06/01/2022
Russia - Liturgia di San Basilio il Grande a Mosca


Mosca, 6 gennaio 2022 - Alla vigilia della Natività di Cristo (vigilia di Natale), Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia di San Basilio il Grande nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensk, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' a Mosca; il vescovo Feodorit di Zvenigorod, rettore dell'Accademia Teologica di Mosca; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; l'archimandrita Aleksej (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; il clero della città di Mosca.





I canti liturgici sono stati eseguiti dai cori patriarcale e da camera della Cattedrale di Cristo Salvatore (diretti da I.B. Tolkachev e S.N.Sokolovskaya).
Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere per l’eliminazione dell'infezione da coronavirus.
Al termine della litania il Primate della Chiesa ortodossa russa ha pregato per la diffusione dell’epidemia dannosa.
Nel corso della Liturgia, Sua Santità il Patriarca Kirill ha ordinato al rango di sacerdote il diacono Dimitrij Popov, chierico della Chiesa della Trinità vivificante presso l’ospedale Sheremetev (ora Istituto di ricerca per la medicina d'urgenza N.V. Sklifosovsky) a Mosca.
Il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo è stato pronunciato dall'arciprete Andrej Rakhnovsky, rettore della Chiesa della Deposizione della Veste della Santissima Madre di Dio a Leonovo di Mosca.
Il servizio divino è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore» e sul portale ufficiale della Chiesa ortodossa russa Patriarhiya.ru.
Al termine della Liturgia è stato cantato il tropario e il kontakion della festa della Natività di Cristo.





Sua Santità il Patriarca Kirill si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale.

«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

Venerabili vescovi, padri, fratelli e sorelle! Mi congratulo di cuore con tutti voi per essere entrati nella grande festa della Natività di Cristo.
Abbiamo servito il servizio divino, che, secondo la Regola, avrebbe dovuto essere svolto la sera, e la Liturgia - alla vigilia della festa stessa, di notte. I tempi sono cambiati, ma tutto si riflette nei nostri testi liturgici, e in questo senso possiamo affermare che con questo servizio divino entriamo davvero nella grande festa luminosa della Natività di Cristo.
Chiamiamo Cristo la Luce, come è chiamato nella Rivelazione divina, e non solo chiamato – Egli si è rivelato come una luce sul monte Tabor. Cos'è la luce? Tutti quelli che hanno studiato a scuola sanno che la luce è un'oscillazione elettromagnetica in un certo spettro. Ma questa luce è in questione nel Vangelo? Ovviamente no! Non è luce fisica, è luce divina; se volete, è lo spettro visibile dell'energia divina invisibile. E questa energia divina si rivela sotto forma di luce a persone con una visione spirituale speciale o, per volontà di Dio, in momenti speciali della storia umana. Sul monte Tabor le persone hanno visto questa luce, hanno toccato la presenza visibile della grazia divina. E per mezzo del Signore e Salvatore, che chiamiamo Luce del mondo, questa grazia divina mediante la Sua vita, mediante la Sua predicazione, mediante la Sua morte, mediante la Sua Risurrezione è presente oggi nel genere umano. I nostri occhi fisici, oscurati dal peccato, non vedono la grazia divina nel tempio oggi, ma questa luce del Tabor è qui, con noi, e si manifesta nei nostri cuori quando sono in grado di sentirne la presenza. È nella festa della Natività di Cristo, nella festa della Teofania, che un numero enorme di persone sente la presenza della grazia divina. Sono sicuro che molti di coloro che sono nella chiesa oggi hanno sentito questo respiro del potere di Dio, della grazia di Dio nei loro cuori.

La Chiesa chiama il Salvatore la Luce, ed Egli è veramente la Luce. Cosa fa la luce? Distrugge l'oscurità. Tutti coloro che guidano un'auto sanno quanto questo sia importante: il crepuscolo si è addensato, l'oscurità è arrivata ed è impossibile guidare, non importa quanto sia buona la macchina che hai. Accendi i fari, hai bisogno di una luce per vedere la strada; e se i fari non funzionano, allora non puoi andare. La luce di Dio, la luce di Cristo, è una specie di riflettore che illumina la giusta direzione della nostra vita. E se una persona spegne questo riflettore con la sua incredulità, la sua empietà, la sua negazione di Dio, le sue azioni peccaminose? Allora continua ad essere come sarà. Tu pensi di essere così forte? Guida lungo la strada buia. Hai paura che ci sia un abisso e potresti cadere? Bene, prenditi la responsabilità per te stesso. Hai paura che dietro l'angolo ti stia aspettando qualcosa di pericoloso per la vita? Vai comunque, ti sei preso la responsabilità di vedere cosa c’è davanti...

Ma noi, persone credenti, che sappiamo guidare una macchina e facciamo molte altre cose non peggiori di coloro che non credono in Dio, sappiamo che il Signore è la luce. Egli ci ha dato questa rivelazione, anche attraverso l'odierna giornata di luce. Il Signore è un Raggio luminoso e chiaro. Egli non predetermina la nostra vita, non ci trascina, proprio come una locomotiva trascina con sé le carrozze. Il Signore ci dà la libertà di andare avanti, ma illumina il nostro cammino. La Luce della Verità, apparsa attraverso la nascita del Figlio di Dio, ci dona la grazia. Il Signore ci ama qualunque cosa accada e la Sua luce divina ci mostra l'unico vero cammino verso il futuro.

Sappiamo quanti cataclismi ci sono nel mondo, quanti disordini, quanto sempre più complessa e pericolosa sia oggi la situazione internazionale, anche intorno al nostro Paese. Tutto questo lo vediamo, lo apprendiamo attraverso i media, ma dobbiamo chiedere al Signore di accendere la luce della Sua grazia davanti agli occhi di chi è al potere, e di tutto il nostro popolo, e dell'intero genere umano, perché solo seguendo questo raggio di luce divina puoi evitare i cataclismi che stanno scuotendo l'umanità oggi.

Crediamo che il Signore sia con noi, come ci ha detto oggi con parole meravigliose: Dio è con noi! Comprendete, nazioni, e pentitevi, perché Dio è con noi (Is 8, 9-10). Lo stesso Dio Che ci dà la giusta linea guida nel nostro percorso di vita; e non ci resta che chiedere al Signore di avere abbastanza intelligenza per attraversare la vita, guidati da questa linea guida, questa luce che la potenza divina ci offre come stella polare che ci aiuta a superare i pericoli, le difficoltà, le tentazioni e i peccati di questa vita e di condurci nel Regno eterno e Divino. Amin».

Nella notte tra il 6 e il 7 gennaio, nella festa della Natività di nostro Signore Dio e Salvatore Gesù Cristo, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill celebrerà il servizio di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Mosca - Servizio patriarcale alla vigilia di Natale nella Cattedrale di Cristo Salvatore.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono