29/04/2021
Russia - Liturgia patriarcale nel Grande Giovedì


Mosca, 29 aprile 2021 – Nel Grande Giovedì, giorno della memoria dell’Ultima Cena, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Divina Liturgia di San Basilio il Grande e il rito della consacrazione dell’olio santo nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca.
Hanno concelebrato con Sua Santità: il metropolita Dionisij di Voskresensky, direttore del Dipartimento amministrativo del Patriarcato di Mosca, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca, vicario del Monastero stavropegico di Novospassky; il vescovo Foma di Odintsovo e Krasnogorsk, capo del Segretariato amministrativo del Patriarcato di Mosca; il vescovo Foma di Sergiev Posad e Dmitrov, vicario della Lavra della Trinità di San Sergio; il vescovo Feodorit di Zvenigorod, rettore dell'Accademia Teologica di Mosca; il protopresbitero Vladimir Divakov, segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; l’arciprete Mikhail Ryazantsev, decano della Cattedrale di Cristo Salvatore; l'archimandrita Aleksej (Turikov), segretario personale di Sua Santità il Patriarca Kirill; l’igumeno Hilarion (Goyuk), abitante della Lavra della Trinità di San Sergio; lo ieromonaco Mitrofan (Matytsyn), custode della residenza patriarcale e sinodale nel Monastero stavropegico di San Daniele, custode dell’olio santo; il clero della città di Mosca.
I canti liturgici sono stati eseguiti dal coro patriarcale della Cattedrale di Cristo Salvatore (diretto da I.B. Tolkachev).

Il servizio è stato trasmesso in diretta sui canali televisivi «Unione» e «Il Salvatore» e sul sito ufficiale della Chiesa ortodossa russa, Patriarhiya.ru.





Durante la litania della «supplica intensa» sono state elevate preghiere per la liberazione dall'infezione da coronavirus, così come per i medici: «Guarda Signore dell’umanità l'impresa sacrificale dei nostri medici, manda loro salute incrollabile, forza fisica e spirituale, saggezza per compiere opere per il bene del nostro popolo e attraverso di esse guarire il Tuo servo sofferente, Ti preghiamo sinceramente affinché Tu ascolti prontamente e abbi misericordia».

Al termine della litania il Primate della Chiesa ortodossa russa ha pregato per il dilagare dell’ epidemia.

Alla processione del grande ingresso hanno preso parte il sacerdote più anziano, il protopresbitero Vladimir Divakov, con l'alabastro del crisma antico e due coppie di sacerdoti con le anfore del nuovo crisma. Alle porte reali, Sua Santità il Patriarca ha ricevuto l'alabastro e lo ha messo sul trono. Le anfore con il nuovo crisma sono state collocate a destra e a sinistra del trono.

Dopo il canone eucaristico, il Primate ha eseguito il rito della consacrazione del crisma. Prima dell'inizio del rito, Sua Santità Vladyka si è rivolto ai partecipanti al servizio: «Nel Grande Giovedì si celebra il sacramento della Chiesa: la consacrazione del santo crisma. Dopo l'Ascensione al cielo, il Signore si è compiaciuto di donare lo Spirito Santo ai Suoi discepoli e, tramite loro, a tutti i loro seguaci. Sappiamo che questo grande sacramento e questo grande miracolo ebbe luogo il cinquantesimo giorno dopo la Risurrezione di Cristo, quando gli apostoli riuniti nel cenacolo di Sion ricevettero questo dono e fu dato un segno visibile della discesa dello Spirito Santo: lingue di fuoco si posarono su ciascuno degli apostoli.

Avendo ricevuto questo grande dono della grazia divina, gli apostoli lo diedero ai loro discepoli più vicini - coloro che iniziarono ad essere chiamati vescovi, e tramite i vescovi della Chiesa questo dono viene dato all'ordinazione ad ogni sacerdote e diacono. Inoltre, possedendo il dono e il diritto di far scendere lo Spirito Santo, la Chiesa ha ricevuto l'opportunità di benedire una certa sostanza fisica, che chiamiamo crisma, sulla quale, attraverso una preghiera speciale della Chiesa il Grande Giovedì, discende la grazia dello Spirito Santo, quella grazia che si è posata sui santi apostoli.

Il santo crisma è usato per ungere coloro che sono battezzati. In concomitanza con il sacramento del Battesimo, viene eseguito il sacramento della Crismazione e il corpo del battezzato viene unto a croce con il santo crisma - lo stesso crisma che contiene la grazia dello Spirito Santo, conferita nel giorno di Pentecoste ai santi apostoli. E dopo queste parole, pregheremo tutti insieme che il Signore invii lo Spirito Santo alla nostra Chiesa, rafforzi nello Spirito Santo e nella potenza della fede tutti coloro che sono battezzati, benedica la nostra Patria, la protegga da tutti i nemici e rafforzi la fede ortodossa nel nostro popolo. E ora passiamo al grande mistero della consacrazione del santo crisma».





Durante il canto del tropario di Pentecoste, il Primate ha versato il crisma antico dall'alabastro in ogni vaso contenente il crisma appena consacrato. Poi Sua Santità il Patriarca Kirill, secondo la tradizione, ha compensato il contenuto dell’alabastro con il crisma appena consacrato.

Al termine della Divina Liturgia, il custode del santo crisma, ieromonaco Mitrofan (Matytsyn), e gli altri sacerdoti hanno portato l'alabastro e i vasi con il nuovo crisma nella chiesa della residenza sinodale nel Monastero di San Daniele. Il crisma, con la benedizione del Primate della Chiesa ortodossa russa, sarà trasferito a tutte le diocesi del Patriarcato di Mosca.

Il vescovo Feodorit di Zvenigorod ha tenuto il sermone prima della comunione ai Santi Misteri di Cristo.

Alla fine del servizio divino, Sua Santità il Patriarca Kirill ha tenuto il suo sermone.

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)




<<Torna Indietro
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono