Febbraio 2023
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


23/11/2022
Russia - Il Patriarca incontra Miguel Díaz-Canel


Mosca, 22 novembre 2022 - Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha incontrato il Presidente della Repubblica di Cuba Miguel Díaz-Canel Bermudez presso la residenza patriarcale nel Monastero di San Daniele.
All’incontro hanno partecipato per la Chiesa ortodossa russa: il metropolita Antonij di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne (Decr) del Patriarcato di Mosca, l'archimandrita Filaret (Bulekov), vicepresidente del Decr, l'arciprete Igor Jakimchuk, vicepresidente facente funzione del Decr, e il sacerdote Andrej Titushkin, membro del Segretariato del Decr per gli Affari Esteri.






La delegazione che ha accompagnato Miguel Díaz-Canel Bermudez comprendeva il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez Parrilla, l'ambasciatore straordinario e plenipotenziario di Cuba in Russia Julio Antonio Garmendia Peña, il direttore generale per gli Affari Generali del Ministero degli Esteri Emilio Losada Garcia e la moglie del Presidente della Repubblica di Cuba Lis Cuesta.

Rivolgendosi all'illustre ospite con un cordiale saluto, Sua Santità ha osservato: «Sono lieto che il contatto significativo ed emotivamente molto positivo che si è stabilito con la leadership del Vostro Paese, a partire dal nostro primo incontro con il compianto Comandante Fidel Castro, continui ancora oggi. Possiamo dire che si è instaurata una buona tradizione di rapporti tra la Chiesa russa e l'Isola della Libertà».

Ha condiviso le sue impressioni sui suoi incontri con Fidel Castro Ruz tenuti in diversi anni, osservando: «Vorrei ricordare ancora una volta questa persona eccezionale che, per il bene della libertà del suo Paese, ha avuto il coraggio e la forza di sfidare il più potente Stato capitalista. Questo è un esempio straordinario nella storia, dimostra che la forza fisica, militare o politica non sempre vince. A noi, cristiani credenti, è stato insegnato che il potere è nella verità. Continuando la sua esistenza indipendente e sovrana, nonostante le più forti pressioni dall'esterno, Cuba conferma questo principio».

Il Primate della Chiesa ortodossa russa ha affermato con soddisfazione che dopo un certo periodo di tempo negli anni '90, a causa della difficile situazione in Russia, è ripreso il dialogo tra la Federazione Russa e la Repubblica di Cuba, tra i leader dei due Paesi e si intensificato nuovamente.

Ha anche aggiunto che la Russia oggi, come Cuba per molti decenni, è costretta a costruire la propria vita sotto le condizioni della pressione delle sanzioni esterne, il cui scopo è, prima di tutto, abbassare il tenore di vita dei cittadini comuni, indebolire il paese dall'interno. «Coloro che costruiscono tali piani e strategie in relazione alla Russia non conoscono bene la nostra storia», - ha sottolineato Sua Santità, ricordando esempi di come in diversi periodi storici, anche durante la Grande Guerra Patriottica, il Paese abbia combattuto per la sua sovranità con potenti forze esterne e ha vinto. «Vi dico questo come leader di uno Stato, il cui popolo ha sperimentato pienamente nella propria esperienza cosa sia un tentativo di isolamento, blocco, strangolamento economico, ecc. Cuba è esistita, esiste e continuerà ad esistere, è un meraviglioso esempio che la verità è più forte della forza», - ha aggiunto il Patriarca Kirill.

Sua Santità ha definito la diaspora di lingua russa che vive a Cuba un fattore molto importante nello sviluppo di buone relazioni tra i due Paesi. «Ora questa diaspora è organizzata anche in modo spirituale, religioso, - ha proseguito il Primate della Chiesa ortodossa russa. - La nostra Chiesa in onore dell'icona di Kazan della Madre di Dio, che ho avuto la fortuna di consacrare (nel 2008 - circa), funziona molto attivamente e intorno ad essa opera la diaspora ortodossa russa, un programma culturale è in fase di attuazione - proiezioni di film, mostre e tutto ciò che arricchisce la vita della diaspora di lingua russa e offre ai cubani l'opportunità di conoscere, tra le altre cose, la vita spirituale del popolo russo».

Da parte sua, Miguel Díaz-Canel Bermudez ha osservato che gli incontri dei rappresentanti della leadership della Repubblica di Cuba con Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill sono diventati una buona tradizione. L'illustre ospite si è congratulato con Sua Santità il Patriarca per il suo compleanno, che è stato celebrato il 20 novembre.

Il Presidente cubano ha anche trasmesso calorosi saluti fraterni e auguri dal Generale Raul Castro Ruz, con il quale Sua Santità il Patriarca Kirill ha più volte parlato.

«Nelle Vostre parole si percepisce l’amore e la simpatia per Fidel Castro, avete menzionato il significato della sua personalità, - ha continuato Miguel Díaz-Canel Bermudez. Per noi Fidel è una persona e un modo di pensare a cui ci rivolgiamo ogni giorno, soprattutto nei momenti difficili che stiamo attraversando».

Il Capo dello Stato ha molto apprezzato il dialogo politico tra Russia e Cuba, sottolineando che questo dialogo «sta diventando un pilastro importante e un esempio di come dovremmo costruire le relazioni anche in altri aspetti».

«Vorrei ringraziarVi ancora una volta per la posizione ferma e coerente della Chiesa ortodossa russa contro il blocco imposto a Cuba, e per la solidarietà che mostrate sempre nei confronti di Cuba, soprattutto in questo periodo difficile», - ha affermato Miguel Díaz-Canel Bermudez, ricordando anche che entrambi i Paesi sono attualmente soggetti a sanzioni ugualmente ingiuste ed estremamente crudeli.

«Nell'ambito dell'incontro di oggi, vorrei riaffermare ancora una volta il nostro desiderio di mantenere e costruire relazioni di amicizia, solidarietà e rispetto di Cuba per la Chiesa ortodossa russa», - ha osservato il Presidente cubano. Ha anche notato che Cuba ricorda con gratitudine che proprio l'Avana nel 2016 è diventata il luogo dello storico incontro tra Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill e il Papa di Roma Francesco.

Miguel Díaz-Canel Bermudez ha osservato che il Primate della Chiesa ortodossa russa è sempre di nuovo il benvenuto a Cuba.

Il Presidente della Repubblica di Cuba ha anche sottolineato il ruolo e il significato della Chiesa russa dell'icona di Kazan della Santissima Madre di Dio all'Avana. «Vorrei dire che il lavoro della parrocchia è incentrato non solo sulla popolazione ortodossa di lingua russa, ma anche sui comuni cittadini di Cuba, al tempio si tengono molti eventi, sia di natura religiosa che finalizzati allo sviluppo dei contatti culturali », - ha sottolineato.

Nel prosieguo del colloquio, le parti hanno discusso gli argomenti sollevati, nonché alcune altre questioni di reciproco interesse.

(Fonte: Servizio di comunicazione del Decr/Patriarkhhija.ru)



<<Torna Indietro

Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Presidente di Cuba. Foto di Oleg Varov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono