01/05/2022
Russia - Anniversario della tragedia di Odessa


Mosca, 1 maggio 2022 - Nell'ottavo anniversario dei tragici eventi del 2 maggio 2014 a Odessa, quando le azioni dei nazionalisti hanno portato alla morte di 48 persone, i residenti locali non potranno onorare la memoria delle vittime, poiché le autorità cittadine impongono un «coprifuoco lungo».
Il presidente dell'amministrazione militare regionale di Odessa, Sergej Bratchuk, ha affermato in precedenza che sul territorio di Odessa sarebbe stato introdotto un coprifuoco «protratto», che durerà dalla sera del 1 maggio alle 5.00 del 3 maggio. Negli anni precedenti, a Odessa si sono svolti eventi commemorativi in occasione dell'anniversario degli eventi: i residenti della città hanno portato fiori, corone di fiori e lampade alla Casa dei sindacati sul campo di Kulikovo.

Nel pomeriggio del 2 maggio 2014 sono iniziate le risse tra attivisti anti-Maidan da un lato e ultras del calcio di Kharkov e Odessa, nonché partecipanti a Euromaidan, dall'altro. La lotta si è conclusa con la distruzione della tendopoli e l'incendio della Casa dei Sindacati, in cui si sono rifugiati i rappresentanti degli «anti-Maidan».
48 persone sono rimaste vittime della tragedia quel giorno, sei nell'area di Piazza Greca e il centro commerciale Athena (due di loro sono morti negli ospedali), 42 sul campo di Kulikovo e nella Casa dei Sindacati (tre sono morti negli ospedali). Sei persone sono morte per ferite da arma da fuoco, dieci sono cadute dalle finestre di un edificio in fiamme e si sono schiantate, 32 sono morte per ustioni e avvelenamento da monossido di carbonio. Più di 250 persone sono rimaste ferite.

Le organizzazioni internazionali hanno ripetutamente segnalato a Kiev la mancanza di progressi nelle indagini sulla tragedia di Odessa e chiedono alle autorità ucraine di punire i responsabili della morte di persone. Intanto il processo del caso si trascina e le indagini in realtà da otto anni non hanno fatto nulla per chiarire tutte le circostanze della tragedia.
In precedenza, il presidente Vladimir Putin ha detto in un discorso ai russi che Mosca avrebbe fatto di tutto per punire coloro che hanno brutalmente ucciso i manifestanti a Odessa.
«Questo mostruoso crimine non è stato ancora risolto, non è stato indagato. Kiev e i Paesi occidentali chiudono gli occhi su di esso, così come sul neonazismo, che sta crescendo in Ucraina come un tumore canceroso. Non dimenticheremo mai questo terribile crimine. Cercheremo di stabilire e punire tutti coloro che ne sono stati coinvolti», - ha scritto la portavoce delMinistero degli Esteri russo Maria Zakharova sul suo canale Telegram.

l'istituzione e la punizione di tutti coloro che ne sono stati coinvolti», - ha scritto la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova sul suo canale Telegram.

(Fonte: RIA Novosti)


<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono