Tolkachev).

Nel tempio erano presenti: il segretario di Stato dell'Unione di Stato di Russia e Bielorussia D.F. Mezentsev; il presidente della Duma della città di Mosca A.V. Shaposhnikov; il capo del Dipartimento di politica nazionale, relazioni interregionali e turismo di Mosca V.I. Suchkov; il presidente del Dipartimento sinodale per i rapporti della Chiesa con la società e i media V.R. Legojda; il presidente del consiglio di vigilanza del movimento pubblico panrusso «Russia ortodossa» M.M. Ivanov; il direttore generale facente funzione dell'impresa artistica e produttiva «Sofrino» A.V. Potemkin.

Alla litania della «supplica intensa» sono state elevate petizioni speciali, il Primate della Chiesa russa ha letto la preghiera per la Santa Rus'.

Il messaggio di Natale di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill agli arcipastori, pastori, diaconi, monaci e a tutti i figli fedeli della Chiesa ortodossa russa è stato letto dall'arciprete Mikhail Rjazantsev.







Al termine della Liturgia è stato eseguito il servizio di glorificazione della solenne festa, dopodiché Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale:

«Vostre Eminenze e Grazie! Cari padri, fratelli e sorelle! Mi congratulo di cuore con tutti voi per la grande festa della Natività di Cristo.

Il Signore è venuto nel mondo. Il Signore è luce e la luce di Dio è scesa sulla terra. Cos'è la luce? Chiunque abbia studiato fisica sa che la luce è energia e la luce divina è energia divina. Il Signore ha toccato - attraverso la Sua nascita, attraverso la Sua incarnazione - la natura umana, la vita umana, le relazioni umane e ha permeato la vita umana, tutta la natura, l'intero cosmo, tutto l'essere con la sua energia divina. E per sentire questa energia, devi avere un certo ricevitore. Tutti sanno che per utilizzare qualsiasi energia sono necessari meccanismi che trasformino questa energia in determinate azioni.

Così è nella vita spirituale: il meccanismo che trasforma l'energia divina è la nostra fede, la nostra vita religiosa. È impossibile nutrirsi dell'energia divina se non c'è fede, se una persona non riconosce Dio come fonte di vita, come fonte di energia, allora non può esserci connessione tra Dio e l'uomo. E questa relazione si chiama religione. Dopotutto, se tradotto in russo, sarà così: la religione è la connessione di una persona con Dio. Ecco perché le persone che perdono la fede perdono anche la connessione con Dio, il che significa che non possono nutrirsi dell'energia divina, che riempie la vita umana di significato, potere spirituale e capacità di distinguere il bene dal male.

Il compito della Chiesa è predicare Cristo, predicare su Dio, il Creatore del mondo, il Creatore dell'universo, su Cristo, il Figlio di Dio, il Salvatore del mondo, sullo Spirito Santo, riempiendo l'uomo e l’universo di energia divina. E questo sermone, toccando le nostre menti, passando nella nostra coscienza, ci aiuta a trasformare la nostra vita. Questa predica è contenuta principalmente nella parola di Dio, nel Vangelo, in quei testi meravigliosi, immersi nei quali, cominciamo a sentire su di noi il soffio divino, il tocco della potenza divina e la parola divina. E Dio voglia che sia così, nonostante le tentazioni e le sfide della civiltà moderna, che si allontana sempre più da Dio, perché una persona diventa sempre più potente e non ha bisogno di altra forza. Questa autocoscienza dell'uomo come forza che non ha più bisogno di nessun'altra forza, porta alla secolarizzazione delle persone, al loro allontanamento da Dio. E il compito della Chiesa - quando dico "Chiesa", intendo non solo il clero, ma l'intero popolo credente - e il compito di ciascuno di voi, miei cari, oggi è predicare la parola di Dio in un certo senso, aiutare le persone a capire che solo la fede collega una persona con l'energia divina, la rende forte e capace non solo di superare le difficoltà del suo percorso di vita, ma di ottenere molto senza cadere nel peccato, senza portare discordia nella sua anima sia con Dio che con le persone intorno a lei.

La meravigliosa festa di oggi ci insegna tutto questo. Celebriamo la venuta nel mondo di Cristo Salvatore. Adoriamo davvero il Figlio di Dio, che è entrato nella carne e nel sangue della vita umana, è diventato uno di noi, ha unito la natura divina con la natura umana. Glorifichiamo il Salvatore per la grande missione di unire il divino e l'umano. E per noi cristiani, Dio non è una forza lontana e sconosciuta, ma Dio è vivo, presente nelle nostre vite, prima di tutto, attraverso la nostra adorazione di Suo Figlio, il Signore Gesù Cristo, nato a Betlemme per la nostra salvezza.

Possa la benedizione di Dio essere sul mondo intero, che oggi ha bisogno di un rafforzamento della fede.
Tutti i conflitti più terribili oggi si verificano principalmente perché le persone si allontanano dalla fede, e, al contrario, affidandosi alla fede, i conflitti possono essere sanati e superati. Dio conceda che la fede viva, donataci attraverso l'incarnazione del Figlio di Dio, fecondi davvero la nostra vita, ci aiuti a sistemare le relazioni interpersonali e, inoltre, aiuti a costruire relazioni interstatali, a espellere dalla moderna realtà umana universale quella malizia, sfiducia, quelle contraddizioni che minacciano la vita di tutta l'umanità. E chiediamo al Signore, attraverso il miracolo dell'incarnazione, che ci ha dato l'opportunità di comunicare con Lui, la pace in tutto il mondo, il benessere delle Sante Chiese di Dio, la guarigione di tutti gli scismi e le divisioni. E, dicendo questo, penso prima di tutto a ciò che è vicino a tutti noi, alla cara Ucraina, dove gli scismi sfidano la Chiesa stessa, l'opportunità di svolgere un degno servizio al popolo e alla società dell'Ucraina. Crediamo che attraverso le preghiere dei santi, attraverso le preghiere di tutta la Chiesa, la pace verrà tra tutti i popoli della Santa Rus' e ovunque essa sia distrutta oggi. Ma per questo deve essere soddisfatta una condizione: il Re del mondo, il Signore del mondo deve essere con noi, e quindi l'espulsione della fede cristiana dalla vita delle persone, la creazione di una civiltà tecnocratica senza Dio, che non ha bisogno di Dio , è la cosa più terribile che si possa immaginare, perché la filosofia di vita, basata sull'onnipotenza umana, espelle Dio dalle anime umane, dai rapporti interpersonali.

Dio conceda che la fede del nostro popolo non si inaridisca, che nessuna tentazione dall'esterno, nessun nuovo "ismo", filosofico o altri falsi insegnamenti allontanino le persone dalla fede. Noi insieme a voi abbiamo compiuto un percorso molto difficile. Quando dico “noi con voi", intendo tutto il nostro popolo, diverse generazioni che sono state strappate con la forza dalla fede. Ma abbiamo vinto, siamo diventati di nuovo un popolo credente, e questo è un grande segno non solo per noi stessi, ma anche per tanti popoli prosperi, che oggi stanno perdendo la fede.

Dio conceda che la grazia rivelata attraverso la venuta nel mondo di Cristo Salvatore aiuti coloro, che stanno perdendo la fede, a guadagnarla, coloro che dubitano, a superare i loro dubbi, coloro, che cercano altri modi per creare benessere umano e sociale, a rendersi conto che la fonte di ogni benessere è la fede, la preghiera e la vita secondo le leggi di Dio. E possa il Signore aiutarci in questo modo, e non altrimenti, a seguire il nostro cammino di vita. Amin».

Nella galleria della Cattedrale di Cristo Salvatore, il Primate della Chiesa russa si è congratulo con i rappresentanti del movimento giovanile dei «Volontari del Patriarca» per la festa della Natività di Cristo.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'; www.patriarkhija.ru)


<<Torna Indietro

Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Mosca- Servizio patriarcale nella festa della Natività di Cristo nella Cattedrale di Cristo Salvatore. Foto di Oleg Varov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono