Aprile 2024
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
2930
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


ELEOUSA magazine
Agosto '17

Alle sorgenti del Dnepr. La storia europea di Russia Ucraina Bielorussia


Si è svolta il 29 e 30 agosto la visita primaziale di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill nella metropolia di Smolensk. Il programma della visita ha visto una serie di eventi dedicati al millesimo anniversario del riposo del santo principe e isoapostolo Vladimir. Il 29 agosto, il Primate della Chiesa ortodossa russa è arrivato nel distretto di Syčëvskij, nell’oblast’ di Smolensk, dove ha origine il fiume Dnepr. Sua Santità Vladyka ha tenuto un servizio di preghiera alle sorgenti del Dnepr e ha visitato il Monastero di San Vladimir. Lo stesso giorno, il Patriarca è giunto a Smolensk, dove ha visitato il Tempio dei Santi Martiri Boris e Gleb in Smyadyn, in cui il santo principe Gleb subì il martirio nel 1015. Il 30 agosto, il Primate della Chiesa Russa ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale della Dormizione del Cremlino di Smolensk. Lo stesso giorno, sul molo di San Vladimir Sua Santità ha preso parte all’inaugurazione del festival «Alle origini del Dnepr», dedicato al millesimo anniversario del riposo del santo principe Vladimir.


Durante la visita il Primate della Chiesa ortodossa russa è stato accompagnato dal capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca, vescovo Sergij di Solnechnogorsk, dal capo del Servizio di protocollo del Patriarca, arciprete Andrej Milkin, dal capo del Servizio stampa Patriarcale, diacono Aleksandr Volkov.
La visita è iniziata nel Monastero di San Vladimir, che si trova nel distretto di Syčëvskij, nell’oblast’ di Smolensk, sulla sorgente del fiume Dnepr. Alle porte della dimora il Patriarca ha incontrato il governatore della regione di Smolensk, Aleksej Ostrovskij, il metropolita Isidor di Smolensk e Roslavl’, il vescovo Sergij d Vjazma e Gagarin, il vicario del monastero, ieromonaco Amvrosij (Fedukovich), i monaci del monastero e il clero della metropolia di Smolensk.
Il Patriarca ha eseguito il rito della piccola consacrazione della Chiesa di legno in onore del Santo Principe Vladimir. Durante il servizio ha cantato il coro della Cattedrale della Santa Trinità di Vyazma, diretto da Elena Platonova. Dai gradini del tempio il Primate della Chiesa ortodossa russa si è rivolto ai fedeli con la parola primaziale: «Desidero rivolgere un caloroso benvenuto ai partecipanti a questo importante evento, la consacrazione del monastero alle origini del Dnepr. Abbiamo appena benedetto la Chiesa in onore del Santo Principe Vladimir, uguale agli Apostoli, il Battista della Rus’, nel millesimo anniversario del Suo riposo, che solennemente si celebra durante tutto l'anno in tutta la Rus’, sia in Russia, Ucraina e Bielorussia, che altrove, dove c'è la Chiesa Russa.
Quando ero metropolita di Smolensk, con grande gioia sono venuto a conoscenza del fatto che c'erano persone che erano pronte a iniziare la costruzione di questo tempio. Purtroppo, le circostanze in quel periodo non ci hanno consentito di fare ciò che è stato fatto oggi: completare la costruzione del tempio, costruire una grande clausura monastica, e rendere questo luogo confortevole, piacevole da vivere, per la privacy delle persone, la preghiera, il pellegrinaggio e anche lo svago».
In conclusione, il Patriarca ha detto: «Insieme a voi siamo su un luogo simbolico - la sorgente del fiume Dnepr, il grande fiume che una volta era la strada principale che collegava la Russia e Bisanzio, la Russia e l'Europa occidentale, la Russia e la Scandinavia. E la sorgente di questo grande fiume, come percorso di civiltà, è proprio qui, nel luogo dove oggi è stata benedetta la Chiesa in onore del Battista della Rus’, il Santo Principe Vladimir. Questo fiume, che lo si voglia o no, unisce i popoli fratelli che provengono dall’unico fonte battesimale di Kiev. E che meraviglia che su questa fonte risplenda la luce della fede ortodossa e ci sia la vita monastica e si elevino preghiere a Dio sia per il popolo della Santa Rus’ che per tutti coloro che vengono qui per chiedere aiuto e sostegno al Signore».
In considerazione dell’aiuto per la costruzione del Monastero di San Vladimir sulla sorgente del Dnepr e per le opere per il bene della Chiesa, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill ha presentato le alte onorificenze della Chiesa. Sono stati premiati: • Sergej Neverov, segretario generale del partito «Russia Unita», con l'ordine di San Serafino di Sarov, III grado; • Viktor Kidjaev, presidente del comitato della Duma di Stato per la struttura federale e il governo locale, con l'ordine di San Serafino di Sarov, III grado; • Nikolaj Pankov, presidente della commissione della Duma di Stato sulle questioni di politica agraria, con la medaglia patriarcale per la costruzione del tempio; • Anton Lopatin, membro della Commissione elettorale centrale della Russia, con la medaglia patriarcale per la costruzione del tempio.
Le alte onorificenze della Chiesa sono state assegnate anche ad altri filantropi e costruttori.
Come dono alla chiesa appena consacrata, Sua Santità il Patriarca Kirill ha presentato l’icona di Sant’Alexander di Svir, la cui memoria si celebra il 30 agosto. Ad ognuno degli abitanti del monastero Sua Santità ha dato il Vangelo. Ai fedeli sono state consegnate piccole icone di San Vladimir, principe pari agli Apostoli e battista della Rus', con la benedizione patriarcale.
Il vescovo Sergij di Vjazma e Gagarin ha rivolto parole di benvenuto a Sua Santità il Patriarca Kirill e ha presentato in dono a Sua Santità il cappuccio e il mantello del Patriarca.
In risposta, il Primate della Chiesa ortodossa russa ha espresso sentimenti di gioia per la possibilità di incontrare nuovamente i vescovi, il clero e i fedeli della metropolia di Smolensk. Rivolgendosi ai sacerdoti della metropolia, il Patriarca ha detto: «Insieme con ognuno di voi è collegata una parte della mia vita. Vi vedo già brizzolati, con esperienza di vita. So quanto sia stato difficile il percorso compiuto da molti di voi. Vi ricordate da dove siamo partiti? Ed ora è una grande gioia vedere aprire chiese e monasteri, come sta cambiando la vita nella terra di Smolensk». «Vorrei con tutto il cuore augurare prosperità all’antica terra di Smolensk, che ha sempre avuto un ruolo speciale nella storia della nostra Patria - ha continuato Sua Santità Vladyka. - È stato uno scudo per difendere Mosca e la nostra Patria dall'invasione degli stranieri, e uno scudo non solo materiale, militare, ma anche spirituale. Dio voglia che oggi questo scudo spirituale protegga il nostro popolo da ogni contaminazione della carne e dello spirito e quindi ci aiuti in questo modo a sviluppare la propria vita - sia spirituale che culturale e materiale - affinché la nostra Patria rinasca e diventi sempre più forte. Possa Dio aiutare tutti noi in queste opere». Nella cappella sulla sorgente del Dnepr Sua Santità il Patriarca ha eseguito la santificazione delle acque.
Sulla strada che conduce alla sorgente del Dnepr è stata installata una lapide in memoria dei soldati della 119ª Divisione di fanteria di Krasnoyarsk, che qui hanno combattuto contro gli invasori nazisti nell’ottobre del 1941. Nel 2004 è stata posta nella cappella una targa commemorativa per il 350° anniversario della riunificazione dell’Ucraina e della Russia (1654).
Dopo il servizio di preghiera, Sua Santità il Patriarca Kirill si è di nuovo rivolto ai fedeli dicendo: «Possa questa acqua benedetta scorrere attraverso la Russia, la Bielorussia e l’Ucraina nel Mar Nero e benedire tutte quelle persone che sono in grado di accogliere nella propria anima la grazia divina. Noi crediamo che qualsiasi tipo di trasformazione dell'anima umana e della vita sociale non può esistere senza l'aiuto di Dio. E la grazia che il Signore ci dà, anche attraverso la benedizione della natura delle acque, è in grado di aumentare la nostra forza umana di dieci volte, ci aiuta a crescere più vicini a Lui e a trovare il Suo Regno già qui sulla terra, nel proprio cuore e nell'eternità».
Al termine della visita al complesso del monastero il Patriarca è partito per Smolensk.
Nelle acque del Dnepr la Rus’ è stata battezzata nel 988. Per centinaia di anni la memoria del fonte battesimale di Kiev ha unito spiritualmente i russi, gli ucraini e i bielorussi. La costruzione del tempio in onore del santo principe e isoapostolo Vladimir alla sorgente del Dnepr, nel quartiere di Dudkino del distretto di Syčëvskij, nell’oblast’ di Smolensk, è iniziata nel 2010, in base al programma «Fonti slave», avviato dalla diocesi di Tver. «Fonti slave» deriva dal nome delle sorgenti di quattro fiumi, che hanno origine nelle colline del Valdaj - Volga, Dnepr, Dvina occidentale e Lovat (Volkhov). Questi bacini idrografici, di cui si parla nel «Racconto degli anni passati», irrorano quasi tutta la parte europea della Russia, dell’Ucraina e della Bielorussia.
Nei mesi di giugno-agosto 2010, con la benedizione di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' Kirill è stata organizzata una processione slava lungo il Dnepr - dalla fonte del Dnepr a Smolensk fino a Kiev, attraversando il territorio dei tre Paesi slavi: Russia, Bielorussia e Ucraina. La processione è stata dedicata al 1022° anniversario del Battesimo della Rus’ e al 65° anniversario della vittoria nella Grande Guerra Patriottica. La processione religiosa è iniziata con un servizio di preghiera nella cappella sulla sorgente del Dnepr e la benedizione della cupola della Chiesa in costruzione di San Vladimir. Nel mese di gennaio del 2011, in occasione della festa della Teofania del Signore, alla sorgente del Dnepr è stata tenuta la benedizione delle acque. Nel 2014, presso la sorgente del Dnepr, su iniziativa del governatore della regione di Smolensk, Aleksej Ostrovskij, e con la benedizione di Sua Santità il Patriarca Kirill, è iniziata la costruzione del Monastero di San Vladimir. Nel 2015, anno in cui la Chiesa ortodossa russa celebra il millesimo anniversario del riposo del santo principe e isoapostolo Vladimir, nel monastero è stata completa la Chiesa di San Vladimir, sono stati costruiti gli alloggi per la comunità monastica, il territorio e la sorgente sono stati onorati con il fonte battesimale.



<< Torna Indietro

Il Cremlino di Smolensk sul fiume Dnepr con la Cattedrale della Dormizione
Syčëvskij - Santificazione delle acque
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono