22/07/2022
Turchia - La Russia firma l'accordo sul grano


Istanbul, 22 luglio 2022 - La Russia ha firmato documenti sulla revoca delle restrizioni alla fornitura di prodotti russi per l'esportazione e sull'agevolazione dell'esportazione di grano ucraino, riferisce il corrispondente di RIA Novosti.
Come ha sottolineato il ministro della Difesa russo Sergek Shojgu, il documento prevede il coinvolgimento delle Nazioni Unite nel lavoro per revocare le restrizioni all'esportazione di prodotti agricoli e fertilizzanti dalla Russia ai mercati mondiali.
L'accordo prevede inoltre:

- l'esportazione di grano ucraino attraverso il Mar Nero avverrà da tre porti: Odessa, Chornomorsk e Yuzhny;
- lo sminamento nelle acque territoriali ucraine non sarà effettuato, poiché ci vorrà troppo tempo;
- le navi con grano lasceranno il Mar Nero lungo il corridoio sicuro concordato, saranno scortate da piloti ucraini;
- per verificare la sicurezza delle rotte, le parti potranno inviare dragamine;
- il processo sarà monitorato da un centro di coordinamento patrocinato dall'Onu, che sarà prontamente creato ad Istanbul con la partecipazione di tutte e quattro le parti;
- non è prevista la scorta militare: alle navi da guerra, agli aerei e ai droni sarà vietato avvicinarsi alle navi a una distanza specificata;
- le navi dirette ai porti saranno sottoposte a screening per le armi da squadre di ispezione sotto il controllo del Centro congiunto di coordinamento;
- nei porti, rappresentanti di Onu, Turchia e Ucraina osserveranno il carico di grano;
- potenziali incidenti saranno trattati anche dal Joint Focal Point.

L'accordo sarà valido per 120 giorni, quindi è possibile una proroga.

Alla cerimonia hanno partecipato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. A nome della parte russa, i documenti sono stati firmati dal ministro della Difesa Sergej Shojgu.

Prima di questo, l' Ucraina ha firmato la sua parte dell'accordo.
L'Onu ha più volte messo in guardia sulla minaccia di una crisi alimentare per carenza di cereali, i paesi occidentali hanno accusato la Russia di bloccare i porti del Mar Nero. Mosca lo rifiuta categoricamente e sottolinea che la stessa Kiev ha creato numerosi ostacoli alle esportazioni: oltre ad appiccare il fuoco al grano nel porto di Mariupol, le truppe ucraine hanno minato il Mar Nero.
Vladimir Putin, a sua volta, ha sottolineato che la Russia non interferisce con l'esportazione di grano, e se l'Ucraina libera i porti dalle mine, le navi con cibo potranno partire senza problemi. Inoltre, il Capo di Stato ha ricordato l'esistenza di altre rotte per il trasporto di cereali: attraverso la Romania, il Danubio e il successivo movimento lungo il Mar Nero, attraverso la Polonia, attraverso la Bielorussia e attraverso i porti del Mar d'Azov .

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono