11/05/2022
Russia - Kiev blocca civili a Kramatorsk-Slavyansk


Mosca, 11 maggio 2022 - Le truppe ucraine hanno creato un'area fortificata nell'agglomerato Kramatorsk-Slavyansk, come in precedenza a Mariupol, e hanno bloccato 90.000 civili, ha affermato il colonnello generale Mikhail Mizintsev, capo del Centro di controllo della difesa nazionale russo.

«In aree densamente popolate, i militanti hanno collocato armi pesanti ed equipaggiamenti, punti di fuoco equipaggiati nelle case, mentre i residenti locali sono stati tenuti negli scantinati con il pretesto di garantire la loro sicurezza e sui muri degli edifici sono state apposite iscrizioni: «Attenzione! Bambini!», «I bambini sono qui! Non sparate!», - ha detto il generale.

Secondo lui, in totale, nelle zone residenziali e nei territori di oltre dieci grandi imprese industriali di Kramatorsk e Slavyansk, i nazionalisti hanno bloccato oltre 90.000 civili, nascondendosi dietro di loro come uno «scudo umano». I tentativi della popolazione civile di evacuare in aree sicure, sia verso la Russia che verso i territori controllati dalle autorità di Kiev, sono severamente repressi dai militanti del Battaglione Nazionale.

Mizintsev ha osservato che un cinismo speciale risiede nel fatto che «per raggiungere i suoi obiettivi criminali, il regime di Kiev è pronto a sacrificare migliaia di vite dei propri cittadini, il che copia completamente i metodi usati dai nazisti durante la Grande Guerra Patriottica per creare «città fortificate».

Il generale ha aggiunto che il Ministero della Difesa focalizza ancora una volta l'attenzione della comunità mondiale sul fatto che tali azioni dei neonazisti ucraini contro la popolazione civile sono contrarie a tutte le norme morali generalmente accettate, ai principi del diritto internazionale umanitario e sono di fatto crimini contro l'umanità e terrorismo, e i funzionari del regime di Kiev e gli autori diretti sono criminali di guerra e terroristi.

Ha invitato l'Onu, l'Osce, il Comitato internazionale della Croce Rossa e altre organizzazioni internazionali ad adottare tutte le misure per evacuare i civili.

Dal 24 febbraio la Russia sta conducendo un'operazione speciale per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina. Come ha sottolineato Vladimir Putin, il suo obiettivo è «proteggere le persone che sono state oggetto di persecuzione e genocidio dal regime di Kiev per otto anni». Secondo il Ministero della Difesa, l'esercito russo colpisce solo le infrastrutture militari e le truppe ucraine, nulla minaccia la popolazione civile. L'obiettivo principale dell'operazione nel dipartimento è la liberazione del Donbass.

(Fonte: RIA Novosti)



<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono