Aprile 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


01/11/2022
Russia - Il Patriarca incontra Hissein Brahim Taha


Mosca, 1 novembre 2022 - Il 25 ottobre, nella Sala Rossa della Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha incontrato il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica (OIC) Hissein Brahim Taha.
Da parte della Chiesa ortodossa russa, all'incontro hanno partecipato l'archimandrita Filaret (Bulekov), vicepresidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca, e lo ieromonaco Grigorij (Matrusov), presidente del Consiglio di esperti sotto il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la cooperazione con il mondo islamico.

Tra i partecipanti c’erano anche: il rappresentante permanente della Federazione Russa presso l'Organizzazione per la Cooperazione Islamica R.G. Abdulatipov; il rappresentante speciale del ministro degli Esteri per la cooperazione con le organizzazioni degli Stati musulmani, ambasciatore generale del Ministero degli Esteri russo K.V. Shuvalov.

L'Organizzazione per la Cooperazione Islamica era rappresentata dal vice Segretario Generale dell'OIC per gli Affari Politici Yousef Aldubey, dal vice Segretario Generale dell'OIC per gli Affari Umanitari, Culturali e Sociali, inviato Speciale del Segretario Generale per l'Afghanistan Tarik Bakhit, dal vice Segretario Generale dell'OIC per la Scienza e la Tecnologia Askar Musinov.





Sua Santità il Patriarca Kirill ha accolto il Segretario Generale dell'OIC nella capitale russa, osservando: «La Russia è un Paese multinazionale e multiconfessionale. La Russia è probabilmente un fenomeno unico nella storia: non ci sono mai state guerre di religione nel nostro Paese. Purtroppo, la Russia è stata molto spesso oggetto di desideri da parte di Stati stranieri, e quindi abbiamo dovuto lottare più volte per la nostra indipendenza e libertà. Due guerre mondiali hanno attraversato il nostro Paese nel modo più difficile, ed è stata la Russia a subire le maggiori perdite. Devo dire che in queste guerre ortodossi e musulmani erano insieme: abbiamo lottato per la libertà e l'indipendenza del nostro Paese».

Sua Santità ha affermato che i rapporti di cooperazione tra la Chiesa ortodossa e la comunità islamica si stanno sviluppando attivamente nella Russia moderna, sia in quelle regioni dove l'islam è rappresentato da un gran numero di popolazione, sia dove i musulmani costituiscono una piccola parte della società.

Durante la conversazione, il Patriarca Kirill ha condiviso con H.B. Taha la loro comprensione degli eventi che si svolgono nel mondo. «Il sistema di sicurezza, il sistema delle relazioni internazionali, istituito più di 70 anni fa dopo la seconda guerra mondiale, sembra scomparire. Ci sono molte minacce che possono causare danni tragici all'intera civiltà umana», - ha osservato Sua Santità Vladyka con rammarico. A suo avviso, nella situazione attuale, i leader religiosi, che hanno una responsabilità speciale per la pace e l'armonia nella società umana, dovrebbero impegnarsi attivamente nella lotta per la pace: «Sia i cristiani che i musulmani hanno un grande potenziale – attraverso sforzi umani, intellettuali, culturali, finanziari e congiunti, possiamo fare molto per rendere il mondo un posto migliore e più pacifico».

Rivolgendosi al Segretario Generale dell'Oic, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha detto: «Mi sembra che le relazioni tra ortodossi e musulmani possano svilupparsi in direzioni diverse sia su base bilaterale che sulla base dell'interazione tra organizzazioni internazionali». Secondo Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, ortodossi e musulmani dovrebbero avere una piattaforma di discussione, un forum per lo scambio di opinioni, per verificare i corsi, per sviluppare tali posizioni su questioni sociali e internazionali che potrebbero incontrare gli interessi di tutte le persone.

Da parte sua, il Segretario Generale dell'Organizzazione per la cooperazione islamica ha notato che è stata una grande gioia e un onore per lui incontrare per la prima volta il Patriarca Kirill.

Ha affermato l'importanza di discutere le modalità per sviluppare la cooperazione e la convivenza di cristiani e musulmani, nonché le azioni congiunte nel campo del mantenimento della pace.

«Oggi le persone sono minacciate da una minaccia terroristica, essa colpisce il mondo intero», - ha affermato H.B. Taha. «I terroristi combattono contro i musulmani, contro i cristiani. Questa è una minaccia globale che può essere superata solo insieme. Oggi dobbiamo essere uniti contro quei discorsi che incitano all'odio: sono spesso diffusi sui social network e le giovani generazioni, in particolare, ne soffrono. Dobbiamo combattere insieme questa minaccia».

Hissein Brahim Taha ha sottolineato l'importanza di tali formati di cooperazione interreligiosa, come il recente Congresso dei Leader delle Religioni mondiali e tradizionali tenutosi nella capitale del Kazakistan. «Sosteniamo attivamente tali iniziative e abbiamo partecipato personalmente al forum», - ha affermato. «Penso che il modo migliore per combattere l'estremismo sia incontrarsi e dialogare».

Il Segretario Generale dell'OIC, rivolgendosi a Sua Santità il Patriarca Kirill, ha detto: «Credo che, a partire da oggi, potremmo tenere incontri regolari, dialogare per dare una risposta ai fenomeni che sono presenti nella vita moderna». Ha sottolineato che i 57 paesi membri dell'Organizzazione per la cooperazione islamica «sono pronti a combattere il terrorismo e vari altri fenomeni che rappresentano una minaccia».

Nel prosieguo del colloquio, Sua Santità il Patriarca Kirill ha condiviso con i partecipanti all'incontro le sue riflessioni sull'importanza del fattore morale nella vita della civiltà umana e sulle conseguenze del rifiuto delle norme morali da parte della società, suggerendo che questo tema suscita anche preoccupazione tra rappresentanti dell'islam.

Ha sottolineato che ci sono molte civiltà nel mondo e rappresentanti di alcuni modelli di civiltà mettono in primo piano la lotta per i diritti e le libertà umani . «Questo è un bene, - ha sottolineato il Patriarca Kirill, - ma spesso non si tiene conto del fattore morale, della dimensione morale della vita umana. Con il pretesto della presunta protezione dei diritti e delle libertà, c'è una sorta di adorazione della persona e accettazione di essa con tutte le sue passioni, vizi, in un certo senso, la giustificazione di molte passioni e vizi. Una tale dichiarazione della libertà della persona umana trascura molto spesso i fattori morali e le restrizioni morali che una persona deve imporsi per non seguire la via del male».

«Oggi ritengo molto importante un dialogo tra cristiani e musulmani a sostegno dei comandamenti e delle norme divini a noi comuni, che determinano i parametri della vita umana, i confini di ciò che è lecito per una persona. Percepiamo la tendenza alla distruzione della moralità umana come estremamente pericolosa e sfida l'esistenza stessa delle persone e delle società», - ha sottolineato Sua Santità il Patriarca Kirill.

(Fonte: Servizio di informazione del Decr/Patriarkhhija.ru)


<<Torna Indietro

Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Mosca - Incontro di Sua Santità il Patriarca Kirill con il Segretario Generale dell'Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Foto: Sergej Vlasov.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono