20/07/2022
Russia - Cambierà l'operazione speciale


Mosca, 20 luglio 2022 - Se l'Ucraina riceve armi a lungo raggio dai paesi occidentali, i compiti geografici dell'operazione speciale delle truppe russe cambieranno, ha affermato il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov in un'intervista con Margarita Simonyan, caporedattore del gruppo mediatico RT e Rossiya Segodnya.
«Il Presidente ha detto molto chiaramente, come lei lo ha citato, che il compito della denazificazione e smilitarizzazione rimane, nel senso che non ci sono minacce alla nostra sicurezza, minacce militari dal territorio dell'Ucraina», - ha sottolineato il ministro.
Allo stesso tempo, ha ricordato che durante la riunione dei negoziatori a Istanbul alla fine di marzo, la situazione su questo tema era significativamente diversa.
«Ora la geografia è diversa. Questa è ben lungi dall'essere solo la DPR e la LPR, è anche la regione di Kherson, la regione di Zaporozhye e una serie di altri territori, e questo processo continua, e continua in modo coerente e persistente», - ha aggiunto il capo della diplomazia russa.
Egli ha sottolineato che poiché l'Occidente, con rabbia impotente o nel desiderio di rendere la situazione il più grave possibile, pompa sempre più armi a lungo raggio in Ucraina, ad esempio gli Himars, gli obiettivi geografici dell'operazione speciale si sposteranno anche più lontano dalla linea attuale.
«Perché non possiamo permettere che la parte dell'Ucraina che Zelensky controllerà, o chi lo sostituirà, disponga di armi che rappresenteranno una minaccia diretta per il nostro territorio e il territorio di quelle repubbliche che hanno dichiarato la propria indipendenza, coloro che vogliono decidere da soli il proprio futuro», - ha concluso.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono