13/07/2021
Russia - Incontro tra Putin e Lukashenko


San Pietroburgo, 13 luglio 2021 – Vladimir Putin ha incontrato il presidente della Repubblica di Bielorussia Alexander Lukashenko al Palazzo di Costantino.
Vladimir Putin: Caro Alexander Grigorievich!
Come abbiamo concordato l'ultima volta, ci incontriamo dopo che i Governi hanno lavorato, soprattutto in ambito economico. Abbiamo anche commissioni di alto livello che si occupano di questi problemi.

All'inizio del nostro incontro, vorrei sottolineare che la Repubblica di Bielorussia - non sto parlando dei nostri piani per l'ulteriore costruzione dello Stato dell'Unione - nel suo insieme rimane un partner grande e affidabile per noi nella sfera economica. Attiro la Vostra attenzione sul fatto che il fatturato commerciale dello scorso anno, ne abbiamo già discusso con Voi, è leggermente diminuito a causa dell'infezione da coronavirus - di circa il 17%. Quest'anno, nei primi quattro o cinque mesi, è cresciuto in modo significativo, di oltre il 37 percento. Questo è un buon indicatore.

Devo dire che, nonostante il coronavirus e altre «infezioni», comprese quelle legate a sfide esterne - intendo ogni sorta di eventi sanzionatori - la Repubblica di Bielorussia sta servendo tutti i prestiti. Inoltre, il governo mi ha appena riferito che il debito estero della Repubblica di Bielorussia è diminuito del 2,5 per cento, di 0,5 miliardi, cioè, in questo senso, la Bielorussia è un partner affidabile e stabile. Le riserve di oro e valuta estera superano significativamente il livello richiesto per servire le operazioni di commercio estero.

Per qualche ragione - forse a causa del Covid – la produzione agricola è diminuita di poco più dell’1 percento, ma la produzione industriale è aumentata di oltre il 16 percento. Questo è un ottimo indicatore, tenendo presente la nostra profonda collaborazione nel settore industriale. Spero che i legami industriali che abbiamo mantenuto dai tempi dell'Unione Sovietica e che si sono sviluppati negli ultimi anni abbiano un effetto positivo sia per l'economia russa che per l'economia della Bielorussia.

Alexander Grigorievich, possiamo riassumere con Voi oggi durante la riunione alcuni risultati di quanto sviluppato dal Governo, - il Governo, come già detto, ha riferito ieri, e questa mattina ho letto i riferimenti, - e vedere in quali direzioni, come dovremmo andare avanti.

Alexander Lukashenko: Grazie, Vladimir Vladimirovich.

Vedo che avete approfondito l'economia della Bielorussia, avete citato i numeri in modo assolutamente accurato. È gratificante che il nostro commercio stia crescendo, nonostante – avete provato imbarazzo a dirlo – tutti quei «virus» che dall'esterno interessano la Bielorussia e la Russia.

Tuttavia, Voi avete ragione, non credevo proprio che avremmo scoperto che le sanzioni sono un’opportunità, e poiché la Russia prima di tutto è caduta sotto queste sanzioni, altrimenti non le avreste citate, avete comunque effettuato una solida sostituzione delle importazioni, soprattutto in agricoltura. Ora, fra due o tre anni, questo sarà un fatto ovvio.

Naturalmente, la nostra economia è strettamente legata a quella russa. Se ricordate, e naturalmente è così, abbiamo mantenuto molti rapporti di cooperazione con la Russia e non abbiamo seguito lo stesso percorso di altre repubbliche, in particolare della nostra repubblica meridionale. Non abbiamo tagliato i legami. Pertanto, l'intera industria è stata preservata e addirittura abbiamo potenziato le nostre capacità in alcuni settori, anche grazie agli investimenti della Federazione Russa.

Sì, finanziariamente, è sempre stato difficile per noi, e Voi capite perché, e qui la Russia ci ha aiutato molto anche in questo senso. E stiamo cercando di adempiere ai nostri obblighi di prestito, intendo prestiti che sono stati emessi, e manterremo i nostri impegni a prescindere dal costo.

Dopo aver affrontato un'altra ondata di sanzioni, la quarta o la quinta, ora ho perso il conto, stiamo infatti diversificando. Oggi si vedono chiaramente le nostre relazioni con l'«Occidente collettivo»: con loro abbiamo avuto scambi insignificanti, in particolare con l'Unione europea. Hanno introdotto sanzioni contro MAZ e BelAZ, ma a quanto ammontava, secondo Voi, il commercio che queste imprese facevano con l'Unione europea? A $ 3,3 milioni in un caso e $ 4 milioni in un altro. Per questo stiamo lavorando sui nostri mercati, come abbiamo fatto da tempo immemorabile, si può dire. Grazie al fatto che non abbiamo tagliato questi legami, stiamo riuscendo, in questo momento difficile, a spingere l'economia verso l'alto.

Il problema non sono solo, come Voi avete giustamente sottolineato, i «virus» dall'esterno, le sanzioni, il problema è che l'economia globale è molto diminuita. Voi l'avete evidenziato durante la Linea Diretta. Ma sopravviveremo a tutti questi attacchi sui prezzi. (Naturalmente, tutti i paesi sono sensibili a questo, anche la Cina sta assistendo a quella che vedono come un'inflazione senza precedenti). Pertanto sopporteremo.

Ma la cosa principale, come vedo ora, e anche Voi, è la sicurezza dei nostri Stati. Tutta l'attenzione dovrebbe essere rivolta a questo. Non importa quanto ci cullino per addormentarci, vediamo che abbiamo fatto la cosa giusta in questo momento, prestando attenzione alla difesa del nostro Stato e alla sicurezza. Vi racconterò anche molto di ciò che sta accadendo. Le dinamiche sono frenetiche, ogni giorno cambia qualcosa.

E, cosa più importante, parlando in generale, Vladimir Vladimirovich, ne abbiamo discusso con Voi, quale sarà la prossima fase in Bielorussia di questa cosiddetta rivoluzione colorata, o ribellione, tutto è iniziato con una ribellione. Dalla ribellione sono passati al terrore individuale. Vi ho già informato su alcune questioni, e ogni giorno c'è uno sviluppo, il terrore individuale contro quelle persone che hanno parlato con franchezza, contro quelle persone che rappresentano lo Stato e la sovranità. Ora sono già passati ai deputati. E i furfanti stanno attaccando l'alloggio dei deputati, in particolare l’alloggio di uno dei capi tra i deputati di un grande partito, quando i bambini sono a casa. Sapete, i bambini sono a casa. Stanno cercando di fare pressione, intimidire. Ma, penso, questa è una questione di tempo, li scopriremo e li troveremo, e li consegneremo alla giustizia.

E ora abbiamo iniziato a lavorare molto attivamente su tutte queste Onlus, Ong, i cosiddetti media occidentali, che qui ci hanno portato la democrazia, ma in realtà non hanno impiantato la democrazia, ma questo terrore. Pertanto, se Voi, e Voi naturalmente, siete informati e vedete cosa sta succedendo, dovete capire che semplicemente non possiamo fare diversamente. Perché queste disgustose millecinquecento Onlus, Ong, si scopre, hanno fondi diversi e così via... Quello che fanno, è chiaro, è finanziato dall'esterno, ma tutti abbiamo pensato: ok, questa è democrazia, parliamo, collaboriamo... Bene, abbiamo ottenuto i risultati corrispondenti.

Ma ancora, Vladimir Vladimirovich, questo non è un disastro per noi. Questo terrore e così via, possiamo gestirlo. La cosa principale è l'economia. E se resistiamo a questo colpo economico insieme alla Russia... Stanno costantemente estendendo le sanzioni contro la Russia, introducendole e così via. Penso che noi, come Vi ho detto una volta, non abbiamo nulla di cui preoccuparci, prestiamo ancora più attenzione alle economie, che in Unione Sovietica, guardiamo di più alle persone. Noi resisteremo. Non resisteremo solo, ma svilupperemo, questa non è una domanda. Oggi non potranno monopolizzare l'agenda internazionale e fare pressione su di noi, non ci riusciranno. Il mondo è cambiato, il mondo è completamente diverso. Ma dobbiamo vivere con il nostro cervello. Tutti gli amici sono buoni per noi, ma dobbiamo vivere con il nostro cervello, come abbiamo sempre fatto.

E grazie per l'invito. Ho pensato: vengo, mi allontano almeno un pò da questo caldo. E il vostro, a quanto pare, è uguale al nostro.

Vladimir Putin: 30 gradi.

Alexander Lukashenko: Ora siamo a 36. Sono vicino a Smolensk, a casa ora, ho volato da casa per venire da Voi - 50 minuti, solo 700 chilometri.

(Fonte: kremlin.ru)


<<Torna Indietro

San Pietroburgo - Vladimir Putin incontra il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko.
San Pietroburgo - Il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko.
San Pietroburgo - Vladimir Putin durante l'incontro con il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono