Luglio 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


ELEOUSA magazine
Agosto '17

La fede è la forza e la base dello Stato. Intervento del metropollita Hilarion di Volokolamsk a Kazan'


Il presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca (Decr), metropolita Hilarion di Volokolamsk, ha tenuto una relazione alla sessione plenaria conclusiva del convegno scientifico-pratico panrusso «La scelta di civiltà dei popoli della Russia: unità della storia, unità del popolo, unità della Russia», che si è tenuta presso l'Università Federale di Kazan’ il 27 e 28 marzo 2015. Il tema della relazione è stato: «La fede è la forza e la base della stabilità dello Stato».
L’evento si è svolto in conformità con l’accordo di mutua cooperazione tra l’Università Federale di Kazan’, il Seminario Teologico Ortodosso di Kazan’, l’Università Islamica della Russia e l’Istituto di Studi Orientali dell’Accademia Russa delle Scienze, nel quadro delle celebrazioni per il millesimo anniversario del riposo del santo principe Vladimir, il Battista della Rus’.
I temi che sono stati al centro della conferenza hanno riguardato: la scelta di civiltà come processo storico continuo; la civiltà, la cultura e la religione: tipologia di relazioni; il confine islamo-cristiano nello spazio della Russia; la comunicazione interreligiosa nello spazio culturale comune della Russia; le religioni tradizionali della Russia di fronte alle sfide del radicalismo religioso; il patrimonio culturale come elemento di spazio confessionale del Medio Volga; la comprensione teologica e filosofico-religiosa del percorso storico della Russia; il mondo laico e religioso nello spazio spirituale russo.



La vita spirituale di ogni nazione. in tutte le sue molteplici forme, fenomeni e processi rappresenta un ambito molto delicato della società e dello Stato. Il famoso storico e filosofo britannico Arnold Toynbee, uno dei fondatori della teoria della civiltà, ha sostenuto che la base della civiltà è la cultura spirituale. Ogni squilibrio nella formula «cultura-civiltà» è la causa delle varie crisi - sociali, politiche, ambientali - il punto di sintesi è la religione. Quando la società mantiene il potenziale spirituale, c’è lo sviluppo della civiltà.
Il nostro incontro si svolge in occasione del 1000° anniversario del riposo del santo principe e isapostolo Vladimir, che ha portato la luce della fede cristiana agli antichi slavi. Come ha rilevato Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, «il battesimo della Rus’ ha segnato un’importante svolta di civiltà nel percorso storico dello Stato russo». Il significato di questo evento nella storia della Rus’ non può essere sottovalutato. Il principe Vladimir, unendo le diverse tribù slave con differenti fedi e costumi nell’unica radice della fede ortodossa, ha creato il maestoso edificio della statualità russa. La Chiesa russa fin dai primi giorni della sua esistenza è diventata una potente forza unificante socio-statale, che ha determinato tutta la successiva storia dei popoli slavi orientali. L’Ortodossia ha rappresentato il fattore unificante più importante nella formazione della coscienza nazionale russa. L’Ortodossia è importante per il nostro Paese, come lo sono la lingua, la memoria storica e l’ambiente di vita. Essa è la radice, è la forza della Russia.
Il nostro è il Paese più grande in cui, insieme all'Ortodossia, sono presenti diverse religioni tradizionali. Con l'Ortodossia interagiscono altre religioni, tra cui l'Islam è quella dominante. Questa religione può anche essere considerata una religione tradizionale russa. L’Islam in Russia, come l’Ortodossia, è un fattore importante nel formare la mentalità delle persone, l'identità etnica e nazionale sono sviluppate in collaborazione tra le due religioni. Ad esempio, la fede islamica ha notevolmente ampliato la sua presenza nei territori dello Stato russo, includendo la regione del Volga, gli Urali, la Siberia, la Crimea, il Caucaso, dove ci sono persone che storicamente professano l'Islam.
L'interpretazione di questo processo, sia come «aggressione» russa contro i popoli musulmani, sia come protezione dei cristiani ortodossi dall'Islam che minaccia la Russia, così come altre interpretazioni sotto l'antitesi del «noi-loro», non riflettono la situazione reale. Naturalmente, nei rapporti tra persone che professano fedi diverse possono instaurarsi strategie politiche e conflitti. Ma secondo Lev Gumilev, e dopo di lui, anche Olzhas Suleimenov, la coesistenza lungo i secoli in un unico Stato di slavi cristianizzati e turchi religiosi ha fatto sì che si instaurassero tra loro forti legami. Così i rapporti turco-slavi sono una manifestazione particolare sul suolo russo di un fenomeno più ampio - la cooperazione tra le civiltà cristiane e musulmane e la creazione di una Stato multietnico e multireligioso.
Questa è l'unicità della Russia - ha avuto origine e si è evoluta nel corso dei secoli come uno Stato in cui si è sviluppata costantemente una mutua convivenza, penetrazione, miscelazione di popoli. È diventata la patria di molti gruppi etnici che non vogliono stare nel «calderone» e perdere i propri valori culturali e spirituali. La Russia non ha ignorato le voci degli altri popoli fratelli, al contrario, avendo una «simpatia universale», secondo la definizione di Fëdor Dostoevskij, ha preservato, protetto e aiutato a sviluppare la loro lingua, la religione e le tradizioni. Pertanto, la Russia - come un unico organismo nazionale - esiste da oltre mille anni. Qui, i rappresentanti di diverse tradizioni religiose e confessioni da molti secoli vivono insieme in pace tra loro nella mutua comprensione e fiducia su un vasto territorio, pur mantenendo la propria identità. Nel nostro Stato non ci sono mai state guerre interreligiose e gravi conflitti per motivi religiosi.
Oggi, tuttavia, è possibile constatare che ci sono forze che sono interessate, purtroppo, all’incitamento alla lotta settaria, alla creazione di focolai di instabilità in diverse parti del mondo. Per questo motivo vengono ampiamente utilizzate le moderne tecnologie dell'informazione, i social network e diversi metodi di «lavaggio del cervello». In questo momento è importante più che mai che ogni religione testimoni la propria fede e tradizioni, nonché si adoperi a promuovere la pace. Il compito di uno Stato laico non è dissociarsi dalla religione, ma piuttosto valutare il potenziale presente nelle confessioni religiose, creare le condizioni per il loro sviluppo sostenibile, vivere in pace e armonia, contrastare lo sviluppo del radicalismo, che si trova ai margini di vari movimenti religiosi. Questo è un problema comune sia per i capi di Stato che per i leader religiosi.
Finora nel mondo è stato sottovalutato, a mio parere, l’esempio di collaborazione e cooperazione, tolleranza e comprensione reciproca tra i cristiani ortodossi e i musulmani in Russia. Essendosi evoluti nel corso dei secoli, è abbastanza comprensibile che tra i musulmani e gli ortodossi ci siano tradizionali rapporti di buon vicinato. I musulmani in Russia non sono né perseguitati, né oppressi. Sono considerati russi. Lo Stato stabilisce le regole basate sul rispetto per l'Islam, ma anche sul rispetto per le altre religioni e la lealtà verso la Russia. Inoltre nello Stato russo da sempre l'Islam coesiste con la cultura multinazionale russa nel suo complesso, completando in gran parte la propria cooperazione religiosa.
La conoscenza del passato è necessaria per preservare la tradizione di mutuo soccorso e difesa degli interessi comuni in materia di coesistenza pacifica tra le due religioni e la loro cooperazione in un unico Stato, per evitare errori e conflitti. Dovremmo imparare dalla storia gli esempi positivi, che sono significativamente maggiori di quelli negativi, e che ci insegnano il comandamento più importante - il comandamento dell'amore.
Dal periodo della Bulgaria del Volga è iniziata non solo la diffusione dell'Islam nei territori della Russia, ma anche l'identificazione e il rafforzamento delle capacità della cultura musulmana di unirsi al contesto locale. Tra le antiche terre russe e il mondo musulmano ci sono stati contatti molto stretti. Essi hanno stimolato la pratica delle relazioni commerciali stabili e sporadicamente le relazioni diplomatiche tra le regioni di frontiera del Califfato e della Rus’.
Particolare attenzione merita il periodo dell’Orda nella storia nazionale. L'aggressione dei mongoli ha portato gravi sofferenze al popolo russo. Tuttavia, secondo Lev Gumilev e un certo numero di altri studiosi, ridurre tutto al «giogo» sarebbe fuorviante. Dopo tutto, tra il Nord-Est della Rus’ (il futuro nucleo della Rus’), e l'Orda d'Oro ci sono stati vari tipi di rapporti, tra cui gli scambi economici e commerciali. L'adozione dell'Islam come religione dominante nell'Orda d'Oro, avvenuta agli inizi del XIV secolo, durante il regno del Khan uzbeko, non ha impedito alla Rus’ di mantenere la propria indipendenza religiosa. Al contrario, come la storia dimostra, nel XVI secolo gli ortodossi, che vivevano nell’Ovest cattolico e protestante, sono diventati rapidamente uniati, perdendo alla fine sia la propria fede che la cultura. Allo stesso modo, i musulmani: dopo la riconquista della penisola iberica nel XVI secolo, sono quasi scomparsi.
Nella Rus’ medievale gli slavi, in generale, tendevano più a Oriente che in Occidente. Questo si spiega sia con le azioni del gran principe Alexander Nevsky, che preferì un'unione con l’Orda al culto d'Occidente, sostenendo l’allora capo della Chiesa ortodossa russa, il metropolita di Kiev Cirillo II, e sia con le parole dello starets Filofej, del monastero di Pskov, dopo la caduta di Costantinopoli nel XV secolo[1].
Dal XIV secolo, molti nobili tartari erano al servizio dei principi russi. Di conseguenza, un numero significativo di boiardi e altri militari dello zar di Mosca erano rappresentanti della nobiltà tartara. Di questi formò un reggimento speciale di tartari-musulmani, che combatterono a fianco di Mosca in numerose guerre contro gli avversari dello Stato della Moscovia. E dopo l'adesione della regione del Volga nel XVI secolo, i suoi abitanti ebbero così ampi diritti nel confessare la propria fede, che i tartari di Kazan’, dopo solo cinquant’anni dall'inclusione dei loro territori da parte degli zar russi, hanno difeso Mosca durante il Periodo dei Torpidi, quando sembrava che lo Stato russo fosse giunto alla fine. I tartari di Kazan’ hanno rappresentato una parte molto significativa delle milizie di Dmitrij Požarskij e Kuz'ma Minin e hanno aiutato a cacciare gli invasori polacchi dal Cremlino. Il momento più simbolico dell’unione tra cristiani e musulmani è stato nel 1681, quando il Khanato di Kasimov - un principato indipendente dei khan tartari, è passato al servizio di Mosca.
Alcuni zar e principi di Kasimov hanno avuto un ruolo di primo piano nella vita politica dello Stato russo. Ad esempio, il khan di Kasimov Sain-Bulat (Dimeon Bekbulatovič), figlio del sultano Bek-Bulat, pronipote del khan Ahmad, che governò la Grande Orda, insieme a suo padre andò a lavorare presso lo zar russo Ivan IV Vasil’evič, ha partecipato alle campagne di Livonia nel 1570, e negli anni della oprichnina è stato proclamato gran principe di tutta la Rus’ e incoronato zar (1575-1576).
In futuro, la natura dello Stato russo è stata determinata dalla stretta interazione tra Islam e Ortodossia per diversi secoli.
Ma non solo nel Medioevo i soldati tartari sono intervenuti per proteggere i confini dello Stato russo. Un aspetto importante della vita della nobiltà musulmana è stato il servizio nell'esercito russo. Un gran numero di tartari e altri popoli musulmani di Russia si è distinto in numerose guerre condotte dallo Stato russo contro i suoi avversari. Per i soldati musulmani che combattevano per lo zar russo gli ordini «ortodossi» di San Giorgio il Vittorioso, che riportavano l’immagine del grande martire cristiano, sono stati appositamente «sostituti». Su tutti gli ordini di San Giorgio, di cui si lamentavano i musulmani, invece dell'immagine del santo cristiano fu posto l’emblema dell'Impero russo - l'aquila a due teste[2].
Meno noto è il ruolo svolto dai musulmani fedeli durante la guerra del 1812. Spesso, le truppe di cavalleria dell’esercito russo, che marciavano in avamposto, composte da rappresentanti delle nazioni musulmane (principalmente tartari e baschiri), erano il terrore dei francesi. Il reggimento a cavallo, composto da tartari, fu il primo ad entrare a Parigi, e tra il seguito dell'imperatore Alessandro I c’era il generale musulmano ceceno Alexander.
I musulmani si distinsero anche durante la Prima guerra mondiale e in altri conflitti militari. Un esempio di grande lealtà fu quello verso l’ultimo imperatore russo Nicola II Alexandrovič, grande portatore della Passione. Il generale Anton Ivanovič Denikin ricordava: «Molti erano sorpresi e confusi dal fatto che la caduta della monarchia secolare fosse stata causata non solo dall'esercito, ma anche da singoli focolai. Conosco solo tre episodi di protesta dura, e una di questa appartiene alle unità di cavalleria guidate dal musulmano Huseyn Khan». Dopo l'abdicazione del sovrano, Huseyn Khan rifiutò di giurare fedeltà al governo provvisorio, è stato preso in ostaggio dai bolscevichi, e nel gennaio del 1919 è stato fucilato nella fortezza di Pietro e Paolo.
Negli anni '80 del XVIII secolo, il governo russo, esaminando la protezione dell’Islam nel Paese, ha tenuto una serie di riforme per l'apertura di uffici territoriali (Muftiat) in Crimea e a Kazan’. Ha iniziato la stampa del Corano con fondi statali. È stato designato il clero islamico ufficiale - imam e muezzin nelle moschee. E i musulmani hanno ripagato con la fedeltà alla Russia. Hanno coraggiosamente combattuto non solo per essa, ma in tempo di pace hanno lavorato per il bene del Paese. Tra i nobili russi c’erano diverse centinaia di famiglie di origine turca, che hanno avuto un ruolo enorme nella storia politica, militare e culturale della Russia. I mufti tartari, gli scienziati, i militari, personalità del mondo della cultura hanno dato un contributo prezioso al tesoro della spiritualità russa, sono entrati a far parte dell'élite nazionale della Russia.
La memoria storica dei popoli che vivono nella Russia è profonda e multiforme. L'esperienza del passato, in ogni caso, non va dimenticata. Al contrario, è importante preservarla come esempio di armonia e tolleranza. E uno dei primi compiti che le nostre religioni devono affrontare oggi è quello di resistere insieme ai tentativi di fomentare la violenza settaria e la destabilizzazione della nostra società. Ripeto le parole pronunciate da Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill: «Il pericolo più grande è la radicalizzazione tra le comunità religiose. Dobbiamo sempre essere molto attenti quando qualcuno, sia esso religioso o, soprattutto, una figura politica, insiste sulla radicalizzazione di una posizione nazionale. Dobbiamo ricordare che più radicale è la posizione nazionale, più aumenta la possibilità di conflitti con i rappresentanti di altre posizioni nazionali, di un’altra cultura e religione nazionale».
Annunciando la pace e l’armonia, i capi religiosi della Russia sono riusciti in gran parte a contenere l'escalation dei conflitti dall’ambito politico a quello interconfessionale. Tuttavia, la pressione che viene da forze che agiscono sotto slogan nazionalisti, estremisti, rappresentano una vera minaccia per la stabilità della società russa. Dobbiamo dimostrare che se la cooperazione tra lo Stato e le religioni tradizionali crea le condizioni per promuovere l’amore e il sostegno reciproco tra le persone di diverse nazionalità e religioni, allora tale cooperazione risulterà produttiva per la società. Se trionfa il punto di vista di coloro che credono che lo Stato debba far rispettare opinioni diverse tra i seguaci di tutte le religioni, questo non solo non consentirà la convivenza pacifica, ma porterà a un conflitto di principio tra i credenti e lo Stato e destabilizzerà la nostra società.
Inoltre, la cooperazione tra le nostre due confessioni può e deve essere progettata per proteggere il ruolo della religione nella vita pubblica, per combattere la diffamazione della religione, per opporsi all’intolleranza e alla xenofobia, per tutelare i luoghi sacri, per proteggere i luoghi di culto, per promuovere iniziative congiunte volte al mantenimento della pace. Ciò è necessario anche per il fatto che oggi in molti Paesi del mondo si è perso il contatto con la fede. Il fattore religioso viene ignorato nel processo decisionale politico, e l'aspetto religioso della vita umana viene escluso dai processi sociali. Questo approccio viene generalmente giustificato con il desiderio di aiutare la convivenza pacifica tra le diverse religioni, così come tra la religione e l'ateismo. Infatti, il risultato è la secolarizzazione estrema e contemporaneamente il degrado culturale. Le leggi promulgate contro la morale tradizionale sono in conflitto con i comandamenti di Dio. Di conseguenza, l'influenza culturale dell'Occidente viene imposta agli altri Paesi come l'unica vera e universale cultura. Sono convinto che ora, più che mai, sia importante il dialogo interreligioso, il cui scopo è la testimonianza della propria fede e delle proprie tradizioni non solo a livello regionale, ma anche a livello globale. Nell’ambito delle organizzazioni internazionali è necessario creare meccanismi che tengano maggiormente conto delle tradizioni spirituali e culturali dei diversi popoli.
E questa esperienza di dialogo interreligioso è presente in Russia. Un meccanismo importante per il dialogo interreligioso è il Consiglio interreligioso della Russia, che opera con successo e in modo efficace da più di quindici anni. Il suo esempio e l'esperienza si sono rivelati interessanti per gli Stati indipendenti dell'ex Unione Sovietica. I leader religiosi di questi Paesi hanno creato il Consiglio interreligioso della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI). All'interno di questi organismi ci siamo impegnati a contrastare congiuntamente le varie sfide del nostro tempo, così come a dimostrare l'esperienza positiva di convivenza pacifica e di cooperazione tra tutte le religioni tradizionali della Russia.
Nel mondo di oggi è strategicamente importante rafforzare non solo le fondamenta politiche, ma anche quelle storiche, spirituali ed etniche dei popoli che costituiscono un unico Stato russo. Certo, i valori religiosi sono il principio fondamentale di auto-identificazione di ogni individuo e la base per l'integrazione delle persone nella società. Il fondamento di ogni gruppo etnico è l'unità delle identità personali dei suoi cittadini costituenti - i loro valori culturali, i luoghi sacri, le norme, i significati e gli ideali della vita nel corso della storia. I valori religiosi costituiscono un importante punto di partenza di identità civile di ogni nazione. Essi costituiscono il nucleo del codice genetico di ogni civiltà, e soprattutto di una così complessa e diversificata civiltà, come quella della Russia.
Il 1000° anniversario della memoria del santo principe Vladimir, uguale agli Apostoli, richiama l’attenzione e offre spunti di riflessione per delineare prospettive e organizzare progetti, per analizzare e valutare il passato. Sono fiducioso che questa data aiuterà le persone di religioni diverse a sentire il respiro della storia, a valutare il proprio percorso originale attraverso il rafforzamento dei valori tradizionali della Russia, per dare a tutti noi, compresa la comunità scientifica, la possibilità di riflettere sulla storia del nostro Paese, di vedere il ruolo insostituibile della religione nell’apparato statale e nello sviluppo culturale dei popoli della Russia. E qui vedo un altro compito del nostro dialogo, oltre quello di contrastare i conflitti interreligiosi e dare una risposta comune alle sfide del mondo laico - la possibilità di fare i patrioti della propria Patria. In Russia sono uniti armoniosamente molti popoli e terre, e gli sforzi congiunti di tutte le religioni in essa esistenti, volti a proteggere l'unità dello Stato, devono avere «un aspetto incommensurabile. La perdita di questa impostazione porta alla morte dello spirito patriottico e all’autoaffermazione dell’orgoglio individuale ed elimina la possibilità di servire la Patria»[3].
Un esempio di tale patriottismo ci è offerto dal pietroburghese Lev Nikolaevič Gumilev, il cui monumento si trova nel cuore di Kazan’, con scolpite su di esso le parole di Lev Tolstoj: «Io, un uomo russo, per tutta la vita difendo i tartari dalla calunnia». Lev Gumilev, con tutta la sua straordinaria erudizione e logica, ha resistito ai tentativi da parte di politici e storici di sminuire il ruolo del popolo tartaro nel continente eurasiatico e il tentativo di opporsi ai tartari russi. Un altro esempio ci viene dato dal poeta russo Ğabdulla Tuqay, «Con il popolo russo noi abbiamo le canzoni, abbiamo in comune la nostra vita quotidiana e la morale... la nostra amicizia durerà per sempre, siamo attaccati ad un unico filo».
Siamo chiamati dal Creatore a vivere in pace e nel rispetto reciproco, a contrastare insieme l’iniquità immorale, per dare una risposta alle sfide del mondo contemporaneo, a difendere il nostro diritto alla vita, sulla base della morale tradizionale. Ciò è necessario non solo per noi, ma per il bene delle generazioni future. Di fronte a queste sfide abbiamo bisogno di stare insieme. Abbiamo bisogno di ricordare all'umanità l'esistenza del Creatore, la dimensione spirituale dell'uomo e del mondo. Dobbiamo testimoniare con l'esempio l’interconnessione della pace e della giustizia, della morale e della legge, della verità e dell'amore.



Con la benedizione di Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill, il metropolita Hilarion di Volokolamsk ha visitato la metropolia del Tatarstan dal 27 al 29 marzo per partecipare all’apertura delle celebrazioni in onore del millesimo anniversario del riposo di san Vladimir, uguale agli Apostoli.
Sabato 28 marzo, il metropolita Hilarion ha celebrato la Divina Liturgia nel monastero maschile dell’icona della Madre di Dio di Kazan’, costruito sul luogo dove fu trovata nel XVI secolo l’immagine miracolosa della Regina del Cielo. Nella chiesa del monastero è ora venerata una copia dell’icona di Kazan’, che per lungo tempo è stata conservata in Vaticano ed è stata data alla Chiesa ortodossa russa nel 2004. Dal 2005 questa icona è a Kazan’.
Hanno concelebrato con vladyka il metropolita Anastasij di Kazan’ e Tatarstan e il vescovo Mefodij di Al’met’evsk e Bugulma.
Lo stesso giorno si è tenuta una riunione tra il presidente del Decr e il presidente del Consiglio di Stato del Tatarstan, Farid Mukhametshin. Alla riunione hanno partecipato anche il metropolita Anastasij di Kazan’ e Tatarstan e il presidente della Commissione del Consiglio di Stato della Repubblica del Tatarstan per l’istruzione, la cultura, la scienza e le questioni nazionali, Valeev Razil. Le parti hanno discusso il tema delle relazioni tra gli ortodossi e le comunità musulmane del Tatarstan, sottolineando l’esperienza unica di interazione delle comunità religiose, nonché l’elevato livello delle relazioni interetniche.
In serata, presso il Seminario Teologico di Kazan’ il metropolia Hilarion ha celebrato la Veglia di Tutta la Notte, dopo di che ha incontrato insegnanti e seminaristi.
Domenica 29 marzo, il presidente del Decr ha celebrato la Divina Liturgia nella Cattedrale dell’Annunciazione del Cremlino di Kazan’. Nel tempio erano presenti i rappresentanti di varie confraternite ortodosse, i membri delle comunità cosacche, le organizzazioni giovanili della metropolia del Tatarstan, gli alunni delle scuole domenicali della città e della provincia, i fedeli delle chiese della città di Kazan’.
Nel corso della giornata, vladyka Hilarion ha preso parte alla cerimonia di apertura del centro spirituale ed educativo diocesano «L’apostolo», costituito presso la chiesa dedicata al vescovo martire Kirill, metropolita di Kazan’. Gli attivisti dei movimenti giovanili hanno presentato all’illustre ospite un loro pezzo creativo; inoltre sono stati illustrati in versione elettronica i progetti indicati nel forum dei giovani ortodossi della Repubblica del Tatarstan «San Vladimir. Fede e opere». Sono stati premiati i vincitori del concorso diocesano «Amare! Vivere! Agire!».
Al termine della visita a Kazan’, il metropolita Hilarion si è recato al complesso fieristico «Il Maneggio», dove ha preso parte alla cerimonia di apertura della mostra fotografica di tutta la Rus’ «Verso il 1000° anniversario del riposo del santo principe Vladimir. La fede attraverso l’obiettivo dei contemporanei».

Note

[1] Citazione da: «Il regno bizantino è in rovina, perché i greci hanno tradito la fede ortodossa firmando l’unione con i latini... I musulmani hanno preso il regno greco, la fede non sia danneggiata»;

[2] L’immagine degli ordini per i non cristiani è stata adottata dall'imperatore Nicola I Pavlovič e il primo premio è stato consegnato al maggiore Bek Jama Kajtakhskij;

[3] Le parole di Petr Petrovič Suvchinsky (1892-1985) - giornalista, filosofo, rientrano nel termine di eurasiatici, figura culturale della prima ondata dell’emigrazione russa;

(Traduzione del testo dal russo a cura della redazione)



<< Torna Indietro

Il metropolita Hilarion di Volokolamsk, presidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne del Patriarcato di Mosca
Kazan' - Convegno panrusso «La scelta di civiltà dei popoli della Russia»
Kazan' - Incontro con il presidente del Consiglio di Stato del Tatarstan
Icona della Madre di Dio di Kazan' (XVIII sec.)
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono