01/09/2022
Russia - Liturgia patriarcale a Mosca


Mosca, 1 settembre 2022 - Nella festa dell'icona del Don della Madre di Dio, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia nella Grande Cattedrale del Monastero stavropegico del Don di Mosca. Il 1 settembre si celebra anche la Giornata della conoscenza. In questo giorno, la Chiesa ortodossa russa prega per insegnanti e studenti.
All'arrivo nella cattedrale, Sua Santità il Patriarca Kirill si è inchinato dinanzi alla miracolosa icona del Don della Madre di Dio, che, secondo una tradizione consolidata, è stata portata nel Monastero del Don dalla Galleria statale Tretjakov alla vigilia della festa. L'icona del Don rimarrà nella Grande Cattedrale del monastero fino alle 10.00 del 2 settembre. Per tutto questo tempo davanti all'immagine sacra vengono eseguite le preghiere con la lettura dell’akathistos.
Durante la Liturgia hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Feognost di Kashira, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, vicario del Monastero del Don; il vescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk, capo del Segretariato amministrativo del Patriarcato di Mosca; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la città di Mosca; l'archimandrita Aleksij (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l’igumeno Nikita (Vikhlyaev), abitante del Monastero del Don; l'arciprete Viktor Krizhanovsky, chierico del Monastero del Don; gli abitanti del Monastero del Don consacrati al sacerdozio; il clero di Mosca.

Gli inni liturgici sono stati eseguiti dal coro del Monastero del Don (diretto da P.V. Muntjan).

Al servizio divino hanno partecipato: il direttore generale della Galleria statale Tretjakov Z.I. Tregulova; il capo curatore della Galleria statale Tretjakov T.S. Gorodkov; il rettore facente funzione dell'Università statale di Tecnologia e Management di Mosca «K.G. Razumovsky», A.S. Mironov.

Nel tempio erano presenti i soldati della guardia d'onore del reggimento Semenovsky e i rappresentanti dei cosacchi.

Il servizio patriarcale è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore» e sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarhiya.ru. Un grande schermo è stato installato sulla piazza della cattedrale del Monastero del Don, su cui è stato trasmesso il servizio divino dalla Grande Cattedrale.
Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere per la conservazione della creazione di Dio e per l'inizio dell'anno scolastico.

Al termine della litania della «supplica intensa», Sua Santità Vladyka ha pregato per il benessere del mondo e per gli insegnanti e gli studenti.

Nel corso della Liturgia il Primate della Chiesa ortodossa russa ha ordinato al rango di presbitero il diacono Vladimir Minaev, chierico della Chiesa dell'Ascensione del Signore sul campo di Gorokhovo a Mosca.

Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dallo ieromonaco Filaret (Berdnikov), abitante del Monastero del Don.

Al termine della Liturgia Sua Santità il Patriarca Kirill ha compiuto il servizio di lode (slavlenie) e ha pregato dinanzi all'icona del Don della Madre di Dio.

Poi Sua Santità Vladyka si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.

A nome degli abitanti e dei parrocchiani del Monastero del Don, il metropolita Feognost di Kashira ha ringraziato il Primate per la sua speciale attenzione al monastero e per l'opportunità di pregare presso l'icona miracolosa del Don della Madre di Dio in questo giorno. Il vicario del monastero ha presentato in dono a Sua Santità un'icona dei Primati di Mosca.

Ai credenti sono state consegnate piccole icone della Madre di Dio del Don con la benedizione patriarcale.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono