22/10/2021
Russia/Israele - Incontro tra Putin e Bennett


Sochi, 22 ottobre 2021 – Il presidente Vladimir Putin ha incontrato il primo ministro dello Stato di Israele Naftali Bennett presso la residenza Bocharov Ruchej a Sochi.
Inizio dei colloqui russo-israeliani
Vladimir Putin: Caro signor Primo Ministro!
Prima di tutto, vorrei ringraziarVi per aver accettato l'invito e per essere venuto in Russia. Ancora una volta, mi congratulo con Voi per essere il capo del governo israeliano. Possiamo dire che la Vostra visita coincide con il 30° anniversario del ripristino delle relazioni diplomatiche.

Durante questo periodo, tra Russia e Israele si sono sviluppate anche relazioni uniche, e ci sono tutte le ragioni per questo. In primo luogo, l'Unione Sovietica e il nostro Paese, in quanto successore legale dell'Urss, furono, di fatto, all'origine della creazione dello Stato di Israele. In secondo luogo, Israele ospita probabilmente la più grande comunità di lingua russa all'estero, ci sono molti veterani sopravvissuti della Grande Guerra Patriottica - trattiamo queste persone con un calore speciale.

Devo dire che i rapporti commerciali ed economici sono ancora modesti in termini di volume, ma si stanno sviluppando con successo. Nei primi sette mesi di quest'anno, il commercio è cresciuto del 50 percento, nonostante tutte le restrizioni della pandemia. Questo è un componente molto importante. Ci sono aree interessanti, ne abbiamo parlato con la precedente composizione del governo [israeliano], questi sono i settori ad alta tecnologia dell'economia.

Certo, sarà molto interessante e utile per me scambiare informazioni con Voi sulla situazione nella regione. Come sapete, stiamo compiendo sforzi per ripristinare e rafforzare lo Stato siriano. Ci sono anche questioni problematiche, ce ne sono molte. Ma ci sono anche punti di contatto e opportunità di cooperazione, soprattutto per quanto riguarda le tematiche legate alla lotta al terrorismo.

In generale, abbiamo molte questioni di cui possiamo e dovremmo discutere. Mi auguro vivamente che, nonostante le battaglie politiche interne - e sono inevitabili per ogni Stato - il Vostro governo persegua ancora una politica di continuità in termini di relazioni russo-israeliane. Con il governo precedente abbiamo sviluppato un rapporto di fiducia e di affari.

In ogni caso, siamo lieti di vedere il capo del governo di Israele in Russia. Benvenuto.



Naftali Bennett (come tradotto): Grazie mille per la calorosa accoglienza, signor Presidente.

Le relazioni con la Russia - e in questi giorni stiamo celebrando simbolicamente i 30 anni della loro restaurazione - sono una relazione molto speciale per Israele sia per il passato comune, sia per il presente e il futuro. Ricordiamo molto bene il passato, gli enormi sforzi compiuti dal popolo russo e dall'Armata Rossa per sconfiggere la Germania nazista nella Seconda guerra mondiale. Questo è stato probabilmente il momento più critico nella storia del mondo intero e, naturalmente, del popolo ebraico.

La nostra responsabilità è trasmettere alle generazioni future il sentimento di gratitudine che proviamo nei confronti della Russia: sia attraverso il dialogo che stiamo conducendo, sia attraverso la documentazione storica, e anche attraverso i monumenti che realizziamo. Ad esempio, un monumento a un soldato russo a Netanya, un monumento all'assedio di Leningrado a Gerusalemme - questi sono i due monumenti alla cui inaugurazione, signor Presidente, avete preso parte durante il Vostro soggiorno in Israele. Come persona che ha prestato molta attenzione allo studio della storia, non posso che apprezzare l'enorme contributo e gli sforzi, l'enorme prezzo che il popolo russo ha pagato per la Vittoria.

Signor Presidente, voglio dirVi che in questi giorni stiamo completando la realizzazione di un grande progetto - un nuovo museo in memoria dei soldati ebrei che hanno combattuto nella Seconda guerra mondiale negli eserciti alleati, prima di tutto, ovviamente, all'interno dell'Armata Rossa, dove c'erano mezzo milione di soldati ebrei, duecentomila morirono sui fronti. Sarà un grande museo, prenderà il nome dal defunto presidente Chaim Herzog - il padre dell'attuale presidente di Israele Yitzhak Herzog. Sarò lieto di parlarVi in modo più dettagliato nella nostra conversazione su questo museo.

Sarò lieto di discutere con Voi molti argomenti della nostra attuale cooperazione, lo sviluppo della nostra cooperazione economica, scientifica e culturale.

Abbiamo un milione di «ambasciatori» in Israele che parlano russo. Danno un enorme contributo allo Stato di Israele, lo influenzano notevolmente - per la cultura che hanno portato, per la loro mentalità, per la cultura del lavoro e il successo che ottengono.

Voglio raccontarVi la storia di questa settimana. Ho visitato un soldato ferito in ospedale. Sua madre è un'israeliana di lingua russa. Questa è stata la seconda volta che è stato gravemente ferito quest’anno. Gli ho chiesto: «Sono il Primo Ministro di Israele, voglio davvero aiutarVi. Cosa posso fare per Voi?». Ha detto: «Tutto quello che voglio è tornare alla mia unità di combattimento il prima possibile».

Discuteremo in dettaglio, ne sono certo, signor Presidente, della nostra cooperazione economica. Come avete giustamente detto, abbiamo un grande potenziale e possiamo aumentare attivamente il volume del nostro fatturato commerciale.

Naturalmente discuteremo della situazione in Siria, degli sforzi che vengono compiuti oggi per fermare il programma nucleare iraniano.

Alla fine delle mie parole vorrei concludere affermando che tutto il nostro dialogo e tutte le nostre relazioni si basano su un legame molto profondo tra i nostri Paesi e i nostri popoli.

Signor Presidente, negli ultimi 20 anni e anche di più, Voi avete rafforzato i legami tra i nostri Paesi e li avete portati a questo livello. Voglio dirVi a nome di tutto il nostro Paese, di tutto il nostro popolo: vediamo in Voi un amico molto vicino e sincero dello Stato di Israele, del popolo ebraico.

(In russo) Spasibo.


(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

Sochi – Il presidente Vladimir Putin con il primo ministro israeliano Naftali Bennett. Foto di Evgenij Bijatov, RIA Novosti.
Sochi – Il presidente Vladimir Putin con il primo ministro israeliano Naftali Bennett. Foto di Evgenij Bijatov, RIA Novosti.
Sochi – Il presidente Vladimir Putin con il primo ministro israeliano Naftali Bennett. Foto di Evgenij Bijatov, RIA Novosti.
Sochi - Al termine dei colloqui russo-israeliani.
Sochi – Vladimir Putin aon il primo ministro israeliano Naftali Bennett dopo i colloqui bilaterali.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono