Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


01/01/2023
Russia - Liturgia patriarcale a Odintsovo


Odintsovo, 1 gennaio 2022 – Nella 29ª domenica dopo la Pentecoste, prima della Natività di Cristo, dei santi padri, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale del Grande Martire Giorgio il Vittorioso a Odintsovo, regione di Mosca (diocesi di Odintsovo della metropolia di Mosca).

Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Pavel di Krutitsij e Kolomna, vicario patriarcale della metropolia di Mosca; l'arcivescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, rettore della Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' per la città di Mosca; l’archimandrita Pavel (Krivonogov), abate del Monastero stavropegico di San Savino di Storozhka; l’archimandrita Aleksij (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l’arciprete Vladimir Shaforostov, decano del distretto di Krasnogorsk, rettore della Chiesa in onore dell’icona della Madre di Dio «Il Segno» a Krasnogorsk, regione di Mosca; il sacerdote Dionisij Kazantsev, segretario di Sua Santità il Patriarca per la regione di Mosca, segretario dell'Amministrazione diocesana di Odintsovo; il sacerdote Grigorij Fedotov, decano del distretto di Odintsovo, rettore della Chiesa in onore dell'icona di Grebnya della Madre di Dio a Odintsovo; il clero della diocesi di Odintsovo.







Ha pregato nel tempio il confessore della diocesi di Odintsovo, rettore onorario della Chiesa dell'Intercessione della Santissima Madre di Dio nel villaggio di Akulovo, distretto di Odintsovo, regione di Mosca, arciprete Valerian Krechetov.

Al servizio erano presenti: il capo del distretto urbano di Odintsovo della regione di Mosca A.R. Ivanov; l’ex capo del distretto di Odintsovo, direttore esecutivo del Fondo internazionale per il restauro e la conservazione del patrimonio culturale e spirituale del Monastero di San Panteleimon sul Monte Athos, organizzatore della costruzione della Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, A.G. Gladyshev; il vicepresidente senior, direttore finanziario della società «MMC “Norilsk Nickel”» S.G. Malyshev; il presidente del Consiglio di vigilanza della Fondazione per la promozione della rinascita delle tradizioni della misericordia e della carità «Società educativa Elisabetta e Sergio» A.V. Gromov. Un posto d’onore nel tempio è stato riservato ai veterani della Grande Guerra Patriottica.

Gli inni liturgici sono stati eseguiti dal coro della Cattedrale della Teofania a Mosca (diretto da A.K. Mayorov).

Il servizio divino è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore», nonché sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarkhija.ru.

Alla litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere speciali, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha letto la preghiera per la Santa Rus'.

Durante La liturgia, Sua Santità il Patriarca Kirill ha ordinato al rango di presbitero il diacono Valentin Shishelov, chierico della Chiesa del Grande Martire Giorgio il Vittorioso, podvorje patriarcale sulla collina Poklonnaya a Mosca.

Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dall'arciprete Pavel Kartashev, rettore della Chiesa della Trasfigurazione del villaggio di Bolshiye Vyazemy, distretto di Odintsovo, regione di Mosca.

Al termine della Liturgia, l'arcivescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk, a nome del clero e dei parrocchiani, ha rivolto parole di benvenuto a Sua Santità Vladyka e ha presentato a Sua Santità un mazzo di rose bianche.

Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai partecipanti al servizio divino con la parola primaziale.

«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

Oggi celebriamo la memoria dei santi padri, coloro che hanno preceduto il Signore e Salvatore. Queste sono persone spirituali di spicco, i leader spirituali dell'Antico Testamento. Con la loro vita, il loro ministero, la loro predicazione, hanno preparato la via al Signore, e quindi la memoria di questi santo dell'Antico Testamento viene celebrata alla vigilia della Natività di Cristo.

Oggi il ricordo dei santi padri è coinciso con il Capodanno civile. Se la mia memoria non mi inganna, c'è stata una tale coincidenza nel 2012 e ricordo come i pensieri delle persone sul passato e sul futuro fossero associati a questa coincidenza. Molti, proiettando i loro pensieri nel futuro, credevano ottimisticamente che tutto stesse andando per il meglio, che tutto il meglio doveva ancora venire. E in generale, la speranza che il meglio sia avanti è presente nel genere umano e si riflette persino in una certa filosofia, che si chiama filosofia del progresso. Secondo questa dottrina, l'umanità si sviluppa progressivamente sotto tutti gli aspetti.

Naturalmente, c'è del vero in ciò che afferma questa filosofia. Sotto gli occhi di tutti è in atto un incredibile sviluppo scientifico e tecnologico, vengono migliorati i mezzi di comunicazione, i trasporti e tutto ciò che riguarda il lato materiale della vita umana. Indubbiamente, ci sono progressi. Ma che dire della personalità di una persona, del suo stato spirituale interiore? Possiamo dire che le persone di oggi sono molto migliori, più ricche, spiritualmente più forti di quelle che ci hanno preceduto? È impossibile dirlo, perché non c'è progresso spirituale e morale generale. Questo progresso esiste, ma si realizza nel quadro di una personalità umana singola. Ed è sempre stato così: sia oggi che dieci, cento e mille anni fa. Ognuno poteva mirare alla propria perfezione interiore, morale, spirituale, intellettuale, e molti hanno seguito questa strada, ma c'erano anche molti che si sono degradati. La stessa cosa sta accadendo oggi, e dobbiamo capire chiaramente che non c'è progresso spirituale e morale su scala umana.

Oggi ci troviamo nell'atmosfera più difficile di reciproca sfiducia tra i paesi. Questa tensione aumenta così tanto che c'è la minaccia di una guerra su larga scala. La vita internazionale era altrettanto tesa quando abbiamo celebrato l'ultima volta la coincidenza della festa dei santi padri e del nuovo anno? E se le relazioni internazionali si sono così deteriorate, si tratta di un progresso o di un regresso? Certamente una regressione. Il movimento non è verso l’alto, non alle stelle, ma al contrario, giù nell'abisso. Pertanto, voglio dire di nuovo: l'idea del progresso umano, ovviamente, è applicabile allo sviluppo della scienza, della tecnica, della tecnologia, ma non è in alcun modo applicabile allo stato morale dell'individuo e della società umana. Inoltre, più comodità una persona riceve, più grandi sono le conquiste della scienza e della tecnologia di cui gode, più debole può diventare. È abbastanza ovvio: il progresso morale, spirituale, non corrisponde in alcun modo al progresso scientifico e tecnologico della società umana.

Ora poniamo la domanda: da cosa dipende il futuro? Dal progresso scientifico e tecnico o morale? Dopotutto, il progresso scientifico e tecnologico non solo crea veicoli confortevoli, ma vengono migliorati anche vari tipi di dispositivi elettronici che ci aiutano nelle comunicazioni, ma anche le armi vengono migliorate. E l'umanità non ha mai posseduto mezzi così terribili per distruggere l'intero pianeta come quelli che sono ora accumulati negli arsenali di armi. E se questi arsenali, questo incredibile miglioramento delle armi, non corrisponde allo stato morale dell’umanità, allora non aumenta la minaccia dell’uso di armi di distruzione di massa?

Tutto ciò testimonia il fatto che lo sviluppo scientifico e tecnologico e l'indubbio progresso della civiltà non possono garantire né la felicità della persona né la sua sicurezza. E cosa può garantire la felicità e la sicurezza umana? Forse una specie di filosofia? Ce ne sono state e ce ne sono molte, e ognuno afferma di mostrare a una persona la strada per un futuro più luminoso. In effetti, qualcuna di queste filosofie ha aiutato? Mai! E non analizzeremo il motivo, la risposta è semplice: tutti questi sono i risultati della creatività di una persona che è limitata nelle sue capacità.

Ma c'è qualcosa che abbiamo e che non viene dalla persona, ma da Dio, illimitato nelle sue possibilità. Questa è la sua Parola, la sua legge, che oggi abbiamo ascoltato attraverso la lettura delle Sacre Scritture. Questo è ciò che predica la Chiesa. Questa è la vera legge di Dio, che sola può salvare l'intero genere umano. Ma quante persone non accettano questa legge, credendo che sia una specie di reliquia del passato! O, come dicono alcuni, "non è affatto per me, perché non puoi farlo, ed è impossibile, ma voglio fare quello che voglio!". Ma se la legge di Dio viene sradicata dalla vita umana, se le persone smettono di vivere secondo la legge divina, allora verrà la distruzione. Una tale persona e una tale società non sono vitali, perché Dio ha posto la Sua legge morale alla base dell'esistenza umana.

Oggi questo è particolarmente ovvio, e quindi la predicazione di Cristo, la predicazione dei valori cristiani è di grande importanza. Non si tratta solo della salvezza dell'individuo, si tratta della salvezza dei popoli, degli stati, della salvezza della razza umana. La missione della Chiesa oggi è di importanza globale. Ma questa missione può essere valida solo quando le persone vi rispondono, quando la parola di Dio produce un cambiamento interiore nella personalità, quando una persona, pensando a ciò che Dio attraverso il Vangelo, attraverso suo Figlio Gesù Cristo, ha detto alla gente, comincia a correlare la legge di Dio con la sua stessa vita. E quando una persona vede una completa discrepanza tra ciò che fa, ciò a cui pensa, ciò per cui si batte, con la legge di Dio, se una persona, rendendosi conto di questa discrepanza, cambia tutta la sua vita, e se ci sono molte di queste persone, è allora che viene garantita la vera sicurezza di una persona, della società, dello Stato e dell'intero pianeta.

Oggi è il Capodanno civile. Stiamo entrando nel nuovo anno della bontà di Dio e, naturalmente, la nostra preghiera è per la pace, affinché il Signore impedisca lo sviluppo distruttivo delle relazioni internazionali, che oggi hanno raggiunto il punto più pericoloso. Preghiamo che non ci sia guerra, che prevalga il buon senso e che persone con opinioni e convinzioni politiche diverse possano trovare una base comune per una vita pacifica e giusta. Pregando per la pace in tutto il mondo, ovviamente, ognuno di noi prega per se stesso, per i propri parenti e amici, e dobbiamo accompagnare questa preghiera con il desiderio di vivere secondo i comandamenti di Dio. Perché se i credenti non vivono secondo i comandamenti, cosa si può pretendere da quel mondo non religioso, nelle cui mani sono armi terribili?! Ciascuno di noi salva il mondo con la sua fede, la sua pietà, il suo amore, perché questi valori salvifici non scompaiono, ma si rafforzano per il fatto che sempre più persone vi si uniscono.

Dio benedica la Russia, il nostro paese. Ringraziamo Dio che oggi la Russia è un paese in cui la fede si rafforza. Molte persone ricche e prospere in altre parti del mondo guardano con sorpresa alla nostra Patria e non riescono a capire. Un paese moderno e avanzato in cui la fede rinasce – che cos’è questo? Per molti questo è uno shock, ma per noi è un simbolo di speranza e fede che se la nostra Patria continua a svilupparsi così, se combiniamo la fede con l'istruzione, la cultura, la scienza, la tecnologia, con tutto ciò che dà forza materiale e benessere, allora la Russia sarà invincibile e diventerà un esempio ancora più eclatante di come la persona moderna possa combinare fede e conoscenza, Dio e materia, vita spirituale e vita materiale.

Questa è la sorte che è caduta sulla nostra Patria. Un tempo fu la Russia a salvare il mondo dalla terribile piaga del fascismo e, prima di tutto, grazie alle vittime della Russia, la vittoria fu raggiunta. Forse oggi il Signore, senza chiamarci a sacrifici così terribili, ci chiama a fare in modo che con la nostra vita spirituale, la nostra fede, unendo la fede con la conoscenza, facendo penetrare la fede in tutte le sfere della vita pubblica, aiutiamo anche il mondo a trovare la salvezza, come abbiamo fatto noi sconfiggendo il fascismo. E, forse, il Signore sceglie la nostra Patria, verso la quale si rivolgono oggi gli sguardi rabbiosi e feroci di chi non condivide le nostre convinzioni, di chi ci è estraneo sia nella fede che nei principi morali della vita. Dall’altra parte - incomprensione, intensa attenzione, sentimenti e pensieri spesso cattivi; noi, camminando lungo il nostro cammino storico, dobbiamo mantenere la fede nei nostri cuori e fare di tutto per diventare mentalmente, moralmente, fisicamente più forti, sviluppando tutti gli aspetti della nostra vita sociale e statale.

E il Signore ci aiuti ad entrare con questi pensieri nel nuovo anno della Sua bontà, nella nuova stagione, che, ci auguriamo, sarà serena e salvifica sia per la nostra gente che per tanti altri popoli. E Dio voglia che questa stagione determini gli anni successivi di una vita pacifica e prospera. Amin».

Sua Santità Vladyka ha ringraziato l'arcivescovo Foma per le opere a beneficio della Santa Chiesa e gli ha presentato in dono l'icona della Madre di Dio «Tre mani». «Vorrei esprimere gratitudine a vladyka Foma per il suo lavoro, è il mio assistente nel Patriarcato di Mosca, gli è stata affidata un'obbedienza molto difficile, che voi, vladyka, svolgete con molto successo, essendo, davvero, un vero assistente del Patriarca», - ha detto il Primate porgendo l'immagine.

«Ancora una volta mi congratulo con tutti voi, miei cari, - ha continuato Sua Santità il Patriarca, rivolgendosi ai fedeli. - Sono molto contento di vedere la Cattedrale di Odintsovo - davvero una cattedrale meravigliosa. Costruiamo templi e ci raccogliamo a migliaia, mentre ovunque, specialmente nella parte "illuminata" del mondo, i templi si stanno svuotando, vi si stanno allestendo ristoranti o, come ho detto una volta, al massimo vengono venduti ai musulmani. E noi stiamo riempiendo le chiese, e finché le riempiremo, la Russia vivrà, dando un grande esempio al mondo intero. Pertanto, non siate pigri nel visitare i templi di Dio. Portate con voi i vostri figli e nipoti in modo che le prossime generazioni di russi raccolgano la nostra esperienza spirituale e vadano incontro al futuro con la fede ortodossa nei loro cuori. Dio benedica tutti voi e possa la benedizione di Dio rimanere sulla città di Odintsovo e su tutto il mio gregge vicino a Mosca. Amin».

Inoltre, Sua Santità il Patriarca Kirill ha ringraziato il capo del distretto urbano di Odintsovo della regione di Mosca A.R. Ivanov per la partecipazione attiva alla vita della Chiesa.


***


La Cattedrale di San Giorgio il Vittorioso è stata costruita in uno stile prevalentemente russo. Il tempio ha tre piani, in alto c'è la cappella centrale in onore del Grande Martire Giorgio, ai lati ci sono le cappelle in onore di San Sergio di Radonezh e San Nicola Taumaturgo. Al piano intermedio ci sono le cappelle in onore dell'icona «di Iviron» della Madre di Dio, della martire Tatiana e di Sant'Alessandro di Svir. Al piano terra si trova la chiesa battesimale in onore di San Giovanni Battista.

La cattedrale ha una splendida decorazione interna; durante la creazione delle iconostasi, sono stati riprodotti gli stili di tre diverse epoche della storia cristiana. I santuari della cattedrale comprendono una particella delle reliquie di San Giorgio il Vittorioso, di Sant'Alessandro di Svir, del grande martire Panteleimon, di santa Matrona di Mosca, di Sant'Antonio di Optina e della martire Tatiana. Nella cattedrale ci sono le copie di tutte le icone della Madre di Dio del Sacro Monte Athos, realizzate dai monaci dell'Athos. Anche le icone del tempio di San Giorgio il Vittorioso e dell’icona «di Iviron» della Madre di Dio sono state portate dal Sacro Monte.

Il 7 agosto 2004, con la benedizione di Sua Santità il Patriarca Alessio II, è stato eseguito il rito di fondazione della chiesa, presieduto dal metropolita Juvenalij di Krutitsij e Kolomna. La cattedrale è stata costruita grazie agli sforzi del decano delle chiese del distretto di Odintsovo, archimandrita Nestor (Zhilyaev) e del capo del distretto di Odintsovo, A.G. Gladyshev. Alla cerimonia di deposizione hanno partecipato il governatore della regione di Mosca B.V. Gromov.

Il 9 settembre 2007, il metropolita Juvenalij ha eseguito il rito della grande consacrazione del tempio. La Divina Liturgia è stata celebrata da Sua Santità il Patriarca Alessio II.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus'; www.patriarkhija.ru)


<<Torna Indietro

Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Odintsovo - Servizio patriarcale nella 29ª domenica dopo la Pentecoste nella Cattedrale di San Giorgio a Odintsovo, vicino a Mosca. Foto di Oleg Varov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono