11/04/2021
Russia - Liturgia patriarcale a Peredelkino


Peredelkino, 11 aprile 2021 - Nella quarta Domenica della Grande Quaresima, giorno della memoria di San Giovanni della Scala, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha celebrato la Liturgia di San Basilio il Grande.
Il servizio divino ha avuto luogo nella Chiesa del Santo Principe Alexander Nevsky, nell’omonimo skete vicino a Peredelkino.
Al termine della Liturgia, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha tenuto un sermone.

«Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo!

Nella lettura del Vangelo di oggi (Mc 9, 17-31) abbiamo ascoltato la storia del demoniaco, una persona che è stata completamente catturata dal potere del diavolo, e poiché il diavolo è malvagio, il potere del diavolo ha manifestato il male in questo uomo sfortunato nella misura massima.





Il male è sempre una bruttezza, cioè la perdita di un'immagine, è l'assenza di bellezza, è tutto ciò che è opposto alla verità, alla bellezza e al bene. Nello sfortunato demoniaco, tutto questo era così ovvio da essere percepito dalle persone come anormale, privo di ragione, privo di un'immagine umana. È proprio così, e la storia istruttiva del demoniaco sta nel fatto che a sua immagine è stato rivelato il vero volto del peccato e del potere diabolico. Tuttavia, il peccato è quasi sempre vestito della veste della giustizia, o almeno della veste della decenza, perché il peccato è una bruttezza, e una persona rifugge il brutto, si vergogna. È raro che un peccatore dica apertamente che è un peccato, anche se nei tempi moderni questo sta avvenendo sempre più nella società umana. Se la vergogna scompare, la persona non si ferma a mostrare tutto il suo terribile essere interiore.

La storia di oggi sul demoniaco ci mostra cosa sia veramente il male che si impossessa di una persona. Tutte le maschere vengono gettate via, non ha senso nascondere il male sotto le spoglie della virtù. Il male si è rivelato in questa storia così com'è. Ancora una volta voglio sottolineare: il grande significato della storia di oggi è che ci mostra la natura del male. Il male è sempre una bruttezza, è la perdita dell'immagine divina, è disarmonia, sofferenza, questo è il dolore più grande, ma nella vita il male è più spesso nascosto sotto travestimenti e maschere.

La storia del demoniaco, che era così terribile da essere un vero pericolo per le persone, dovrebbe aiutare a renderci conto che il male porta sempre un pericolo, prima di tutto a colui dal quale il male scorre nel mondo che ci circonda. Proprio come il terribile demoniaco ha perso la sua immagine umana, così come le persone che ci circondano, e forse a un certo punto noi stessi perdiamo l'immagine umana quando il male comincia ad avere troppo potere su di noi. Quindi, il male è il volto terribile del demoniaco. Questo è il vero volto del male e tutto il resto è un travestimento.

E ora, forse, la domanda più importante. Il diavolo è la fonte del male, ma è anche il padre delle bugie. Mentire è strettamente correlato al male. La maggior parte di ciò che chiamiamo male deriva dalle bugie, e questa non è una coincidenza, perché il diavolo è il padre delle bugie. Ma, probabilmente, nessuno avrebbe creduto e seguito il diavolo se la bugia fosse stata ovvia. Al monaco Giovanni del Sinai appartengono le parole: il diavolo dissolve sempre una parte di verità in una menzogna. E perché? Perché solo in questo modo una persona crederà a una bugia.

Questo desiderio diabolico di attirare una persona con delle bugie, nascondendosi dietro qualcosa di plausibile, a volte persino veritiero, è la manifestazione più pericolosa del male nel nostro mondo. Partendo dal piccolo, le bugie coprono sempre più spazio dell'esistenza umana e, infine, trasformano la vita delle persone in un inferno.

Sappiamo come adesso le bugie si stanno diffondendo. In generale, l'intera era, che chiamiamo in linguaggio filosofico l'era della modernità, cioè l'era moderna, si distingue per il fatto che i confini tra il bene e il male vengono cancellati. Questo accade per la prima volta nella storia umana - anche in epoca pagana, sia il male che il bene erano compresi da tutti. Gli autori pagani tracciano una linea tra il male e la virtù, la falsità e la verità. Ma l'era attuale ha mescolato tutti i concetti, e questo è il pericolo del mondo in cui viviamo oggi. Siamo di fronte a un misto di verità e bugie sia nella vita di tutti i giorni che in molte altre circostanze e a diversi livelli della società umana. Quante falsità si dicono oggi negli affari internazionali, quante volte il male viene spacciato per bene e il bene per male! E poiché ci sono quelli per i quali il male rimane non ovvio, che finge di essere la verità, allora c'è il pericolo costante che le persone crederanno a questa menzogna, e se credono a questa menzogna, prenderanno il diavolo per un angelo di luce.

Come resistere a tutte queste tentazioni in grande e in piccolo - nella politica internazionale, nella vita pubblica e nella vita personale? Come superare l'influenza totale delle bugie su una persona? Come non essere infettati da questa terribile malattia? San Giovanni nella sua «Scala», delineando la sequenza dell'ascesa spirituale dal peccato alla santità, inizia la sua storia con l'importanza della fede nella vita di una persona.

Infatti, non solo Giovanni del Sinai, ma anche la maggior parte dei santi padri, in pieno accordo tra loro, ripetono le ben note parole: Senza fede è impossibile piacere a Dio (Eb 11, 6). La fede nel Signore ci dà la capacità di distinguere tra il bene e il male, la fede nel Signore ci dà la forza per resistere al male e la fede nel Signore ci dà la forza per salire i gradini della perfezione spirituale.

Ricordando oggi San Giovanni, le sue opere, la sua sapienza, e anche percependo in modo speciale le parole della lettura del Vangelo, ricordiamoci, miei cari fratelli e sorelle, che la lotta contro il male inizia con il rafforzamento della nostra fede. La lotta contro il male presuppone sempre una ricerca indispensabile per la perfezione: salire i gradini della realizzazione spirituale, perché se una persona si ferma, significa che sta cadendo. Solo il movimento verso l'alto sul sentiero dell'ascesa alla verità divina ci dà l'opportunità di guadagnare speranza per la nostra salvezza. A rafforzarci in questa speranza e un esempio da seguire sono i santi padri e i santi di Dio e in modo speciale il santo monaco Giovanni, che oggi glorifichiamo. Attraverso le sue preghiere, possa il Signore aiutarci a percorrere degnamente il sentiero dell'impresa spirituale durante i giorni della Grande Quaresima. Amin».

(Fonte: Servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’; www.patriarhiya.ru)


<<Torna Indietro

Peredelkino - Servizio patriarcale nella quarta Domenica della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella quarta Domenica della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella quarta Domenica della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella quarta Domenica della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Peredelkino - Servizio patriarcale nella quarta Domenica della Grande Quaresima nello skete di Alexander Nevsky.
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono