21/01/2022
Russia - Riunione del Consiglio di Sicurezza


Mosca, 21 gennaio 2022 - Il presidente Vladimir Putin ha tenuto una riunione operativa con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza in videoconferenza.
All'incontro hanno partecipato il primo ministro Mikhail Mishustin, il presidente del Consiglio della Federazione Valentina Matvienko, il presidente della Duma di Stato Vjacheslav Volodin, il vicepresidente del Consiglio di Sicurezza Dmitrij Medvedev, il capo dell’Amministrazione presidenziale Anton Vajno, il segretario del Consiglio di Sicurezza Nikolaj Patrushev, il ministro della Difesa Sergej Shojgu, il ministro dell'Interno Vladimir Kolokoltsev, il direttore del Servizio di Intelligence estero Sergej Naryshkin, il rappresentante speciale del Presidente per la tutela ambientale, l'ecologia e i trasporti Sergej Ivanov e il ministro ad interim per la
Protezione Civile, delle Emergenze e del Soccorso in caso di calamità naturali Alexander Chuprijan.

* * *

Vladimir Putin: Colleghi, buon pomeriggio!

Oggi abbiamo la questione sulle misure aggiuntive per migliorare la sicurezza antincendio e ridurre i rischi di emergenze durante il periodo delle inondazioni. Tutto deve essere fatto in modo tempestivo, e oggi discuteremo le questioni proposte come principali all'ordine del giorno.

Ma prima di iniziare, vorrei soffermarmi separatamente su un argomento molto importante, importante per milioni di nostri cittadini. Si tratta della questione della previdenza. Di recente abbiamo deciso di aumentare le pensioni, di indicizzare le pensioni dei pensionati civili. E [questo argomento] è stato sollevato durante il congresso del partito Russia Unita e anche durante la mia recente conferenza stampa. Si tratta di sostenere il benessere e di mantenere in generale i redditi delle generazioni più anziane.

Come ho già detto, abbiamo deciso sui pensionati civili di aumentare le loro pensioni, a partire dal 1 gennaio, dell'8,6 per cento, che è al di sopra del tasso di inflazione dello scorso anno.

Ma, naturalmente, non dobbiamo dimenticare i pensionati militari. Ritengo necessario applicare lo stesso approccio ai pensionati militari e alle persone con uno status simile. Intendo i dipendenti in pensione del Ministero dell’Interno, della Guardia nazionale, del Ministero della Protezione Civile, delle Emergenze e del Soccorso in caso di calamità naturali, della Procura Generale, della Commissione Investigativa e di altre strutture. In generale, si tratta di circa 2,6 milioni di persone.

Come sapete, il piano iniziale era di adeguare le pensioni militari all'inflazione il 1 ottobre 2022, con un aumento del 4 per cento. Questo è chiaramente al di sotto del tasso di inflazione effettivo. Inoltre, queste persone avrebbero dovuto aspettare troppo a lungo questo aumento.

Propongo invece qui la seguente soluzione, ovvero: indicizzare le pensioni dei militari pensionati e delle persone ad essi equiparate già dal 1 gennaio di quest'anno, e non del quattro per cento, come previsto, ma a un tasso più alto - dell'8,6 per cento, come per tutti gli altri pensionati. Ripeto, questo è superiore all'inflazione effettiva dell'ultimo anno. E chiedo al Governo di attuare al più presto questa decisione, anche ricalcolando le pensioni già pagate per gennaio, in modo che i cittadini ricevano i fondi dovuti insieme alla prossima pensione.

Passiamo ora all'agenda di oggi.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Mosca – Il presidente Vladimir Putin incontra i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza (tenuto in videoconferenza).
Mosca – Il presidente Vladimir Putin durante l’incontro con i membri permanenti del Consiglio di Sicurezza (tenuto in videoconferenza).
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono