28/07/2022
Russia - Nella festa del Battesimo della Rus'


Mosca, 28 luglio 2022 - Nel giorno della memoria del Santo Principe Vladimir, uguale agli Apostoli, giorno della festa Chiesa-Stato del Battesimo della Rus’, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato il Divina Liturgia nella Cattedrale patriarcale della Dormizione del Cremlino di Mosca.
Il Consiglio dei Vescovi della Chiesa ortodossa russa, tenutosi dal 24 al 29 giugno 2008 a Mosca, in memoria del Battesimo della Rus’, ha deciso nel giorno del Santo Principe Vladimir, uguale agli Apostoli, il 15/28 luglio, «di celebrare il servizio divino secondo lo statuto della grande festa, rendendo il dovuto onore al Battista della Rus’».

Durante la Liturgia hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Pavel di Krutitsij e Kolomna, vicario patriarcale della metropolia di Mosca; il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore de Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la città di Mosca; il metropolita Antonij di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca; il metropolita Feognost di Kashira, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo; l'arcivescovo Matfej di Yegoryevsk; il vescovo Paramon di Naro-Fominsk; il vescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk, capo del Segretariato amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Serafim dell'Istra, presidente del Dipartimento sinodale per la gioventù; il vescovo Sava di Zelenograd, vicedirettore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Evfimij di Lukhovitsy, presidente del Dipartimento missionario sinodale; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ per la città di Mosca; l'archimandrita Aleksej (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; i decani dei distretti ecclesiastici, i vicari dei monasteri stavropegici, gli abati e i chierici della capitale e delle chiese della regione di Mosca.

È stata portata nella Cattedrale della Dormizione dalla Cattedrale di Cristo Salvatore
un'arca con una particella delle reliquie del Santo Principe Vladimir, uguale agli Apostoli.

Hanno pregato durante il servizio patriarcale il presidente del consiglio di vigilanza del movimento pubblico panrusso «Russia ortodossa» M.M. Ivanov, le igumene, i monaci e le monache di Mosca e dei monasteri stavropegici, i parrocchiani delle chiese di Mosca e i pellegrini.

Tra coloro che hanno pregato durante la Liturgia c'erano i bambini giunti a Mosca dalle famiglie colpite della Repubblica popolare di Donetsk, nonché dalle zone liberate della regione di Kharkov e della Repubblica popolare di Lugansk.

I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro della Chiesa dell'icona della Madre di Dio di Chernigov del villaggio di Sanino, nella regione di Vladimir (diretto da I.I. Kaprelyants).

Il servizio divino è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore» e sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa, Patriarhiya.ru.

Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere speciali, redatte per la festa del Battesimo della Rus':«Ringraziando con timore e tremore, come servi inutili, per la Tua bontà, nostro Salvatore e Maestro, Signore, per le Tue grazie, riversate sulla terra russa dal suo Battesimo fino ad oggi, ci prostriamo e rendiamo lode a Te, Signore, e con tenero grido chiediamo: libera il Tuo popolo da ogni afflizione e sempre, Misericordioso, esaudisci le nostre richieste nel bene, Ti preghiamo diligentemente, ascolta e abbi pietà.

Ti preghiamo, o Signore Onnipotente, di contemplare e affermare questa vigna, piantarla e proteggerla da tutte le calunnie del nemico e, negli anni a venire, concedi pace e serenità alla Tua eredità, che la Santa Rus’ non sia sminuita e scossa, Tu l’hai scelta come Tua dimora, in essa sia glorificato il Tuo Santo Nome, Signore, ascolta presto e abbi pietà.

Avendoci dato il Tuo comandamento di amare Te, nostro Dio, e il Tuo prossimo, fa che l'odio, l'inimicizia, il risentimento e le altre iniquità cessino, e il vero amore regni nei nostri cuori, Ti preghiamo nostro Salvatore, ascolta con benevolenza e abbi pietà presto».

Sua Santità il Patriarca Kirill ha letto una preghiera: «Dio Trinitario, Padre Onnipotente, Figlio Unigenito, Salvatore del mondo e Spirito Santo, illumina e santifica le tribù e i popoli! Anche vladyka della Terra Russa, il principe Vladimir, istruì alla luce della vera fede, e così illuminò tutto il nostro paese con il Battesimo e con una schiera di santi, come stelle luminose che adornano il cielo della nostra Chiesa, donando splendore! E noi, loro figli umili e indegni, che ora vengono alla Tua gloria e portano preghiere di ringraziamento cantando per tutte le buone azioni che sono state compiute in Russia dai tempi antichi fino ad oggi. Guarda il Tuo campo seminato, la Santa Chiesa, i paesi e i popoli che successivamente hanno accolto la fede ortodossa dall’unico fonte battesimale nelle acque del Dnepr e ora Ti portano, come il bel frutto della semina salvifica della Tua Parola, i volti dei santi. Perché il Tuo popolo con fede, speranza e amore, immagine della parola e della vita ha mostrato la via della perfezione secondo il comandamento di Cristo: perciò siate perfetti, poiché anche il Vostro Padre celeste è perfetto. Conservando questa loro santa eredità, Ti preghiamo, Datore di vita: salva e abbi pietà di noi, dona la pace a tutta la Tua creazione, che, attraverso il nostro peccato, i figli di questo tempo stanno cercando di distruggere. Tu non vuoi la morte dei peccatori ma la loro salvezza. Guarda verso di noi, che rimaniamo nei peccati, allontana la Tua ira, giustamente mossa contro di noi, concedici il pentimento e abbi pietà di noi con la Tua inesprimibile misericordia. Accogli le nostre preghiere e le nostre fatiche per la moltiplicazione dell'amore tra tutte le persone di questo mondo. Proteggi la nostra terra, rendi le autorità più sagge, conforta e pacifica tutti, accresci la tua Chiesa, conserva la Tua eredità, uomini e donne e bambini, illumina con la grazia e conferma tutto il Tuo popolo nell'Ortodossia e nella pietà con le preghiere della Tua purissima Madre, per la potenza della Croce onesta e vivificante e di Tutti i santi, che hanno illuminato la nostra Terra, sì, nell'unità della fede e dell'amore, glorifichiamo Te, il Padre e il Figlio e lo Spirito Santo, nei secoli dei secoli».

Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dal chierico della Cattedrale della Teofania in Yelokhovo, a Mosca, arciprete Boris Obrembalsky.






Al termine della Liturgia, Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli: «Ora faremo un servizio di preghiera (moleben). Cominciamo da qui, nella Cattedrale della Dormizione, e poi tutti insieme ci sposteremo al monumento al principe Vladimir e lì, al monumento, completeremo la nostra preghiera cantando e l'odierna celebrazione liturgica del grande e salvifico giorno in cui ricordiamo il principe Vladimir, che battezzò la Rus’, condusse il nostro popolo fuori dalle tenebre del paganesimo, e aprì la vera via all'acquisizione della santità e della virtù - tutto ciò è diventato il nucleo spirituale del nostro popolo. E Dio non voglia che questo fondamento non venga mai scosso da nessuna circostanza. Se attorno a questo nucleo si formano la vita di una persona, la sua cultura, la sua educazione, la sua attività professionale, e soprattutto la sua vita personale, allora saremo i veri eredi del grande tesoro tramandatoci dai nostri pii antenati, che lo hanno ricevuto dal santo principe Vladimir, uguale agli Apostoli. Con le sue preghiere, il Signore protegga la terra russa. Amin».
Poi si è svolta la processione religiosa attraverso le porte Borovitsky del Cremlino fino al monumento al santo principe Vladimir, uguale agli Apostoli, dove Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha guidato il canto di preghiera (moleben).

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)



<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono