08/05/2022
Russia - Messaggi di congratulazioni di Putin


Mosca, 8 maggio 2022 – In occasione del 77° anniversario della Vittoria nella Grande Guerra Patriottica, il presidente russo Vladimir Putin ha inviato messaggi di congratulazioni ai leader e ai cittadini di Azerbaigian, Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan, Moldova, Tagikistan, Turkmenistan, Uzbekistan, Abkhazia, Ossezia del Sud, Repubblica popolare di Donetsk, Repubblica popolare di Lugansk, nonché ai popoli della Georgia e dell'Ucraina.
Egli ha notato che in questo giorno si rende omaggio e rispetto ai soldati e ai lavoratori del fronte interno, che hanno schiacciato il nazismo a costo di innumerevoli sacrifici e disagi.
«Oggi, è nostro comune dovere prevenire la rinascita del nazismo, che ha portato tante sofferenze a persone di diversi Paesi. È necessario preservare e trasmettere ai posteri la verità sugli eventi degli anni della guerra, i valori spirituali comuni e le tradizioni di amicizia fraterna», - dicono i messaggi. Vladimir Putin ha augurato che le nuove generazioni siano degne della memoria dei padri e dei nonni.
Nei suoi telegrammi di congratulazioni ai capi delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, Putin ha osservato che «oggi i nostri militari, come i loro antenati, stanno combattendo spalla a spalla per la liberazione della loro terra natale dalla sporcizia nazista», - esprimendo fiducia che «come nel 1945, la vittoria sarà nostra».
Inoltre, in un messaggio rivolto ai veterani della Grande Guerra Patriottica e ai cittadini ucraini, il Presidente della Russia ha sottolineato l'inammissibilità della vendetta sugli eredi ideologici di coloro che furono sconfitti in questa guerra.
Rivolgendosi ai leader e ai cittadini di stati stranieri, Vladimir Putin ha trasmesso parole di sincera gratitudine ai veterani del fronte e delle retrovie, augurando loro buona salute, prosperità e longevità.

Prima dell'inizio dell'operazione militare in Ucraina, il Capo di Stato ha sottolineato che la Russia non avrebbe commesso gli errori della leadership sovietica. Secondo lui, «il tentativo di placare l'aggressore alla vigilia della Grande Guerra Patriottica si è rivelato un errore che è costato caro al nostro popolo». Putin ha ricordato che nei primi mesi di ostilità l'Urss ha perso «territori enormi e strategicamente importanti e milioni di persone» e ha sottolineato che il Paese «non ha il diritto» di ripetere questi errori una seconda volta.

(Fonte: RIA Novosti; kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Il presidente russo Vladimir Putin.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono