ELEOUSA magazine
Agosto '17

Nel giorno dell'onomastico del Patriarca Kirill


Il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, presso la residenza di lavoro del Patriarca a Mosca, dove il capo dello Stato si è congratulato con Sua Santità il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ Kirill nel giorno del Suo onomastico, ha avuto una conversazione con il Primate della Chiesa ortodossa russa e con Sua Santità il Patriarca copto Tawadros II.
Rivolgendosi al Primate della Chiesa copta, il Presidente russo ha detto: «Vostra Santità, sono lieto di darVi il benvenuto a Mosca. Il Patriarca di Mosca e di tutta la Rus’ mi ha parlato in dettaglio sia della Chiesa copta che di Voi. La Chiesa copta è una delle prime chiese cristiane. Nel mondo ci sono 30 milioni di copti, in Egitto - 14 milioni. Sono stato particolarmente lieto di constatare questo, perché con l'Egitto abbiamo stabilito un ottimo rapporto, e, naturalmente, con tutto il popolo egiziano, senza fare nessuna divisione tra le religioni».
«Tuttavia, la conversazione con Voi, la persona che rappresenta il cristianesimo in Egitto, è particolarmente gradita a noi, - ha proseguito il capo dello Stato russo. - Per noi significa un rapporto speciale con l'Egitto. So che il presidente Abdel Fattah al-Sisi, che è un grande amico del nostro Paese, sostiene attivamente i copti in Egitto. Vi chiedo di trasmettere a lui e a tutto il popolo egiziano i migliori auguri per conto della Russia».
«Grazie a Dio che la situazione in Egitto sta migliorando ogni giorno, - ha dichiarato il capo della Chiesa copta. - Manteniamo un ottimo rapporto con il presidente al-Sisi, con il governo e il parlamento egiziani. E stiamo anche facendo sforzi per mantenere l'unità nazionale in Egitto tra cristiani e musulmani».
«Grazie per la Vostra accoglienza e per il rapporto speciale con l'Egitto. Pregheremo che questi rapporti migliorino di giorno in giorno sia a livello statale che tra le Chiese, - ha detto in conclusione Sua Santità il Patriarca Tawadros.
«Noi attribuiamo grande importanza allo sviluppo delle relazioni tra le Chiese», ha ribadito il presidente Vladimir Putin.
«Voi avete citato le reliquie di san Nicola. Questo evento è stato reso possibile grazie agli accordi che sono stati raggiunti nel corso della riunione del Patriarca di Mosca e di tutta la Rus' con il Papa di Roma. Questo è un grande evento per i fedeli ortodossi in Russia, ha detto il capo dello Stato. - Siamo molto grati al Papa e alla Santa Sede per la decisione, che è stata adottata su richiesta del Patriarca».
«La Chiesa ha un ruolo molto importante nelle relazioni fraterne tra i popoli. Nel Vostro caso è la manifestazione più viva di questa tendenza molto significativa oggi», ha sottolineato il capo di Stato russo.
Lo stesso giorno il Presidente della Federazione Russa ha visitato la Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca, dove ha venerato le reliquie di san Nicola il taumaturgo.
L’arrivo delle reliquie in Russia è stato un evento unico: per 930 anni le preziose reliquie non hanno mai lasciato la città di Bari.
La costola sinistra di san Nicola il taumaturgo è stata posta in un'arca speciale, dietro un vetro blindato. Così, per la prima volta una parte delle reliquie del santo cristiano più venerato è stata esposta ai fedeli.



<< Torna Indietro

Vladimir Putin venera le reliquie di san Nicola il taumaturgo
Agosto '17


Costi abbonamento

Abb. annuale € 30,00
Abb. benemerito € 50,00



Da versare su c/c postale n° 91231985
IBAN IT 11 E 07601 15500 0000912385
intestato a Eleousa di Fernanda Santobuono