Dicembre 2022
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Vedi tutti gli eventi >>
HOMEPAGE
PRESENTAZIONE SITO
STORIA
ICONA
AKATHISTOS
ORTODOSSIA
LUOGHI
EVENTI
CONTATTI

Privacy

Informativa sull'uso dei Cookies

 


ELEOUSA magazine
Agosto '17

Nel 700° anniversario di San Sergio di Radonež. Celebrazioni in oltre settanta regioni della Russia


«La commemorazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež è un evento che riguarda tutti, sia credenti che laici. Riguarda tutti noi, perché come cittadini del Paese godiamo della prosperità e della grandezza che sono state in gran parte determinate dalle opere di San Sergio».
È con questo incipit del plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nel Distretto Federale Centrale, Alexander Beglov, che si è svolta nella Sala San Sergio della Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, il 29 aprile 2014, la riunione congiunta del comitato organizzatore della Chiesa ortodossa russa e del gruppo di lavoro sotto il Presidente della Federazione Russa per i preparativi della celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
Secondo Beglov, il compito principale della celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio è quello di ricordare il ruolo del santo nella storia della formazione dello Stato russo, comprendere a livello attuale le immense trasformazioni che si sono verificate nel Paese grazie agli sforzi e al talento del santo monaco, percepire il collegamento spirituale tra le varie epoche che sono trascorse in questi sette secoli e «mostrare al mondo ortodosso che per tutti questi secoli i nostri valori fondamentali sono rimasti immutati».
La riunione è stata presieduta dal Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill e dall’inviato presidenziale nel Distretto Federale Centrale.
Al tavolo di presidenza, unitamente ai due presidenti, c’era anche il metropolita Merkurij di Rostov e Novocherkassk, presidente del Dipartimento sinodale per l'istruzione religiosa e la catechesi e capo del comitato organizzatore della Chiesa ortodossa russa per la celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio.
Hanno partecipato ai lavori i rappresentanti della Chiesa e di varie organizzazioni ecclesiastiche: metropolita Panteleimon di Yaroslavl e Rostov; metropolita Aleksej di Tula ed Efremov; metropolita Arsenij di Istra, primo vicario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; metropolita Georgij di Nizhny Novgorod e Arzamas; metropolita Veniamin di Ryazan e San Michele; arcivescovo Evgenij di Vereja, presidente del Comitato per l’istruzione della Chiesa ortodossa russa e rettore dell’Accademia Teologica di Mosca; arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, presidente del Dipartimento sinodale per i monasteri e il monachesimo, vicario della Laura della Santa Trinità di San Sergio; vescovo Sergij di Solnechnogorsk, capo della Segreteria amministrativa del Patriarcato di Mosca; vescovo Tikhon di Podolsk, presidente della Gestione economica e finanziaria del Patriarcato di Mosca; arciprete Vladimir Divakov, primo segretario del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ a Mosca; arciprete Vsevolod Chaplin, presidente del Dipartimento sinodale per le relazioni tra la Chiesa e la società; arciprete Alexander Ganaba, segretario della diocesi della regione di Mosca; archimandrita Tikhon (Shevkunov), segretario esecutivo del Consiglio Patriarcale per la cultura e vicario del monastero della Presentazione al Tempio; archimandrita Pavel (Krivonogov), prevosto della Laura della Santa Trinità di San Sergio; Vladimir Legojda, presidente del Dipartimento sinodale per l’informazione; arciprete Nikolaj Balashov, vicepresidente del Dipartimento per le relazioni ecclesiastiche esterne; archimandrita Sava (Tutunov), vicegovernatore del Patriarcato di Mosca; arciprete Alexander Abramov, responsabile del Servizio per il sostegno agli eventi ufficiali; arciprete Andrej Milkin, capo del Protocollo di Sua Santità il Patriarca; igumeno Mitrofan (Shkurin), vicepresidente del Dipartimento sinodale per l’istruzione religiosa e la catechesi; arcidiacono Vladimir Nazarkin, assistente del presidente del Dipartimento per le relazioni esterne; igumena Olimpiade (Baranova), madre superiora del monastero stavropigiale dell’Intercessione di Khotkovo, a Sergiev Posad; signor Maksim Parshin, responsabile del Servizio per i legami regionali del Dipartimento sinodale per i rapporti tra la Chiesa e la società; signora Maria Korovin, responsabile dei controlli organizzativi e procedurali del Dipartimento sinodale per l’informazione.
Per le strutture governative erano presenti alla riunione il ministro della cultura della Federazione Russa Vladimir Medin; il ministro delle costruzioni, abitazioni e servizi comunali della Federazione Russa Mikhail Men; il ministro dei Trasporti della Federazione Russa Maksim Sokolov; il presidente della Duma di Stato dell’Assemblea Federale della Federazione Russa per gli affari della Comunità degli Stati Indipendenti, l’integrazione eurasiatica e le relazioni con i connazionali Leonid Slutskij; il governatore della regione di Mosca Andrej Vorobiev; il governatore della regione di Ryazan Oleg Kovalëv; il governatore della regione di Nizhny Novgorod Valerij Shantsev; il governatore della regione di Yaroslavl Sergej Jastrebov; il direttore dello Sviluppo del sistema produttivo dello Stato per l'energia atomica «Rosatom», Sergej Obozov; il viceministro della Cultura della Federazione Russa Grigorij Pirumov; il direttore del Dipartimento del Ministero della Cultura della Federazione Russa per la cooperazione internazionale Sergej Obryvalin; il responsabile del Centro di Emergenza Regionale Centrale della Russia Oleg Bazhenov; il responsabile del Ministero degli Interni della Russia nel Distretto Federale Centrale Sergej Derevjanko; il vicecapo della politica interna dell'Amministrazione del Presidente della Federazione Russa, direttore del Dipartimento per le relazioni internazionali e le religioni, Mikhail Belousov; il vicecapo dell’Agenzia federale per la Comunità degli Stati Indipendenti, connazionali residenti all'estero e cooperazione internazionale umanitaria (Rossotrudnichestvo) Georgij Muradov; il viceministro dei Trasporti della Federazione Russa Oleg Beloserov; il vicedirettore del Dipartimento della Cultura del Governo della Federazione Russa Olga Koroleva; il responsabile della cooperazione interregionale, le politiche nazionali e le relazioni con le organizzazioni religiose della città di Mosca Yuri Artyukh, e altri.
I partecipanti hanno discusso i piani per la preparazione, l'organizzazione e lo svolgimento degli eventi celebrativi per il 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
Aprendo la riunione, Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill ha rivolto al pubblico un breve discorso. Poi c’è stata la presentazione dei preparativi già in corso per l’evento.
Il presidente del gruppo di lavoro sotto il Presidente della Federazione Russa, Alexander Beglov, ha parlato brevemente dei principali festeggiamenti dedicati a San Sergio che si sono già svolti quest’anno e ha rilevato che tutto il 2014 sarà ricco di molti eventi, la cui preparazione è iniziata da tre anni.
Egli ha trasmesso a Sua Santità il Patriarca i saluti del presidente russo Vladimir Putin.
Ai primi di maggio sarà benedetto da Sua Santità il Patriarca Kirill il monumento al granduca Dmitrij Donskoj, che prima della battaglia di Kulikovo fu benedetto da San Sergio di Radonež.
L’11 maggio le celebrazioni si sposteranno al centro della regione di Yaroslavl, dove nel villaggio di Varnitsa, alla periferia di Rostov, è nato il santo e dove è sorto il monastero della Santa Trinità. In questo giorno, presso la santa dimora, Sua Santità il Patriarca Kirill terrà il rito della grande consacrazione della Cattedrale di San Sergio di Radonež, ricostruita in occasione del 700° anniversario della nascita del santo.
Il 18 luglio, giorno del ritrovamento delle reliquie del monaco, la celebrazione principale si terrà presso la Laura della Santa Trinità di San Sergio. Si prevede che alla celebrazione presso il monastero fondato dall’Igumeno della terra russa parteciperanno numerosi pellegrini provenienti da tutto il Paese. Prima dell'inizio delle celebrazioni principali si svolgerà una processione da Khotkovo a Sergiev Posad.
Il 20 e 21 settembre, la festa si sposterà nella regione di Tula, al campo Kulikovo.
Le celebrazioni nel mese di ottobre si terranno presso l'Accademia Teologica di Mosca, che è chiamata la «piccola cella di San Sergio». Quest'anno ricorre il 200° anniversario della presenza dell’Accademia a Sergiev Posad.
Durante tutto l'anno, le celebrazioni si svolgeranno in più di 70 regioni della Russia.
La relazione sull’esecuzione del piano di lavoro per la preparazione e lo svolgimento delle celebrazioni, approvato da Sua Santità il Patriarca Kirill, è stata tenuta dal metropolita Merkurij di Rostov e Novocherkassk.
La presentazione del piano di attuazione per la preparazione e la celebrazione del 700 ° anniversario della nascita di San Sergio, approvato dal decreto governativo della Federazione Russa il 26 dicembre 2011 - № 2364-p, è stata tenuta dal ministro della cultura Medin.
Sono intervenuti anche il direttore del Dipartimento per le politiche in materia di educazione dei bambini e dei giovani del Ministero dell’Istruzione e della Scienza della Federazione Russa, Alexander Stradze, il presidente della Gestione economica e finanziaria del Patriarcato di Mosca, vescovo Tikhon di Podolsk, il vicario della Laura della Santa Trinità di San Sergio, arcivescovo Feognost di Sergiev Posad, e il presidente della Duma di Stato dell’Assemblea Federale della Federazione Russa per gli affari della Comunità degli Stati Indipendenti, l’integrazione eurasiatica e le relazioni con i connazionali, Leonid Slutsky.
Sull’organizzazione e lo svolgimento della processione da Khotkovo alla Santa Trinità di San Sergio, il 16 luglio 2014, ha parlato il vescovo Sergej di Solnechnogorsk.
Khotkovo è il luogo dove sono custodite le reliquie dei genitori di San Sergio, Cirillo e Maria, nel monastero dell’Intercessione.
Le relazioni sulla preparazione e la celebrazione del 700° anniversario della nascita di San Sergio di Radonež presso la Laura della Santa Trinità di San Sergio a Sergiev Posad sono state presentate dal governatore della regione di Mosca, Andrej Vorobiev, dal ministro della cultura della regione di Mosca, Oleg Roznov, e dal ministro dei Trasporti della Federazione Russa, Maksim Sokolov.
Hanno tenuto le relazioni sulla preparazione e lo svolgimento delle celebrazioni nelle regioni della Federazione Russa il governatore della regione di Yaroslavl, Sergej Yastrebov, il governatore della regione di Ryazan, Oleg Kovalëv, il governatore della regione di Nizhny Novgorod, Valerij Shantsev, il vicepresidente del Governo della regione di Tula, Marina Levin.
Sulla celebrazione del 200° anniversario della presenza dell’Accademia Teologica di Mosca presso la Laura della Santa Trinità di San Sergio ha parlato l'arcivescovo Evgenij di Vereja.

Monastero di Varnitsa

La terra di Rostov è il luogo di nascita di molti santi e asceti. Qui hanno predicato San Leonzio, vescovo di Rostov e Suzdal, e il reverendo Abramo di Galič e Chukhloma, scrisse le sue opere San Demetrio (Tuptalo), qui avvenne il martirio di Sant’Arsenio (Matseevich), e in meno di duecento anni una serie di nuovi martiri e confessori di Rostov hanno testimoniato la loro fedeltà a Cristo fino alla morte.
Ma il più venerato di questi asceti fu San Sergio di Radonež (1314-1392), che per le sue grandi opere è stato chiamato Igumeno della terra russa. Il piccolo villaggio dove nacque, situato vicino alle saline, era di proprietà dei boiardi Cirillo e Maria, i genitori di San Sergio, glorificati tra i santi. Presso la Cattedrale della Dormizione di Rostov il futuro santo ha imparato a leggere, portando da bambino il nome di Bartolomeo. Il ragazzo progrediva nell’apprendimento con grande difficoltà, ma come riporta la storia della sua vita, una volta, andando a cercare i cavalli fuggiti nei campi, al giovane apparve un vecchio monaco, raccolto in preghiera sotto un grande albero. Il ragazzo si avvicinò al monaco e parlò a lui del suo voto e della sua speranza. Dopo avere ascoltato con partecipazione, il monaco recitò una preghiera per il giovane affinché la sua mente fosse illuminata. E Bartolomeo ricevette la grazia dell'apprendimento e fu in grado di imparare, leggere e memorizzare con facilità.
Ecco quello che scrive di lui Sant’Epifanio il Saggio, suo discepolo: «Degno di doni spirituali era questo buon ragazzo, che sin da bambino ha conosciuto e amato Dio, e Dio lo ha salvato». Ha vissuto obbedendo ai genitori, cercando di soddisfare i loro insegnamenti e per nulla disobbedendo loro. Durante l'adolescenza il futuro monaco è vissuto in rigoroso digiuno, e il mercoledì e il venerdì non mangiava nulla, di notte era spesso sveglio e pregava. Così in lui lo Spirito Santo infuse la grazia.
Il ricordo dell'infanzia del reverendo è stato conservato con cura a Rostov. Nel 1427, cinque anni dopo aver ottenuto le sue reliquie, Sant’ Efrem, arcivescovo di Rostov, ha fondato sul sito della casa natale il monastero del Venerabile Sergio, nel cui nome compare il titolo «di Varnitsa», derivato dalle saline situate qui.
Il primo edificio in pietra fu la cattedrale della Santa Trinità del Compound della Laura della Trinità di San Sergio, consacrata nel 1771 dall’arcivescovo Afanasij. Nel 1828, a spese dei commercianti di Rostov fu eretta la chiesa della Madre di Dio del Segno.
Nella storia del monastero si narra che durante i periodi in cui imperversavano le epidemie di colera nel XIX secolo, per intercessione di San Sergio verso la sua patria gli abitanti del monastero di Varnitsa furono salvati.
Nel 1919 il monastero fu chiuso e negli anni successivi fu sistematicamente distrutto. Sul suo territorio fu costruita una strada. Sopravvissero alla distruzione solo la chiesa della Madre di Dio del Segno e un paio di edifici semidistrutti.
Tuttavia, le preghiere di San Sergio non hanno mai lasciato questo luogo santo, e dal 1995 è iniziata di nuovo la vita di preghiera e a poco a poco è rinata la comunità monastica. Oggi, grazie alle preghiere e alle fatiche degli abitanti, il monastero è stato restaurato, vi opera una scuola ortodossa ed è stata costruita la nuova chiesa del monastero in onore di San Sergio.



<< Torna Indietro

Icona di San Sergio di Radonež, Igumeno della terra russa (1314-1392)
Mosca - Riunione congiunta sull'anniversario della nascita di San Sergio di Radonež.
Varnitsa - Monastero della Santa Trinità di San Sergio
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono