17/09/2022
Russia - Visita primaziale a Norilsk


Norilsk, 17 settembre 2022 - Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, in visita alla diocesi di Norilsk, ha visitato la colonia penale n. 15 di correzione nella città di Norilsk (Territorio di Krasnoyarsk). La colonia contiene maschi che sono stati condannati per la prima volta al carcere.

Nella Chiesa della Grande Martire Anastasija, nel territorio della colonia, il Primate della Chiesa ortodossa russa è stato accolto dal metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, dal vescovo Agafangel di Norilsk e Turukhansk , e dal vicecapo del Servizio penitenziario federale russo (Gufsin) per il Territorio di Krasnoyark, colonnello del servizio interno A.N. Lukhanin, dal capo dell'IK-15, colonnello del servizio interno N.V. Gurijanov.





Sua Santità il Patriarca Kirill si è recato al blocco del lavoro educativo, dove ha conosciuto l'esposizione «Organizzazione dell'interazione tra la metropolia di Krasnoyarsk della Chiesa ortodossa russa e i dipartimenti del Gufsin della Russia nel Territorio di Krasnoyarsk», ed ha anche esaminato la palestra, la biblioteca, il club.

Nella Chiesa della Grande Martire Anastasija, Colei che allevia le sofferenze dei prigionieri, Sua Santità Vladyka ha svolto un servizio di preghiera (moleben) per i detenuti.

Hanno concelebrato con Sua Santità: il decano del Servizio carcerario della metropolia di Krasnoyarsk, sacerdote Rodion Petrikov, assistente capo del Servizio penitenziario federale (Gufsin) per il Territorio di Krasnoyarsk per l'organizzazione del lavoro con i credenti; il sacerdote Aleksandr Popov, capo del dipartimento per il ministero carcerario della diocesi di Norilsk, rettore della Chiesa della Grande Martire Anastasija, la Risolutrice, nel territorio dell’ FKU IK-15.

Hanno pregato durante il servizio divino il metropolita Dionisij di Voskresensk, il vescovo Agafangel di Norilsk e Turukhansk, il vicecapo del Gufsin per il Territorio di Krasnoyarsk, colonnello del servizio interno A.N. Lukhanin, il capo dell'IK-15, colonnello del servizio interno N.V. Guryanov, gli impiegati della colonia, i detenuti.

Alla litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere.

Il Primate della Chiesa russa ha benedetto le icone dipinte dal condannato dell’ IK-27 (Krasnoyarsk) Dmitry Fedyaev, vincitore del concorso panrusso di pittura di icone tra i detenuti, tenutosi nel 2022. Le icone benedette saranno donate a varie colonie del Territorio di Krasnoyarsk in ricordo della visita di Sua Santità il Patriarca all’IK-15.

Quindi Sua Santità Vladyka si è rivolto a coloro che erano riuniti nel tempio con la parola primaziale.

Sua Santità il Patriarca Kirill ha donato al tempio l'icona dell'Intercessione della Santissima Madre di Dio e a tutti i fedeli presenti nel tempio piccole icone della Grande Martire Anastasija la Risolutrice, con la benedizione patriarcale.

Il rettore del tempio, sacerdote Aleksandr Popov, ha rivolto parole di benvenuto al Primate e ha presentato in dono a Sua Santità le icona di Sant'Anastasija, la Risolutrice, dipinte dai detenuti.

Inoltre, Sua Santità il Patriarca Kirill ha visitato la cappella in onore dei Reali Portatori della Passione nel territorio del distaccamento di severe condizioni per scontare la pena, dove ha parlato con due detenuti e ha consegnato loro le icone della Madre di Dio di Kazan.

Al termine della visita, Sua Santità ha incontrato il personale dell’IK-15 e SIZO-4 a Norilsk. Rivolgendosi ai dipendenti degli istituti penitenziari, Sua Santità, in particolare, ha detto:«Nelle condizioni in cui si presta servizio, è molto importante prendersi cura non solo della salute fisica, ma anche dello stato d'animo. Dopotutto, accanto a voi ci sono i detenuti: persone che hanno deviato dalla norma morale nelle loro vite, hanno perso la comprensione di ciò che è buono e ciò che è male. Alcuni sono sorpresi: "Com'è? È appena uscito di prigione e sta di nuovo infrangendo la legge”. Perché sta succedendo questo? Perché sta succedendo? E questo accade perché l'idea del bene e del male di una persona è stata distrutta.

L'uomo si differenzia dagli animali proprio per la sua capacità di distinguere il bene dal male. E la forza che ci aiuta a distinguere tra il bene e il male è la nostra coscienza. Perché le persone vanno in prigione più volte? La coscienza è distrutta, questo sistema di segnalazione che imposta una persona, che lo aiuta a non diventare una bestia. Quindi si verifica un'offesa e poi una ricaduta: una persona non può più fermarsi, evitare atti sbagliati, malvagi, viziosi e criminali.

Ma voi siete vicini ai detenuti, e quindi, prima di tutto, vorrei augurarvi di mantenervi in quel sistema di valori che protegge ciascuno di noi dalla perdita di coscienza. Certo, siete tutti sotto giuramento, in un sistema di una certa disciplina ufficiale, ma, oltre alle norme della disciplina, molto dipende da come la persona stessa si relaziona con gli altri. Fate che i vostri rapporti con le altre persone, specialmente con i detenuti, non entrino mai in conflitto con le norme della Carta. Ma, d'altra parte, è importante che la coscienza non venga distrutta in queste relazioni. Allora l'adempimento dei vostri doveri ufficiali avrà successo e non violerete mai la legge più importante: la legge di Dio, che si riflette in ognuno di noi nella voce della nostra coscienza.

Auguro a tutti voi salute, forza, aiuto di Dio, successo nel vostro importantissimo lavoro. Lasciate che tutto sia al sicuro e felice nella vostra vita personale e familiare. Dio vi benedica, miei cari».

Sua Santità il Patriarca Kirill ha consegnato le icone della Grande Martire Varvara a tutti i dipendenti, le icone del principe Pietro e della principessa Fevronia alla guida dell'istituto di correzione.

______


Il clero della diocesi di Norilsk fornisce assistenza alla colonia n. 20 e alla colonia correttiva n. 15 di regime rigoroso, nonché al centro di detenzione preventiva n. 4 a Norilsk. In ciascuna istituzione, il lavoro viene svolto nell'ambito degli accordi firmati dalla diocesi di Norilsk e dalla direzione del Servizio penitenziario federale per la città di Norilsk.

Nel territorio dell’ IK-15 c'è una chiesa dedicata alla Grande Martire Anastasija, Colei che allevia le sofferenze dei prigionieri, nel territorio del KP-20 c'è una cappella domestica dell'apostolo Andrea il Primo Chiamato, nel Sizo-4 c'è una chiesa di San Simeone, Portatore di Dio. In ogni chiesa la Divina Liturgia si celebra con regolarità una volta a settimana o ogni due settimane, si celebrano i sacramenti della Confessione, del Battesimo, dell'Unzione e della Comunione.

Con la benedizione del Vescovo diocesano, il clero del dipartimento partecipa all’iniziativa «Settimana di preghiera».

Il vescovo in carica della diocesi di Norilsk visita regolarmente gli istituti di correzione durante i giorni di Natale e Pasqua.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono