10/09/2022
Russia - Riunione del Consiglio di Sicurezza


Mosca, 9 settembre 2022 – Il presidente Vladimir Putin ha tenuto una riunione operativa con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza in videoconferenza.
All'incontro hanno partecipato il presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko, il presidente della Duma di Stato Vjacheslav Volodin, il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitrij Medvedev, il capo dell’Amministrazione presidenziale Anton Vajno, il segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolaj Patrushev, il ministro dell'Interno Vladimir Kolokoltsev , il ministro degli Esteri Sergej Lavrov, il ministro della Difesa Sergej Shojgu, il direttore del Servizio di Sicurezza federale Aleksandr Bortnikov, il direttore del Servizio di Intelligence estero Sergej Naryshkin.

* * *

Vladimir Putin: Cari colleghi, buon pomeriggio!

Oggi abbiamo una questione molto importante: fornire alloggi ai militari delle Forze Armate della Federazione Russa e ad altre truppe, formazioni e corpi militari. Un numero significativo di relatori si è preparato su questo tema. Ora ci occuperemo di questo problema per il quale ci siamo riuniti.

Ma prima di iniziare, vorrei ringraziare tutti coloro che hanno preso parte alla preparazione del Forum economico asiatico. Si è rivelato estremamente efficace e ha prodotto buoni risultati. Il forum è diventato un evento tradizionale. I partecipanti hanno sollevato molte questioni importanti, firmato molti contratti e tenuto molti discorsi utili. Quindi grazie mille.

Una delle questioni acute che sono state discusse lì è stata la fornitura di cibo e fertilizzanti russi ai mercati mondiali. A questo proposito, vorrei rivolgermi prima di tutto al Ministero degli Esteri e chiedere a Sergej Viktorovich [Lavrov] quanto segue.

In primo luogo, ho parlato lì della fornitura di grano, anche dall'Ucraina. Come ricordiamo, ciò avviene attraverso la mediazione della Repubblica di Turchia, oltre che dell’Onu. E i nostri partner europei ci parlano da tempo della necessità di organizzare tali consegne, anche dall'Ucraina, e soprattutto nell'interesse dei paesi più poveri.

Ne ho parlato anche io al forum.

Ora abbiamo sentito che alcuni dei nostri partner stanno mettendo in dubbio ciò che è stato detto su queste consegne di grano dall'Ucraina. Ma abbiamo ogni mossa registrata, non ci possono essere errori lì. Delle 87 navi che hanno lasciato i porti ucraini trasportando grano, 32 sono rimaste in Turchia, e penso che questo sia assolutamente normale, perché la Turchia, paese ospite di tutto questo processo, ha certamente il diritto di farlo. Tre sono andate in Sud Africa, tre in Israele, sette in Egitto, 30 nell'Unione europea e solo due navi si sono dirette verso i paesi più poveri nell'ambito dei programmi alimentari delle Nazioni Unite: Yemen e Gibuti. Trasportavano 60.000 tonnellate di grano, ovvero solo il 3%.

Chiedo al Ministero degli Esteri di tenerne conto nei contatti con i nostri partner, comprese le Nazioni Unite. Certo, non possiamo influenzare questo processo, quanto cibo va dove, ma nel complesso pensiamo ancora che sia giusto aumentare le forniture ai paesi più poveri. E chiederei al nostro Ministero degli Esteri di procedere da questa posizione. Controlliamo tutto ciò che accade lì, ma, ovviamente, non possiamo influenzare la direzione di questo grano.

A maggio-agosto di quest'anno, la stessa Federazione Russa ha fornito 6,6 milioni di tonnellate di grano ai mercati mondiali: grano, orzo, mais, di cui 6,3 milioni di tonnellate sono state consegnate ai paesi dell'Asia, dell'Africa e dell'America Latina. In totale, entro la fine dell'anno forniremo 30 milioni di tonnellate di grano e siamo pronti ad aumentare questo volume a 50 milioni di tonnellate o più, perché, grazie a Dio, quest'anno abbiamo un buon raccolto.

Il secondo argomento sono i fertilizzanti. Per quattro mesi dell'anno in corso, la Russia ha consegnato all'estero sette milioni di tonnellate di fertilizzanti. Quest'anno, la Russia ha esportato 7 milioni di tonnellate di potassio, azoto e fertilizzanti composti o misti in quattro mesi, di cui circa 3 milioni di tonnellate, o quasi la metà, sono andate anche in Asia, Africa e America Latina. Siamo in grado di fornire circa 2 milioni di tonnellate di ammoniaca, che possono essere utilizzate per produrre grandi quantità di fertilizzante, che a sua volta può essere utilizzato per produrre enormi raccolti di grano.

Ci sono problemi tecnici qui che vengono risolti, anche attraverso le Nazioni Unite. Ho incaricato il vice primo ministro del governo russo, Andrej Removich Belousov, di occuparsi di questo. È in contatto con i colleghi dell'Onu. Vorrei anche chiedere al Ministero degli Esteri di partecipare e accompagnare questi colloqui e aiutare in questo. Ci sono problemi tecnici, ma possiamo organizzare tali consegne.

Siamo consapevoli che la Commissione europea ha revocato le sanzioni sulle forniture di fertilizzanti russi e certamente accogliamo con favore questa decisione. Tuttavia, il 10 agosto la Commissione europea ha emesso un chiarimento in merito, in base al quale solo i paesi dell'Ue possono acquistare i nostri fertilizzanti, ma noi e la Bielorussia non possiamo spedire i nostri fertilizzanti attraverso i porti dei paesi europei verso le economie in via di sviluppo dell'Asia, dell'Africa o dell'America Latina. Ma questo discrimina i nostri partner in Asia, Africa e America Latina.

Vorrei chiedere al Ministero degli Esteri di collaborare con i nostri partner e le Nazioni Unite, che hanno unito gli sforzi per affrontare questi problemi. Credo che la discriminazione nei confronti dei paesi asiatici, africani o latinoamericani sia inaccettabile. In ogni caso, esamineremo le proposte dei nostri partner europei in merito alla fornitura di fertilizzanti a loro, ma dobbiamo risolvere le questioni relative alla fornitura di fertilizzanti ad altri paesi. A proposito, chiederei anche al Ministero degli Esteri di sostenere la fornitura di fertilizzanti bielorussi.

Una grande quantità dei nostri fertilizzanti si è accumulata (credo siano centomila tonnellate) in alcuni porti dei paesi europei. I nostri produttori – penso che stiamo parlando principalmente di fertilizzanti a base di potassio – sono pronti a trasferirli gratuitamente nei paesi in via di sviluppo che hanno un disperato bisogno di questi fertilizzanti. Chiedo al Ministero degli Esteri di lavorare anche su questo tema.

Passiamo all'argomento principale.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

 Mosca - Il presidente Vladimir Putin durante l'incontro con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza ( in videoconferenza).
Mosca - Riunione con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza (in videoconferenza).
 Mosca - Il presidente Vladimir Putin durante l'incontro con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza ( in videoconferenza).
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono